Domanda:
Notazione della durata della nota
Matriz
2018-01-24 18:14:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È corretto che la prima nota qui sia una 64a mentre le altre sono 32a? O la prima nota è solo un ottavo? Questo mix di scrivere note "ondulate" con travi mi confonde.

È tratto da "La Campanella" di Franz Liszt. Il "3" è solo il dito.

enter image description here

Due risposte:
#1
+18
Tim
2018-01-24 18:24:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La nota sul secondo spazio in alto è un croma (1/8 di nota) e un demi-semiquaver (1/32 di nota). In realtà è scritto in due parti: una sorta di metà superiore di SATB, se vuoi. La direzione dei gambi o delle code è importante, poiché la nota in questione ha gambi su e giù. È come se le radici in alto fossero una voce, le radici in un'altra. Ed è più ordinato scriverlo in questo modo. La prima nota verrà mantenuta finché non saranno state suonate tutte e quattro. Immagino che il resto della barra (misura) sia simile.

Non è solo un demisemiquaver (1/32 nota) piuttosto che un emisemiseme? Una trave sarebbe crome, due travi = semiquavers, tre raggi = demisemiquavers, giusto?
@psmears hai appena riavviato la guerra delle fiamme "croma contro poteri di due" :-)
@CarlWitthoft: Davvero? Oh no ... stavo cercando di non farlo - dando entrambe le versioni in prima istanza, e poi attenendomi a quella che questa risposta sembra preferire ... non è abbastanza? O è ora di indossare la mia tutina ignifuga in amianto? :-)
@CarlWitthoft - dici patate ... avrei ancora sbagliato con il tuo modo ovviamente di gran lunga superiore, perché ho quasi finito le dita ...
@psmears - ben individuato! Corretto, spero.
@Tim Non ho la più pallida idea del sistema quaver, ma AFAIK 3 flag indicano sempre note da 1/32.
@Marzipanherz: il sistema arcaico di denominazione delle lunghezze delle note funziona ancora per molti, ma il "nuovo" sistema in frazioni sembra adattarsi meglio ad alcuni di altri. Chissà, un giorno, potrebbe anche essere decimalizzato ... agli Stati Uniti sembrano piacere le frazioni, mentre allo stesso tempo. aderendo alla misura imperiale (principalmente!) per i dati giornalieri. (pollici, piedi, libbre, ecc.) Sembra un po 'incongruo ...
@Tim Ci scusiamo per il commento fuorviante: era più su "1/64" nella tua risposta, che dovrebbe essere corretto in "1/32". E non ho modificato me stesso, perché la cosa tremante mi ha confuso così tanto che penso che potrei perdere qualcosa.
@Tim - non dare idee ai compositori! Immagina di annotare tutti i sottointervalli decimali. croma, croma 0,9 *, croma 0,8 *, ... :-)
Quando entriamo nelle emi-semi-semicrome, sento davvero che la convenzione di denominazione non è pratica.
@Basstickler - Sicuramente inciampa con più brio di '1/64', però, sicuramente bisogna essere d'accordo ...
@CarlWitthoft - punto serio qui. Mi chiedo se sia * quello * necessario per avere note così brevi per la maggior parte del tempo - nomi a prescindere. Il cambio del segnale di tempo, il cambio di bpm dovrebbe eliminare un paio di barre nella maggior parte dei casi, quindi potrebbero diventare superflue e pensare all'inchiostro risparmiato ...
@Tim bene, visto che giganti come Beethoven hanno scelto di scrivere un Adagio in 8/8 e riempirlo con 64 note, chi siamo noi per discutere? :-)
#2
+4
Laurence Payne
2018-01-24 18:47:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

No, le code e le travi non sono additive. Abbiamo due "voci" qui: quella superiore è un ottavo a figura intera, che riassume le quattro 32esime di quella inferiore.

Ma ci sono molte domande da fare su questo frammento! Per cominciare, c'è una terzina "3" su QUATTRO note! Cosa significa questo? E poi l'ottava voce superiore è contrassegnata come stacatissimo, il che contraddice in qualche modo la sua lunghezza!

Posso vedere (credo) cosa si intende. La prima nota deve essere "tirata fuori" come la melodia, ma non deve essere prolungata. Ma abbiamo bisogno di più informazioni. È preceduto e seguito da figure simili? Quale periodo? Per quale strumento è scritto? Pianoforte? Violino? Quando fai una domanda, prova a darci TROPPE informazioni, non solo il minimo indispensabile.

Grazie per la risposta. Sì, è preceduto e seguito da figure simili. È tratto da "La Campanella" di Franz Liszt, quindi per pianoforte e XIX secolo. Il "3" è solo il dito.
Se il "3" designasse la terzina, sarebbe centrale su tre punti e di solito avrebbe anche un segno di legatura. D'accordo sul marchio staccatissimo!
@Tim: Idealmente, sì. Ma onestamente, questo punteggio sembra un punteggio di Durand, e non si sono mai preoccupati troppo del posizionamento dei numeri del gruppo irregolare (dai loro punteggi ho visto). A volte usano anche lo stesso "carattere" per tutti i numeri e non usano mai parentesi irregolari. Quindi immagina se un "3" fluttuante nel mezzo del nulla è una diteggiatura o una terzina.
@Matriz: Potresti integrare il tuo commento nella domanda?
Il "3" è una diteggiatura. I numeri irregolari sono stampati in corsivo.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...