Domanda:
Qual è la notazione corretta per una nota di misura completa o una pausa in un tempo non comune?
Alexander Troup
2013-07-17 23:20:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ovviamente per 3 e 4/4 usi il rispettivo semebreve o minimo puntato, ma che dire di 7/8, 9/8 e 15/16?

Ho sentito che la convenzione è usare solo un semibreve, ma per me non ha senso usare note legate.

Cinque risposte:
#1
+6
Chochos
2013-07-18 00:03:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Neanche per me ha senso, ma sembra che sia una convenzione valida, secondo Wikipedia ... http://en.wikipedia.org/wiki/Whole_note

Suppongo sia valido solo per misure di 4/4 o meno; sarebbe decisamente brutto su 5/4, 7/4, ecc.

La pagina di wikipedia [pause di una battuta] (http://en.wikipedia.org/wiki/Rest_%28music%29#One-bar_rests) indica che qualsiasi indicazione di tempo sopra 3/16 e ad eccezione di 4/2 utilizza la semibreve resto = misura intera.
Questa risposta è corretta. Puoi usare una pausa intera per qualsiasi tempo in chiave a 4/4 o meno, inclusi i tempi in chiave inferiori a 3/16. Se sei preoccupato per la chiarezza, hai sempre la possibilità di scrivere pause uguali al valore o alla suddivisione di quella barra. Altrimenti, puoi annotare una pausa in stile multimisura per quella barra e scrivere un "1" su di essa.
E più è solo appunti legati presumo?
Se non viene mostrato nient'altro in una battuta, allora è sicuramente ovvio che non viene suonato nulla, indicando così il riposo di una battuta.Quindi, in 5/4, ad esempio, il segno di pausa di 4 battute non avrebbe una nota di battuta per riempire la battuta, non ci sarebbe un cambio di tempo di 4/4 prima di esso, quindi potrebbe significare solo un'intera (5 battute) di nulla.
Quella voce di Wikipedia dice solo che una nota intera * può * essere utilizzata in alcuni stili musicali in forma libera. Non conosco alcuna partitura jazz o "classica" pubblicata che utilizzi una nota intera per rappresentare qualcosa di diverso dall'equivalente di quattro semiminime.
La * mancanza * di esperienza di nessuno è abbastanza completa da essere autorevole. Ho sicuramente visto la musica classica usare note intere come note "intere battute".
@MatthewRead potete fornire esempi? Ho visto, credo, alcuni casi in cui una "nota intera" squadrata è stata usata per indicare una nota di battuta completa, ma onestamente non ricordo di aver visto una nota intera dritta che servisse a tale scopo. Anche tra quegli editori francesi che hanno messo tutte le bandiere di 1/8 di nota al contrario :-)
@CarlWitthoft Sfortunatamente niente di fuori mano, cercherò di aggiornare se ne incontrerò qualcuno in futuro :)
Uno dei principali vantaggi di questa notazione è che quando un direttore guarda la partitura di un brano, quando ci sono passaggi in cui diversi strumenti o intere sezioni non stanno suonando, i passaggi vengono visualizzati come blocchi di pause intere invece di misure piene di pause multiple. Ciò conferisce alla partitura un aspetto più pulito e, a mio parere, più facile da analizzare e da leggere rapidamente.
#2
+2
Sergio
2013-07-18 13:46:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Direi che la convenzione è come dici tu, ma nella musica moderna alcuni compositori scrivono la lunghezza "reale" della battuta in pause. Quando è così, ha a che fare con la lettura della vista ("à vista"), per rendere più facile contare le battute vuote e avere una rappresentazione visiva dello swing / ritmo.

Quindi, sì, la convenzione è così per la maggior parte dei casi. Trovato questo su wikipedia (con riferimenti a libri di teoria musicale: The AB Guide to Music Theory & Music Notation: A Manual of Modern Practice):

  Quando un'intera misura è priva di note, viene utilizzata un'intera pausa (semibreve), indipendentemente dall'indicazione del tempo effettiva. Le uniche eccezioni sono per un tempo in chiave 4/2 (quattro mezze note per misura), quando una pausa intera doppia viene tipicamente utilizzata per una pausa di una misura, e per le indicazioni di tempo inferiori a 3/16, quando una pausa della lunghezza della misura effettiva verrebbe utilizzato.  
#3
+2
Laurence Payne
2015-02-15 19:07:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Notare, tuttavia, che una pausa semibreve viene posizionata all'inizio della misura, dove andrebbe a finire una nota semibreve. Un'intera pausa, che utilizza lo stesso simbolo della pausa semibreve, è centrata nella barra.

#4
+1
Tim
2013-07-18 11:44:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Aggiungendo al mio commento sopra, ad esempio in 5/4, il pezzo potrebbe avere una sensazione di 3-2, in tal caso, un minimo punteggiato e un minimo di riposo lo coprono bene.

#5
+1
Neil Meyer
2015-02-15 17:19:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella teoria musicale classica, quando hai una pausa completa, usi la pausa semi breve indipendentemente dal tempo in cui ti trovi. Questo serve per leggere il resto. A differenza delle note, il raggruppamento delle pause mira sempre a utilizzare il minor numero di pause possibile nel tentativo di non rendere la lettura della partitura inutilmente difficile.

Se stai suonando in una sinfonia e devi leggere a prima vista 40 - 50 pagine di musica in una notte, lo farai sicuramente più facilmente quando avrai una pausa che indica un'intera battuta di pause.

Ma nota la mia risposta sopra. Quel piccolo blocco nero è una pausa semibreve quando pende dalla 3a linea nella posizione che prenderebbe una nota semibreve. È un intero bar rest quando centrato nel bar.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...