Domanda:
Come conti molte barre di silenzio (pause)?
WeSee
2014-02-19 03:31:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suonando in un gruppo jazz ci sono spesso 5,6 o 8 battute di silenzio. Non è un problema perché posso contarli sulle dita. Ma come faccio a contare pause più grandi, ad esempio 52, 112 o anche pause più lunghe, come nei brani classici?

Quali tecniche hai per contare un gran numero di barre silenziose?

Otto risposte:
jjmusicnotes
2014-02-19 08:15:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In una situazione orchestrale, è un'idea terribile affidarsi al direttore: potrebbe non essere in grado di darti il ​​segnale o invece ti darà uno spunto più importante. Solo perché non stai giocando non significa che ti sia permesso di sederti e aspettare un autobus. Le partiture che sono state modificate bene avranno "spunti" scritti nelle parti, quindi, diciamo che ti allontani accidentalmente o perdi il tuo posto dopo 200 misure, vedi la stecca per un assolo di oboe dalla tua parte e sai dove ti trovi.

Inoltre, ecco un paio di buone abitudini da prendere:

  • alza un dito o muovi la gamba ogni volta che arrivi al punto di prova - questo è un ottimo modo per tenere insieme una sezione (tromboni in Mahler, ad esempio.)

  • quando si contano le misure, assegnare un numero all'intera misura e prendere la durata della misura per dire la numero a te stesso. Es: Ooonnnnneeeee Twwwooooooo Threeeeee ecc ecc. Contare in questo modo riduce notevolmente la confusione nel conteggio.

  • Come altri hanno già detto, ascolta gli altri intorno a te; sapere cosa stanno facendo. Proprio come in un'opera teatrale, è bello conoscere le battute di tutti intorno alle tue battute, così se qualcun altro sbaglia sei ancora a posto.

Trovo più facile contare "uno, due, tre; due, due, tre; tre, due, tre, ..." per tenere traccia del conteggio delle battute e delle misure.
@CarlWitthoft: quel tipo di conteggio è migliore di altri, ma diventa rapidamente poco pratico con tempi veloci, tempi in chiave asimmetrici o ampi intervalli di pause. Aumenta anche la possibilità di inciampare verbalmente dovendo tenere traccia di così tanti numeri.
Bene, certo, conta solo una volta per misura Presto; e se hai diversi segni di tempo, riavvia il conteggio. Forse è perché sono in quel gruppo di (musicisti e matematici) che i grandi numeri non mi danno fastidio :-)
Alexander Troup
2014-02-19 04:01:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Aggiungendo alla risposta di Dom, la chiave è spesso nell'ascoltare i segnali nelle altre persone. Scopri cosa stanno facendo le altre parti nel momento in cui torni e prima, in modo da poter ascoltare quel segno che stai per tornare.

slim
2014-02-19 03:53:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In un'orchestra, lascia che sia il direttore a fare il lavoro per te: dovrebbe farti sapere che il tuo momento sta arrivando.

In un gruppo più piccolo, ad esempio un quartetto d'archi, non ti aspetteresti così a lungo riposa (dopotutto, sei il 25% dell'ensemble) - ma impara come suonano le altre parti e usalo per programmare il tuo ritorno. Quindi invece di "Adesso conto 64 battute", è "Torno dopo la terza ripetizione della melodia principale".

La prima parte è badbadbad, vedi la risposta di jjmusicnotes. La seconda parte va bene per qualsiasi ensemble: se non ci sono cuenotes dalla tua parte, vai avanti e scrivile.
Dom
2014-02-19 03:55:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In realtà non devi contare tutte le battute che non suoni, soprattutto se esegui molte battute senza suonare nulla. La maggior parte dei pezzi di forma grande e persino i pezzi Jazz sono suddivisi in parti più piccole, ad esempio una sezione A, una sezione B, una sezione C, ecc. Quindi potresti avere le sezioni A, B e C di 32 misure ciascuna e molti non iniziano a suonare fino a 4 misure nella sezione C e invece di contare solo 68 misure potresti ascoltare l'inizio della sezione C e poi contare 4 misure.

Se conosci la canzone dentro e fuori, potresti non aver nemmeno bisogno di contare le 4 misure che potresti essere in grado di "sentire" quando entri.

Anche il direttore di sala un'orchestra indicherà gli strumenti che entrano come è quello che fanno.

