Domanda:
Melodic Minor - Usi
Caleb
2014-09-20 07:36:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'unico problema che ho con il Melodic Minor è che non so come e dove usarlo. Dalla mia comprensione, è la scala Minore quando si scende e quando si sale ha maj6 e maj7. Non so come posso usare questa scala armonicamente o melodicamente. Ho fatto molti esperimenti con questa scala, ma non riesco a capire come usarla.

Hai l'ascesa e la discesa all'indietro. Gli intervalli maggiori vengono utilizzati durante la risalita, per fornire una tendenza verso l'alto. (un Caleb diverso qui, BTW!)
C'è già una buona risposta a questo qui: http://music.stackexchange.com/questions/9798/the-differences-between-natural-harmonic-and-melodic-minors
Una cosa divertente che puoi fare con esso è prendere una semplice progressione di accordi minori e cambiarla, quindi vengono usati gli accordi di minore melodico. Questo trasforma una canzone popolare in qualcosa di interessante senza sembrare troppo strano.
La risposta di Wolf alla domanda precedente potrebbe essere più vicina al segno della maggior parte, credo. Potrebbe essere più saggio considerare il 6 ° e il 7 ° grado diesis come un "mi-fa" mobile (nel senso della musica ficta) per gestire gli intervalli sensibili nella modalità. Non è affatto insolito vedere 6 e 7 naturali ascendenti, o 7 e 6 taglienti discendenti (in particolare nelle progressioni influenzate dalla Frigia come iv6-V dove il segmento della scala continua verso il basso nelle seguenti armonie, ad esempio, una cadenza frigia estesa in un ingannevole cadenza). Potrebbe essere meno un disastro di tutte queste scale minori, forse?
La cadenza ingannevole in una tonalità minore non è di solito costruita sulla b6a?
Sì, anche se non è particolarmente difficile organizzare un arrivo al relativo maggiore. La cadenza ingannevole standard non è poi così difficile, in particolare alla prima inversione: ♯7 scenderà a 3 (principalmente su V), otterrai una bella quinta caduta o un quarto crescente nel basso, e anche ottenere una relazione incrociata appena separata tra ♯6 e ♮ 6, ma tendo a considerarla una caratteristica, non un bug. ;)
@Patrx2 Sarei interessato a vedere quali nozioni potrebbero applicarsi a cose fantastiche come le scale Lidia e Lidia aumentata e la maggiore armonica
@dwn Lydian è ben coperto dai vecchi toni della Chiesa - Tonus V, no? Penso, tuttavia, che un "mi-fa" mobile per gestire intervalli sensibili faccia un lavoro migliore nello spiegare ciò che accade in vari modi naturali, diminuiti e aumentati rispetto a YAS (Yet Another Scale). Ho scritto la mia parte di secondi melodici aumentati, ma ne sono sempre consapevole come _ scrittura armonica all'interno della melodia_ - le voci contro cui agiscono i secondi aumentati e la curva della melodia stessa rendono chiaro un significato come superiore e inferiore note iniziali, anche se la tendenza di una nota è momentaneamente frustrata.
Due risposte:
#1
+12
Dom
2014-09-20 19:19:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'idea di base della scala minore melodica è quella di essere in grado di attraversare la scala minore per passo, pur avendo la possibilità di sfruttare il tono principale evitando il 2 ° intervallo aumentato. Può sembrare casuale quando usi melodica e quando usi gradi di scala minori naturali, ma c'è un test molto semplice: stai andando alla tonica o stai lasciando la tonica?

Darò un alcuni esempi comuni di come decideresti se hai usato la 6a e 7a alzata o quelle naturali in una melodia.

Esempio 1 - i chord

Il primo esempio è quando ai chord si usa. Diciamo solo che siamo nella tonalità di la minore. Se vuoi iniziare con un LA e vuoi usare un tono vicino più basso, allora dovresti usare G # invece di G.

Ex 1

Se vuoi iniziare con un LA e volevi usare un doppio tono di passaggio per passare alla dominante, allora avresti usato G invece di G # e F invece di F #.

Ex 2


Esempio 2 - Accordo di V.

Un altro esempio comune è quando usi un accordo di V. V tipicamente va a i, quindi molto probabilmente userete il 6 ° e il 7 ° rialzato. Siamo ancora in la minore e se volessi iniziare con un mi e volessi usare un doppio tono di passaggio per andare alla tonica, allora useresti F # invece di F e G # invece di G.

Ex 3


Esempio 3 - accordi iv e VI

Devi stare attento con l'armonia sottostante. A volte questa regola viene infranta se l'armonia sottostante utilizza il 6 ° o 7 ° naturale del minore naturale. Ad esempio, se stai usando il iv, di solito userai la scala minore naturale perché l'accordo iv contiene la sesta naturale.

Ex 4

Se stai usando il VI, useresti tipicamente la scala minore naturale perché l'accordo VI contiene la sesta naturale.

Ex 5


Saggio dell'armonia presta attenzione alla melodia e sii coerente. Se la melodia usa la 6a e la 7a alzata, usale e se la melodia usa la 6a e la 7a naturale, usale. Se nessuno dei due viene utilizzato nella melodia, è possibile utilizzarli entrambi, tuttavia mi orienterei maggiormente verso il minore naturale perché fa sembrare la progressione più minore che maggiore. Alla fine dipende da te, ma tieni a mente l'atmosfera della tua canzone.

In conclusione, presta attenzione a dove stanno andando la melodia e la progressione. Se è per la tonica e l'accordo non contiene la 6a o la 7a di minore naturale, molto probabilmente userete la 6a e la 7a alzate. Se stai abbandonando il tonico usa il 6 ° e 7 ° naturale.

Mi piace il tuo punto di vista sull'andare verso il tonico. La maggior parte delle volte le melodie non sono semplici linee ascendenti o discendenti, ma possono saltare e cambiare direzione. Un salto alla settima alzata tenderà a tirare verso la tonica; un salto al settimo naturale non lo farà. Sia tonic-raise7-tonic che tonic-nat7-tonic sono utili figure melodiche, le prime suggeriscono un'incapacità di sfuggire alla tonica, e le seconde suggeriscono una completa fuga e ritorno.
#2
+1
jjmusicnotes
2014-09-20 19:10:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Solo per distillare la mia risposta dal link CalebHines (e mettere le cose in modo sfacciato); in poche parole, ci stai pensando troppo, amico mio!

Dove usare la scala minore melodica

  • In una melodia
  • In una modalità minore

Come usare la scala minore melodica

  • I toni si alzano quando si sale per fornire la tendenza alla "tonificazione"
  • I toni si abbassano quando si scende per evitare intervalli aumentati

Stilistico uso della scala melodica minore

  • Non lo so, fai quello che vuoi; è la tua musica.
  • Guarda come l'hanno usata altri compositori in passato. Non ho intenzione di suggerire nulla in quanto il suo uso nel corso della storia è troppo pervasivo.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...