Domanda:
Come interiorizzare la progressione di una canzone durante l'assolo?
user3704920
2018-05-04 03:31:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ecco il mio problema. Sento una canzone e posso immediatamente sentire un assolo nella mia testa, anticipando anche i cambi di accordo. È bellissimo.

Tutto va a puttane quando comincio a suonare da solo. La progressione / movimento della canzone nella mia testa scompare. Credo che ciò sia dovuto al fatto che sono così concentrato sull'assolo sugli accordi e sul fraseggio che perdo il senso della canzone stessa. Questo è quello che credo sia comunque il problema ...

Cosa fate ragazzi suggerire in modo che io possa mantenere il movimento della canzone nella mia testa mentre faccio l'assolo? Questo mi permetterà di colpire i toni degli accordi mentre passano e di creare frasi significative.

NOTA

Nota che NON sto chiedendo "come posso suonare quello che ho in testa" e piuttosto, "come posso tenere traccia del movimento della canzone mentre ci metto da solo su di essa?

Quattro risposte:
#1
+4
LSM07
2018-05-04 04:18:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

MODIFICA: poiché ho interpretato male la domanda, che riguarda la memorizzazione dei cambiamenti / struttura della canzone: puoi ancora utilizzare alcune di queste tecniche di seguito per costruire una mappa mentale della melodia, ma applicala loro agli accordi. Calcola i cambiamenti a orecchio. Prendi nota. (Obbligatorio aggiungere anche un altro video di Adam Neely su questo :) Canta gli arpeggi delle modifiche in ordine. Senti come si muovono l'uno nell'altro. Come si "sente" o "odora" la canzone? Senti i "contorni" dei cambiamenti. Alcune sezioni sono statiche o hanno un movimento angolare? Costruisci una sorta di "pittura" nella tua testa in modo da muoverti attraverso una sorta di "paesaggio" invece di "Accordo 1, Accordo 2, Accordo 3 ..." Un'altra cosa che ti aiuterà è semplicemente memorizzare molto di brani in quanto inizierai a costruire un repertorio interno di "cosa aspettarti dopo" per quanto riguarda gli accordi. Ammetti di concentrarti troppo sul tuo assolo e non sulla canzone; inizia invece a concentrarti sulla canzone e sulla sua struttura. Se la canzone ha una melodia, prova a continuare a cantare la melodia nella tua testa per tenere traccia di dove sei e alimenterà anche il tuo assolo. Ci sono alcune tradizioni jazz sul sassofonista Ben Webster quando, nel bel mezzo di un assolo, ha smesso di suonare. Qualcuno gli ha chiesto dopo: "Cosa è successo?" Rispose: "Ho dimenticato le parole della canzone". Stava cantando le parole nella sua testa mentre suonava. Quindi, "La canzone dovrebbe strutturare il tuo assolo, non viceversa" è una buona regola pratica. So che non è una "bacchetta magica" per la memorizzazione, ma qualunque tipo di strumento mentale riesci a trovare ti aiuterà.

Risposta originale: Questo è in realtà qualcosa con cui lotto bene. Sviluppare la connessione tra l'orecchio interno e le dita è qualcosa di molto importante. Il sempre meraviglioso Adam Neely ha un video su questo argomento esatto. Ecco alcuni modi per aiutare a sviluppare queste connessioni:

  1. Trascrivi (impara a orecchio) assoli o parti di assoli che ti piacciono. Impara a cantare prima la parte, proprio come Adam sottolinea nel video, perché se riesci a cantarla correttamente, significa che la stai ascoltando correttamente. Quindi impara a suonarlo sul tuo strumento una nota alla volta. All'inizio può essere frustrante, quindi inizia con pezzi e pezzi e prosegui fino a interi assoli (se ne hai voglia). E ovviamente sentiti libero di annotarli in seguito in modo da poter vedere come sono strutturati e capire come potrebbero funzionare!
  2. Canta mentre suoni. Questo è in realtà un buon consiglio, non importa cosa con l'improvvisazione perché ti mantiene "onesto" al riguardo. (Ovviamente i corni non possono "cantare" con il loro modo di suonare di per sé, ma respirano ancora mentre suonano, il che li aiuta a formare frasi, ecc.).
  3. Un esercizio che ho sentito sballottato (I credo che sia uscito dal libro di Hal Crook) è registrarti mentre suoni accordi casuali in un dato giorno. Quindi, il giorno successivo, dopo aver dimenticato cosa hai suonato, prova a improvvisare sugli accordi casuali solo con l'orecchio. Non hai bisogno di distruggere, devi solo essere in grado di sentire quali note stai improvvisando funzionano o non funzionano.
  4. Arpeggia le modifiche degli accordi in una canzone con la tua voce. Sì, è difficile, ma inizierai davvero a sentire i toni degli accordi che ti vengono fuori. Puoi suonare la nota fondamentale dell'accordo per aiutare all'inizio. Soprattutto su un accordo come G7b9, quando canti quel B9 contro la fondamentale, lo sentirai VERAMENTE, e non solo, noterai anche come ci si sente. Anche cantare le tensioni sopra gli accordi (ad esempio, 9, 11, 13 o anche tensioni alterate come B13 e # 9) aiuterà a bloccare anche quelle.

