Domanda:
Tenere traccia dei problemi durante le prove
derekerdmann
2011-04-27 00:39:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Essendo un direttore per lo più inesperto, un problema che ho sempre avuto è stato quello di tenere traccia dei problemi con un brano mentre lo elaboriamo. Qualcosa risalterà e vorrei tornare indietro, ma tutto ciò che sono riuscito a gestire è stato una barra o un altro semplice segno che non è sufficiente per ricordare completamente il problema.

Esiste un metodo comune per registrare problemi musicali per una successiva correzione?

Sette risposte:
#1
+12
gilly3
2011-04-27 01:02:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In base alla mia esperienza, è meglio fermarsi appena si nota il problema e risolverlo immediatamente.

Se sei determinato a continuare senza fermarti e il tuo colpo veloce non è sufficiente per correre memoria, o smetti di dirigere, lasciando che i tuoi musicisti continuino, e in realtà scrivi una nota, o semplicemente non preoccuparti. Se non noti nulla la volta successiva, i tuoi musicisti lo hanno aggiustato da soli e se lo noti di nuovo, sarà più facile ricordarlo.

#2
+5
Scorchio
2011-04-27 01:32:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ho esperienza nella direzione, ma presumo che ciò che funziona per la tua performance strumentale funzionerà anche qui. Quando sei davvero in dubbio, proverei sicuramente a registrare la performance e ad ascoltarla di nuovo quando puoi concentrarti completamente su di essa. Avrai più "spazio" per analizzare e la prossima volta sarai più preparato.

#3
+5
Edgar Gonzalez
2011-04-27 05:50:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Direi che il modo migliore è provare a ripercorrere l'intero brano almeno una volta, contrassegnando ogni questione da affrontare con un piccolo ma evidente segno nella partitura del direttore (consiglierei un cerchio), in modo che in seguito tu può studiarli ciascuno da solo e con i musicisti giusti.

Fai attenzione, però. Non cadere nella trappola di cercare di correggere ogni piccolo dettaglio la prima volta e vedrai anche che a volte gli stessi musicisti noteranno che qualcosa non andava e potrebbero provare a risolverlo da soli.

Inoltre, all'inizio delle prove successive, vai direttamente a uno dei numeri che hai segnato l'ultima volta (preferibilmente quello con più difficoltà)

#4
+2
Jason LeBrun
2011-04-27 01:48:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tieni un piccolo registratore personale con te, con un'interfaccia start-stop a un pulsante e un microfono esterno attaccato al colletto della camicia. Se succede qualcosa, premi il pulsante e menziona qualcosa che ti stimolerà la memoria durante la revisione. Se hai uno smartphone, molto probabilmente c'è un'app nell'app store che ti servirà bene a questo scopo, puoi utilizzare il pulsante sull'auricolare in-ear del telefono per controllare la registrazione o un pulsante grande visualizzato in primo piano sullo schermo sarà facile per te premere.

In alternativa: se riesci a trovare qualcuno che potrebbe essere interessato, chiama un assistente direttore che possa stare vicino a te e prendere appunti. Quindi puoi dire all'assistente alcune parole chiave e presumere che stiano seguendo una parte e possano annotare le note nel posto giusto per te. Questa soluzione renderà più facile rivedere subito le note con l'insieme.

#5
+2
Monica Cellio
2011-06-01 21:14:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il nostro direttore del coro ha una regola "tre scioperi e siamo fuori", perché può ricordare due punti problematici in una canzone prima di fermarsi al terzo. Sto imparando a comportarmi da lei e un trucco che ho imparato è di attaccare il dito sulla pagina in cui si è verificato un problema; Posso seguirne uno in questo modo. Di solito il promemoria di dove era è sufficiente, poiché la maggior parte delle nostre canzoni sono brevi (3 minuti o meno). Per le canzoni più lunghe mi fermerei al primo problema che voglio affrontare ora, che potrebbe non essere il primo problema che si verifica.

#6
+1
Thomas Bryla
2012-04-25 14:01:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una piccola idea da uno che non dirige, ma registra molto. Ho ascoltato molte registrazioni controllando gli spartiti durante la registrazione.

Prendi sempre nota su quella sezione / strumento che presenta il problema. Scrivi solo all'inizio della pagina, se è un problema per l'intera orchestra.

Crea il tuo sistema di terminologia. Un cerchio può significare un problema dinamico, una scatola può significare un problema ritmico, un triangolo è qualcosa.

Supponendo che il tuo punteggio sia su carta biancastra stampata con il nero (possibilmente laser) usa un verde o un rosso (se tu sei daltonico, sono sempre gli stessi) pennarello o matita, quindi si attacca agli occhi quando si volta pagina. Uso una penna perché una volta registrata non ho più bisogno della partitura, ma se ne hai bisogno per il giorno successivo, potresti tornare a casa e cancellare i punti.

Una nota sulla registrazione: non aiuta iniziare a registrare quando noti qualcosa. Registra l'INTERA prova e ascoltala quando arrivi a casa. Guardare il punteggio e vedere i tuoi punti un paio d'ore dopo, ti darà una buona idea di ciò che hai sentito e di ciò che hanno effettivamente suonato.

#7
  0
SarekOfVulcan
2012-08-04 01:25:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho visto conduttori contrassegnare i punti problematici con i flag Post-It, ma non l'ho provato io stesso. Ancora. :-)



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...