Domanda:
Quando usare le inversioni per armonizzare una linea di basso
Dodicin
2014-11-28 04:14:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Qual è esattamente la procedura per armonizzare una linea di basso? Nella mia classe, l'insegnante ha introdotto inversioni di accordi, che di per sé non sono difficili da capire, ma non riesco a capire come posso usarle per armonizzare una linea di basso.

Se ho per usare rigorosamente le triadi in posizione fondamentale, potrei dare a ciascuna nota il suo grado semplicemente guardando la nota. Ma capisco che ci sono alcuni gradi che non possono passare ad altri, come un accordo del gruppo dominante (V, vii °) a un accordo del gruppo sottodominante (IV, ii). Quindi so che posso usare le inversioni per risolvere questo problema.

Oltre a questo, cosa devo cercare per capire quando potrei usare un'inversione?

Ad esempio, ho fatto questo esercizio in classe:

enter image description here

So che quello che sto chiedendo è probabilmente una seccatura da spiegare completamente , ma il mio libro è piuttosto difficile da capire, almeno per me. Se qualcuno potesse aiutarmi, o almeno darmi indicazioni su qualche risorsa da cui studiare, avresti il ​​mio eterno ringraziamento.

Tre risposte:
Casey Rule
2014-11-28 07:39:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una singola linea di basso può essere armonizzata in molti modi diversi. Supponendo che tu stia lavorando solo con triadi diatoniche (accordi di tre note che non richiedono alterazioni), in genere avrai tre opzioni per la tua armonia per ogni nota. Nella tonalità di G maggiore, queste opzioni sono simili a questa:

  • G: I , vi 6 , IV6 4
  • A: ii , vii ° codice> 6 , V6 4
  • B: iii , I 6 , vi6 4
  • C: IV , ii 6 , vii°6 4
  • D: V , iii 6 , I 6 4
  • E: vi , IV 6 , ii 6 4
  • F #: vii ° , V 6 , iii64

Mi rendo conto che probabilmente sembra un po ' scoraggiante in questo momento, ma diventa più facile mentre pratichi. Per mostrarti come possiamo applicarlo, diamo un'occhiata alle ultime quattro misure del tuo esercizio. Abbiamo la seguente linea di basso: Re, Mi, Do, Re, Sol, Do, G. Di solito trovo più facile lavorare all'indietro durante l'armonizzazione, quindi lascia che ti guidi attraverso questo processo:

Prima di tutto , sappiamo già che l'ultimo accordo deve essere un accordo I nella posizione fondamentale, quindi diamo un'occhiata al penultimo accordo. Sappiamo di aver bisogno di una cadenza qui, sia plagale che dominante. L'unico accordo che possiamo usare che ci fornisce una cadenza valida è un IV , un C in posizione fondamentale. Quindi, i nostri ultimi due accordi sono fondamentalmente decisi per noi. Da qui in poi, dobbiamo iniziare a prendere alcune decisioni ...

È qui che iniziamo a uscire dal regno delle risposte giuste e sbagliate. Potresti, ad esempio, armonizzare tutti e sei questi accordi nella posizione fondamentale e non infrangere alcuna regola ( V , vi , IV , V , I , IV , I ). Probabilmente suonerebbe bene, anche se non particolarmente creativo; inoltre, vogliamo imparare a usare le inversioni, quindi cerchiamo di essere un po 'più audaci qui. Ad esempio, potremmo invece armonizzare questo passaggio come iii 6 , vi , ii , V , vi 6 - IV6 4 , IV , I .

Ora avrei potuto scegliere quegli accordi casualmente dalle mie opzioni disponibili, ma in realtà non l'ho fatto; c'è un metodo per la follia! Prima di tutto, noterai che iii , vi , ii , V è una sequenza di quinte discendenti nella radice degli accordi. Ogni volta che riesci ad armonizzarti con accordi in cui la fondamentale discende di una quinta, suonerà molto soddisfacente (ne saprai di più quando parlerai di dominanti secondarie ). Secondo, vedrai che io scegliere di portare la V su un iv 6 invece che su un I , prendendo in prestito dalla struttura di un cadenza ingannevole . La mia altra opzione era quella di passare direttamente a IV6 4 , ma, come hai sottolineato, è insolito in questo stile di armonia passare da un accordo dominante a un accordo sottodominante, quindi ho eliminato questa opzione. Infine, scelgo di passare da un vi 6 a un IV6 4 sulla penultima nota per impostare la cadenza finale. Non dovevo farlo, ma rende le cose un po 'più interessanti non allineare sempre l'armonia uno a uno con la linea di basso.

