Domanda:
La stessa nota su due pentagrammi
iddober
2011-11-23 20:00:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In rare occasioni, incontro la stessa nota su due righi con durate sovrapposte. In allegato è un esempio da un arrangiamento di "The Long and Winding Road" dei Beatles (la nota in questione è il Do centrale). È un errore o dovrei comportarmi come se la durata della prima nota fosse più breve?

The Long and Winding Road" by The Beatles

Quali sono le chiavi qui?
@MatthewRead: Immagino che G-clef sul pentagramma superiore e F (bass) cleff su quello inferiore, poiché questo è molto comune. Si adatta anche alla domanda in quanto indica che il Do centrale si sovrappone.
Sei risposte:
#1
+21
mjibson
2012-07-05 00:13:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sebbene la risposta di Raskolnikov sia corretta, vorrei spiegare la teoria alla base di questo. In base alla tua domanda, attualmente intendi la musica come una raccolta di note uguali . Cioè, ci sono vari suoni / note / altezze che vengono riprodotti allo stesso volume in determinati momenti. A volte sono accesi ea volte sono spenti. Uno non è più importante dell'altro. Questo è esattamente il modo in cui ho capito la musica fino a quando non sono andato al college.

Descritto meglio, è una raccolta di voci . Immagina un coro. Ogni persona può cantare un tono a un certo volume con una certa qualità di tono. La musica dovrebbe essere pensata in questo modo. Un brano per pianoforte, sebbene suonato con due mani, ha molte voci. Una semplice spiegazione è una melodia (di solito la nota più alta) e un'armonia. Generalmente, la voce della melodia viene suonata molto più forte delle altre voci. In effetti, quella nota deve cantare sopra le altre voci.

Nel tuo esempio sopra, se compreso usando la spiegazione in alto, ovviamente l'ultimo Do è duplicato. Tuttavia, con la seconda spiegazione, è una voce utile. La nota deve essere attaccata al suo volume unico, che è più alto delle note della mano sinistra, che sono l'accompagnamento.

#2
+9
Raskolnikov
2011-11-24 15:32:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il modo per suonarlo è tenere la C nella mano sinistra e rilasciarla semplicemente per consentire alla mano destra di suonare la C. La stessa cosa sta accadendo in Gymnopédie I di Erik Satie. Dopo aver suonato i motivi iniziali con la mano destra, il pianista termina su un fa # all'inizio del brano. Ma continua a suonare accordi con la mano sinistra di cui la nota più alta è appunto il fa #. Guarda come viene riprodotto in questo video:

#3
+5
awe
2011-11-23 20:18:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In questo particolare esempio, la sovrapposizione è solo un sedicesimo tagliato dal pentagramma basso e la nota del pentagramma basso è in realtà solo una parte dell'accordo, quindi va bene tagliarla un attimo prima che la nota della melodia scenda lì, che è quello importante.

La nota più importante nel pentagramma è il F, che è la nota fondamentale dell'accordo, quindi tienilo premuto fino alla fine della misura e rilascia il Do sul pentagramma un po 'prima la melodia ha bisogno di quella nota ...

#4
+4
staticsan
2011-11-24 07:21:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Oserei dire che per questa canzone non sei destinato a suonare la melodia: quel pentagramma sono le note per cantare . Quindi il problema scompare. Un cantante di solito non vuole che la melodia suoni.

Tuttavia, sembra un arrangiamento abbastanza scarno, nel qual caso chi scrive si aspetta che suoni anche tu la melodia.

Ho pensato la stessa cosa, ma poi ho notato le diteggiature del pianoforte sul pentagramma superiore.
@slim: Molti vocalist troveranno utile ascoltare una melodia suonata al pianoforte, anche se preferiscono suonare senza di essa.
#5
+2
DJC
2012-08-11 13:28:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sebbene l'esempio di "The Long and Winding Road" che hai citato sia una canzone popolare e (apparentemente) annotata in formato Piano / Voce / Chitarra, lo stesso tipo di unisono "sovrapposto" si verifica in altri tipi di notazione musicale per tastiera anche la musica classica. La ragione per la sovrapposizione è che le note identiche si verificano all'interno di livelli DIVERSI nella trama musicale, e l'enigma visivo che questo presenta può essere sconcertante / problematico per i tastieristi che possono suonare solo un singolo tono / tasto come singola sorgente sonora - cioè, c'è nessun modo per generare unisono armonico effettivo (due note identiche da sorgenti sonore separate che suonano simultaneamente) usando solo la tastiera.

Sebbene a volte imperfetta, la notazione musicale si sforza di fornire tutte le indicazioni più ESSENZIALI del compositore / le intenzioni dell'arrangiatore per intonazione, ritmo e dinamica. La maggior parte delle volte, le durate complete delle note SONO indicate dai valori delle note scritte, ma alcune volte vengono indicati solo i punti di attacco di alcune note e la loro durata continua è intesa essere eseguita tramite l'uso del pedale damper. (E quindi la notazione a volte può IMPLICARE la corretta pedalata damper anche se la pedalata non è contrassegnata.) Unisoni armonici come il tuo esempio illustra si ottengono più facilmente nella musica formattata per pianoforte / voce / chitarra attraverso questo uso del pedale damper, che può o potrebbe non essere specificato nella partitura. (Quando non è specificato, si presume spesso l'uso del pedale damper.)