Non fare affidamento sul conduttore. Potrebbe aiutarti nel momento in cui inizi a giocare. Quasi certamente non ti darà un avvertimento "prendi il tuo strumento ora" poche battute prima. La tua voce potrebbe far parte di una sezione tutti in cui tutti suonano dopo un passaggio leggermente segnato. Non otterrai un indizio individuale, e potrebbero esserci stati precedenti tutt'altro che ti coinvolgono, durante il tuo lungo riposo.
Brian THOMAS
2014-02-20 23:53:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Conto le battute 1-2-3-4 2-2-3-4 3-2-3-4 ecc. nella mia testa e contemporaneamente tengo traccia delle mie dita. Ogni dito indica 1, il pollice indica 5, quindi posso contare fino a nove su una mano. Quindi con due mani posso continuare a contare fino a 99. Il vantaggio principale di questo è che posso svolgere più attività: continuo a contare mentre prendo mute, indicando la musica e così via. Dopo un po 'puoi preimpostare un conteggio, quindi se il direttore dice che inizia dalla battuta 8, abbassi pollice e tre dita e inizi a contare da lì.

Un vantaggio di designare le dita come 1 e il pollice come 5 su binario è che è molto più facile precaricare un conteggio sulle dita. Lo svantaggio è che puoi contare solo fino a 100 su due mani, invece che 1000 ...

Quindi dì che il direttore dice "andiamo dalla battuta 67" e hai un'entrata alla battuta 80 , devi solo precaricare 67 sulle dita e iniziare a contare le battute. Confronta questo con dover precaricare 67 in binario sulle tue dita.

Scott Wallace
2016-03-12 00:06:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ai tempi dell'orchestra suonavo l'oboe, quindi spesso facevo lunghe pause. Finché non sai quando entrare in base a ciò che sta accadendo nelle altre parti, come altri hanno già detto, devi contare le barre di riposo. Contavo sulle dita, ma in binario, dal pollice sinistro al pollice destro. In questo modo, puoi contare fino a 2 ^ 10 o 1024, che è probabilmente sufficiente per la maggior parte dei pezzi. Inizia così: (tutte le dita sono dentro tranne quelle annotate) 1- pollice sinistro; 2- indice sinistro; 3- pollice e indice sinistro; 4- medio sinistro; 5- pollice e medio sinistro; 6- indice e medio sinistro; 7- pollice, indice e centro sinistro; 8- anello sinistro;

ecc. È divertente e facile da imparare.

Non dovrai mai contare oltre 1000. Raramente oltre 100. Ci sarà una lettera di prova o un altro indicatore molto prima che venga raggiunto quel numero di battute.
@LaurencePayne- sì, me ne rendo conto. In pratica, raramente ho avuto bisogno di più di una mano, il che mi ha portato a 2 ^ 5 o 32. Ma il metodo funziona ed è divertente.
Mi è piaciuto imparare a contare in binario sulle mie dita, ma mi sono reso conto che hai esagerato di 1 - dieci dita contano solo fino a 1023 - quindi avresti bisogno di un undicesimo dito ... sarebbe utile pagare l'oboe! Più realisticamente, 5 dita contano fino a 31, quindi potresti aver bisogno abbastanza rapidamente di due mani.
@StephanLuis- Zero dita è 1024.
Carpid
2017-01-25 21:14:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I also recommend counting in the way Brian THOMAS has explained (1-2-3-4-2-2-3-4). However as mentioned this gets really complicated with 20+ bars rest.

Now from my experience with sheet music in orchestras you often already have long rests seperated whenever the key, general theme or athmosphere changes or new instrumental groups are introduced. Try to pay attention to such separations and listen to the music. Try to listen to the piece and figure out what happens at those seperations and use them as markers. Generally listening to the piece you play a couple of times is a good idea. I've had some long rests in certain pieces that were really hard to count but after listening to the music for a while I memorized my entranced by heart.

If your sheet doesn't have any seperations during long rests (or has seperations that don't make any sense) then make them yourself. I usually look at the sheets of other instruments that I can visually see or hear well and when they suddenly start playing I mark their entrance in my rest. Solos also work great for this.

What also helps is looking for fermatas. These are often really easy to hear and are a great means of orientation.

Laurence Payne
2016-03-12 06:39:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come trombonista, ho avuto spesso sezioni MOLTO lunghe di riposo. Ovviamente non me ne starò lì a contare "uno-due-tre-quattro, due-due-tre-quattro ..... seicentosettantatre-due-tre-quattro ... il compositore o il copista deve fornirmi punti di riferimento, inclusa una nota prominente suonata da un altro strumento poche battute prima del mio ingresso. I precedenti musicisti della parte potrebbero lasciarmi ulteriori informazioni a matita come "tempo per due pinte qui!" >



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...