Un'altra cosa da considerare: la seconda inversione ( 6 4 ) può essere un po 'complicata e dovrebbe essere usata con cautela. In genere, gli accordi di seconda inversione vengono utilizzati solo in modi particolari. Parliamo molto brevemente di tre modi comuni che probabilmente incontrerai nell'armonizzazione di base: passaggio, prossimo e cadenziale. Una seconda inversione di passaggio si verifica quando si ha un movimento graduale dei bassi, ad esempio: I , V6 4 , I 6 . Una inversione di secondo vicino si verifica quando la linea di basso rimane sulla stessa nota mentre l'armonia si sposta, ad esempio: I , IV 6 4 , I . Una seconda inversione cadenziale si verifica quando si utilizza la seguente cifra cadenziale molto comune: I6 4 , V , I . Questo non è affatto un elenco esaustivo, ma è bene tenere d'occhio queste opportunità di utilizzare accordi di seconda inversione durante la scansione della linea di basso.

In breve, per tutte le note tra le cadenze, tu hai un po 'di libertà su come vorresti strutturare l'armonia e le tue opzioni crescono solo quando impari sempre di più la teoria. La buona notizia è che con la pratica tutti questi schemi vengono interiorizzati e puoi valutare rapidamente le tue opzioni e prendere una decisione. Fino ad allora, tuttavia, il metodo migliore è scrivere tutte e tre le opzioni per ogni accordo e poi lavorare a ritroso dalle cadenze , eliminando le opzioni che non funzionano e scegliendo la tua armonia dalle restanti opzioni in base in base al tuo giudizio estetico.


Alcune note aggiuntive secondo i tuoi commenti

È possibile impostare una cadenza ovunque in una frase ? Ad esempio, come si imposta la cadenza ingannevole tra le due misure?

Una cadenza è specificatamente alla fine della frase. Quando ho scritto sull'uso di una cadenza ingannevole, volevo dire che stavo semplicemente alludendo a quel tipo di cadenza nelle mie scelte di accordi. In realtà non è considerata una cadenza a meno che non cada alla fine di una frase.

Il mio libro mi dice di non usare triadi costruite sui gradi III e VII della scala in Maggiore e Minore e il II in modalità Minore per ora. Sai perché?

Le triadi si basano sulla settima scala grado in maggiore e la seconda scala grado in minore risultano essere triadi diminuite ( vii ° e ii ° ), che suppongo non abbiate ancora imparato a risolvere. Non sono sicuro del motivo per cui ti viene chiesto di non utilizzare iii in major. È abbastanza comune eseguire un vi con un iii , ma suppongo che vogliano insegnarti come gestire il voicing in quel caso specifico prima di iniziare a usare quell'accordo. Gli accordi sul terzo grado della scala possono essere complicati in minore armonico , poiché si finisce con un accordo aumentato ( III + ), ma probabilmente non l'hai ancora raggiunto.

Dovrei incorrere in errori durante l'armonizzazione, come quinte e otto parallele / nascoste, la soluzione migliore sarebbe cambiare l'intero accordo, o sono risolvibili senza farlo?

Nella maggior parte dei casi, puoi evitare quinte e ottave parallele e nascoste riattivando l'accordo, piuttosto che cambiare l'armonia, sebbene in alcuni casi potresti dover cambiare l'armonia per uscire da una jam.

Non posso ringraziarti abbastanza! Hai chiarito la maggior parte dei miei dubbi. Mi restano alcune domande se non ti dispiace:> È possibile impostare una cadenza ovunque in una frase? Ad esempio, come si imposta la cadenza ingannevole tra le due misure.> Il mio libro mi dice di non usare triadi costruite sui gradi "III" e "VII" della scala in Maggiore e Minore e "II" in Minore modalità per ora. Sai perché?> Se dovessi incorrere in errori durante l'armonizzazione, come quinte e 8ve parallele / nascoste, la soluzione migliore sarebbe cambiare l'intero accordo o sono risolvibili senza farlo?
Buone domande. Modificherò la mia risposta per includere le risposte a queste domande, poiché la mia risposta non rientra in un commento.
Grazie ancora per l'aiuto. Ho passato in rassegna i capitoli seguenti del mio libro e ho scoperto che le peculiarità della "III" sarebbero la sua attrazione per la "IV" e la questione con il suo tono principale che potrebbe salire o scendere, parlando poi di come questo la materia va a costituire la cadenza frigia. E sì, non ho capito bene la questione.
Dom
2014-11-28 08:57:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Casey Rule ha dato una bella risposta, voglio solo sottolineare alcune cose sull'armonizzazione in generale e di cui dovresti essere consapevole mentre cerchi di armonizzare una linea di basso.