Nell'esempio che hai scelto, il pedale damper "salverà" la mezza nota C1 della mano sinistra fino a quando quella chiave non viene regolata alla fine della misura dal sedicesimo C1 della mano destra, creando un unisono melodico legato. Gli unisoni melodici legato non possono verificarsi quando suonati esclusivamente all'interno della mano, cioè senza l'aiuto del pedale damper o di qualche altra tecnica di sostegno, perché la chiave deve essere rilasciata, il che crea uno spazio tra le note. Ciò accade perché, a meno che il pedale damper non sia già attivato, una determinata nota viene immediatamente silenziata dallo smorzatore di quella nota che cade contro le corde in vibrazione ogni volta che viene rilasciato il tasto che la suona / (loro). (L'unica eccezione a questo sono le note acute estreme in cui le corde sono così corte e tese che le note decadono comunque molto prontamente, e quindi non sono necessari / installati smorzatori su quelle altezze più alte.)

Per eseguire la misura come mostrato, dovresti rilasciare / riapplicare il pedale damper all'accordo F, tenendo premute le mezze note della mano sinistra finché il DP non le cattura, quindi rimuovere prontamente la mano sinistra da C1 in modo che la mano destra possa suonare il successiva sedicesima nota c1 libera e chiara della mano sinistra. Per quanto riguarda la durata effettiva della mezza nota C1, il tuo istinto è corretto: in realtà ottiene (una nota da un sedicesimo) meno durata di una mezza nota, perché la stessa chiave viene regolata prima che la mezza nota finisca. Ciò rivela un aspetto interessante della notazione musicale che riguarda almeno una parte del tempo: i valori delle note non sono sempre durate effettive ma rappresentano sempre il punto in cui si verificano i punti di attacco (inizio) delle note. Quindi: la notazione rappresenta PER LA MAGGIOR PARTE i suoni effettivamente prodotti, ma anche quando non lo è rappresenta comunque le ISTRUZIONI PER CI CHE DOVREBBE FARE IL GIOCATORE.

Se qualcuno orchestrasse la stessa misura, potrebbe facilmente dare la mezza nota C1 a uno strumento (sorgente sonora) mentre un altro strumento o un cantante (una seconda sorgente sonora) esegue la melodia e suona la sedicesima nota c1 alla fine della battuta, e quindi le due sorgenti sonore SOVRAPPOSTE e causerebbero un momentaneo / vero unisono armonico. Ma il pianoforte suonato normalmente, attraverso la sua tastiera, è limitato ad essere solo UNA sorgente sonora alla volta per un dato tono.

Mi risulta che le partiture di Piano / Voce / Chitarra che includono la melodia vocale nella parte Piano (sia che queste parti siano scritte su righi completamente separati o, come le mostra l'esempio fornito, unite) sono pensate per essere suonabili anche come arrangiamenti di solo Piano. Il formato P / V / G viene utilizzato per la maggior parte degli spartiti pubblicati di generi popolari perché si presta al maggior numero possibile di combinazioni di uso comune (Vocalist e / o Guitarist [reading chords] e / o Pianist, in qualsiasi assortimento) che il maggior numero di musicisti sarà servito da (e quindi venderà più copie grazie alla sua più ampia versatilità).

Alcuni strumenti a tastiera possono gestire unisono melodico facendo suonare la mano destra e la sinistra su tastiere diverse o su porzioni trasposte in modo diverso della stessa tastiera. Un tipico organo ad ancia, ad esempio, ha due serie di ance a un'ottava di distanza, e le serie possono essere abilitate o disabilitate separatamente sulla metà superiore e inferiore della tastiera, consentendo così ad es. le note fino al SI sopra il Do centrale devono essere suonate in silenzio con la mano sinistra, mentre le note fino al Do centrale devono essere suonate un po 'più forte sulla destra, senza scontrarsi.
#6
  0
Alexander Troup
2013-07-16 19:51:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che questo sia un sintomo del fatto che a volte la notazione è meno rigida.
La cosa corretta da fare come è stato detto è semplicemente rilasciare la nota in modo che possa essere suonata dall'altra mano , ma questo fa emergere alcune cose da considerare quando si legge la musica.

Per quanto riguarda la notazione, alcune persone sono felici di sovrapporre le note e presumere che l'esecutore sappia rilasciare su una voce in modo che tu possa suonare con l'altra. Altri metteranno deliberatamente una pausa nel pentagramma inferiore per renderlo chiaro. Quanto sia rigida la notazione dipende dal compositore o dalla persona che ha trascritto lo spartito. Nel caso dei Beatles immagino che la notazione sia più aperta e meno definita rispetto ad alcuni brani più classici.

Detto questo, c'è un argomento secondo cui una pausa farà sembrare che la nota debba essere una lunghezza specifica, mentre nessuna pausa / visualizzazione del minimo indica di rilasciare come vicino alla nota nella mano destra il più possibile.

Nel caso di più strumenti in cui possono essere entrambi sulla stessa nota ovviamente sarebbe solo come scritto.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...