Solo alcuni suggerimenti, non tanto una risposta definitiva. Nella mia esperienza, la trascrizione e gli arpeggi / estensioni del canto sono esercizi molto potenti. Inoltre, la trascrizione significa che assorbi sempre il linguaggio da usare, non solo capire quale nota va e dove.

Grazie per la risposta. Tuttavia, penso che i tuoi punti si occupino più di trasmettere ciò che è nella mia testa piuttosto che tenere traccia dei cambiamenti di accordo; qual è il mio problema.
Tentativo di risolverlo. Grazie per il chiarimento :)
#2
+3
Stinkfoot
2018-05-04 06:24:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

IMO, il modo migliore per farlo è passare un po 'di tempo a fare (o trovare e studiare) un'analisi tecnica della progressione - capire come funziona teoricamente e trasformarla in un'astrazione: Esempi semplici:

  • Questa melodia è un blues I-IV-V in G.
  • Questa melodia è una sequenza di II-VI che si muovono attraverso ogni tonalità bemolle e poi tornano indietro in FA.
  • Questa melodia si basa sui cambiamenti di ritmo in Si bem.

Imparando l'algoritmo di un brano - un'astrazione delle specifiche - non devi più preoccuparti dei dettagli di ogni accordo: Conosci la formula, devi solo seguirla. In questo modo, sarai in grado di imparare rapidamente anche pezzi abbastanza complessi e ricordarli, perché non ti stai impantanando nei dettagli.

Un altro modo per dirlo: devi capire la musica che devi suonare, non solo suonarla a memoria.

Questo è un metodo provato e vero metodo in qualsiasi disciplina che richieda di avere grandi quantità di materiale complesso pronto per l'uso in qualsiasi momento: la generalizzazione e l'astrazione sono la chiave per acquisire e mantenere grandi quantità di informazioni nella tua mente.


Un altro modo (se è possibile nella tua situazione) è quello di trasformarti in un cheat-sheet: un grafico molto conciso che tieni di fronte in qualche modo - magari anche attaccato al polso o al tuo strumento da qualche parte che puoi vedere - per parti che devi interpretare e con cui hai difficoltà, e guarda un po 'più avanti il ​​tuo cheat-sheet quando arrivi alle parti difficili. Ovviamente inizialmente non stai tenendo traccia nella tua testa in questo modo, ma così facendo dovresti presto avere i cambiamenti impressi nel tuo cervello.

Questo è un metodo più rapido e semplice del primo, ma a lungo termine è meno efficace e vantaggioso. Una volta che impari ad analizzare e astrarre una melodia, è un'abilità che ti porterà avanti, indipendentemente dal tipo di musica o attività musicale in cui sei coinvolto.

#3
+3
Tim
2018-05-04 12:18:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da quello che dici sembra che ti stia avvicinando a una canzone solo dal punto di vista dell'assolo. Alla chitarra è abbastanza facile separare accordi e assoli. In effetti, è quello che fa la maggior parte di noi comuni mortali!

Tuttavia, è necessaria una conoscenza assoluta della struttura degli accordi prima che appaia un assolo efficace. Va tutto molto bene in pent minor - l'abbiamo fatto tutti - ma se hai suonato abbastanza la sequenza di accordi - l'hai imparata se vuoi - allora mentre la canzone si fa strada, ci sarà una mappa mentale di dove sta andando, con waypoint e punti di riferimento che riconoscerai. Spesso i punti di inizio per un'altra frase. Queste sono le mani che ti aiutano mentre formuli quel brillante assolo mentre ascolti il ​​pezzo, che evaporerà quando inizi il tuo vero assolo. Immagino che non ci siano ossa su cui appendere la carne, se ha senso.

Quando si suona in questo modo al piano, spesso c'è la mano sinistra che compila, o inserisce l'accordo occasionale, che aiuta a tenere traccia. Molti chitarristi jazz fanno lo stesso con l'accordo dispari di tanto in tanto (non troppo strano, per favore!). Ma tutto aiuta a 'restare in pista'. Ovviamente, ogni volta che suoni un accordo, ottieni almeno alcune note effettive del punto di inizio, quelle contenute all'interno dell'accordo stesso.

#4
  0
ggcg
2018-05-24 08:33:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono sicuro che sia possibile (per tutti) tenere traccia degli accordi nella loro testa mentre suonano. Questo è multitasking. Quindi, ti chiederei (1) stai suonando con altri in modo da poter sentire gli accordi, (2) o stai suonando qualcosa a memoria?

Se stai cercando di allenarti ad ascoltare una linea ( o più) mentre suoni una linea, una cosa che può aiutare è cantare una voce mentre suoni. Ad esempio, mentre suono sui cambi di ritmo, canticchio le radici del basso per tenermi sotto controllo. Non è come ascoltare l'intera struttura della canzone, ma se riesci a farlo penso che il passaggio successivo sia un po 'più semplice.

Dopo anni trascorsi a suonare e ad ascoltare posso ricordare un brano completo con tutte le voci nella mia mente mentre siedo in silenzio, ma come te quando suono questo scompare. Quindi, usa una base musicale.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...