  1. iii accordi sono piuttosto raro in una tonalità maggiore, infatti in tutti i miei studi di teoria classica non ricordo di aver analizzato nulla che usasse alcun tipo di accordo iii in una tonalità maggiore.
  2. Sebbene vii ° sia un'opzione praticabile, è abbastanza raro vederlo al di fuori della prima inversione (vii ° 6 ) e se lo usi, andrai su un accordo di I la maggior parte delle volte perché come piace risolvere la 5a diminuita.
  3. Come fa notare Casey, il secondo accordo di inversione è considerato dissonante e deve essere affrontato con attenzione. Ha elencato alcuni modi e ce ne sono altri, ma il modo migliore per vederlo è usare un secondo accordo di inversione solo se è un accordo primario (I, IV o V) ed è alla cadenza, avvicinato passo a e da, o parte di un arpeggio.
  4. Spostare gli accordi di 3a o 4a è in genere più desiderato che spostarli di 2a, quindi cerca di usare accordi che non sono uno accanto all'altro e se ti sposti di 2a cerca di non metterne in fila un gruppo di fila.
  5. Casey lo copre già bene, ma impara e capisci le cadenze. Mentre la maggior parte dell'armonia può variare ed essere considerata in modi diversi, le cadenze sono molto importanti e ci sono davvero solo pochi modi per affrontarle.

Oltre a ciò, fai ciò che suona bene. Se viene fornita solo una linea di basso, ci sono molti modi diversi per armonizzare la stessa linea di basso. Suggerirei di mantenerlo semplice quando inizi e ascolti come suona la progressione. Puoi sempre prendere una semplice progressione e riarmonizzarla in seguito.

Grazie per l'utile intuizione. Per quanto riguarda il quarto punto, dovrei favorire gli intervalli di 3ds e 4ths tra gli accordi nella loro posizione fondamentale (senza considerare la fondamentale in un'inversione)? Credo che il mio libro dica lo stesso chiamando gli intervalli del 4 ° e 5 ° principale, mentre richiama i salti di 2 ° forte e 3 ° debole (notando anche come evitare di creare una sincope armonica con quest'ultimo). Quindi, dovrei provare a utilizzare principalmente intervalli principali e deboli? (Si spera che i termini non siano molto diversi in inglese)
@Dodicin Sì, in effetti la maggior parte delle volte, le inversioni servono ad appianare i bassi. Non sono abituato a questa terminologia, ma suona come quello di cui parlo nel quarto punto.
@Dom - Cosa intendi con iii è raro? Sono passato attraverso iii abbastanza spesso. E il settimo accordo iii7 è ** così ** comune nella musica degli anime.
@MaikaSakuranomiya Stavo parlando in un contesto classico. In analisi, potrebbe essere emerso una manciata di volte in pezzi pratici.
Ho anche visto iii7 anche in brani classici. Ho visto la terza triade abbastanza spesso, specialmente nella musica del periodo barocco, ad esempio, nella progressione I-IV-vii * -iii-vi-ii-V-I. iii7 non è così comune, ma a volte l'ho visto.
Neil Meyer
2015-08-21 22:12:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando armonizzi un passaggio per quattro parti, ciò che devi capire è che stai scrivendo una melodia entro i confini delle progressioni di accordi date.

C'è un certo margine di manovra riguardo alla fondamentale posizione e prima inversione, ma si desidera utilizzare queste inversioni in modo da rendere attraente la melodia che si sta scrivendo.

Quindi questo significa transizione graduale tra gli accordi. Una linea piacevole e una buona forma devono essere parte di questa melodia.

Quando si tratta di accordi di seconda inversione, vengono utilizzati solo in casi molto specifici. Questi includono.

  • Passare sei quattro
  • Cadenziale sei quattro.

D'altra parte, dove le triadi in seconda inversione arrivano solo casi specifici il quadtat (Dominant 7ths) ha una grande più libertà per quanto riguarda la sua inversione.

Quando usi accordi con settime puoi usarli facilmente in seconda e terza inversione fintanto che ha senso nel melodia che stai scrivendo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...