Domanda:
I power chords hanno qualche tipo di funzione / significato?
Lee White
2014-07-03 12:44:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ogni chitarrista si imbatte in questi almeno una volta (e probabilmente anche molto più spesso): power chords . Questo è un termine generico per accordi costituiti da la nota fondamentale, la quinta e un'ottava .

Nella maggior parte delle situazioni, questi accordi vengono suonati sulle corde inferiori, spesso con distorsione / overdrive. A mio avviso, è per questo che i power chords non contengono mai terze; con la distorsione e i toni bassi, questo piccolo intervallo suonerebbe un po 'disordinato.

Mi chiedo se questo tipo di accordi venga mai utilizzato in altre situazioni. Nella musica rock, a volte troverai schemi di accordi costituiti interamente da accordi di potenza suonati su chitarre, senza una terza nota da nessuna parte. È qualcosa che appare in altri tipi di musica e anche su altri strumenti? Inoltre, c'è un tipo specifico di emozione / sensazione che crei omettendo la terza nota degli accordi?

lol ottieni quella cosa in cui stai implorando di sentire un terzo .. da qualche parte. . in qualunque posto ..
Nota che i terzi possono effettivamente suonare alla grande attraverso la distorsione. Sfortunatamente, il 12-edo ci ha benedetti con terze che sono piuttosto lontane dalla semplice intonazione; è principalmente questa differenza che rende gli accordi completi così disordinati a causa della distorsione. Nell'accordatura Bohlen-Pierce (che è piuttosto strana perché non ha ottave, ma ha intervalli di terza e settima armonica molto più precisi) anche gli accordi di settima suonano distorti in modo sorprendente.
Una quinta maggiore non esiste. Le quinte e le ottave non possono essere maggiori o minori (quindi neanche le quarte e le prime).
La parte migliore degli accordi potenti è far cadere la corda di mi basso su una corda di re. Metti letteralmente il dito sui punti e strimpella e BLAM istantanea rock star. Inoltre, poiché è una diteggiatura così facile, il tuo bassista non deve disturbarti su quale nota suonare. Anche lui gioca sui puntini! È una situazione vantaggiosa per tutti.
Otto risposte:
#1
+17
cyco130
2014-07-03 17:53:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come avete detto voi e altri, il motivo principale per cui usate i power chords è evitare la distorsione di intermodulazione: i terzi suonano confusi con la distorsione.

Penso che generalmente abbiano due funzioni nella musica rock. Una funzione è usarlo come sostituto di una triade. Qui, il terzo è generalmente implicito. Ma può essere suonato da una chitarra solista o cantato dal cantante, per esempio. In questo caso ha la stessa funzione della triade che sostituisce.

In alcuni riff, però, non ha senso analizzarli come accordi. Sono solo note melodiche monofoniche dal suono più pieno. La quinta non si sente in modo indipendente, è solo una parte del timbro.

Nella musica classica, sono chiamate quinte nude, aperte o vuote. Secondo Wikipedia:

L'accordo di chiusura del Kyrie nel Requiem di Mozart e il primo movimento della Nona sinfonia di Bruckner sono entrambi esempi di brani che terminano con una quinta vuota.

La mia impressione personale è che le quinte aperte diano una sorta di suono antico nella musica classica che allude alla musica medievale in cui le terze erano considerate dissonanze.

Inoltre, omettendo il terzo apre la possibilità di lasciare la triade ambigua, l'ambiguità è uno strumento abbastanza comune nella musica romantica del periodo. Beethoven inizia la sua nona sinfonia con una quinta aperta, se non ricordo male.

Puoi anche pensare a Anche Zarathustra di Strauss, dove devi aspettare un bel po 'perché la terza e quando finalmente appare come una terza maggiore, passa immediatamente alla minore, e la prossima volta lo fa nell'altro modo prima di concludere finalmente con una cadenza convincente in do maggiore. Fino ad allora, la modalità rimane ambigua.

Sono anche chiamate quinte di corno sulla dominante. Sono così chiamati perché i corni privi di valore non potevano fare il tono principale (B nella chiave di C), quindi omettere la terza era comune per quell'accordo. ([fonte] (http://www.dangutwein.net/courses/theorytxt/text/appendix.htm#l))
#2
+7
Tim
2014-07-03 13:24:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le cornamuse si avvicinano, anche se i loro droni sono all'altezza e alla sua ottava. Gli armonici entrano in gioco qui (gioco di parole), perché ogni strumento produce non solo la nota fondamentale che pensiamo di sentire, ma anche alcune / molte altre.Ogni strumento avrà armoniche particolari, parziali o armoniche che produrrà in differenti proporzioni. La prima armonica è un'ottava sopra la fondamentale. In quanto tale, è abbastanza facile perdersi il fatto che stia suonando. La seconda è una quinta perfetta (non maggiore o minima) sopra quella, e questa è abbastanza chiara su alcuni strumenti. La successiva è di due ottave sopra la fondamentale, in quanto tale, difficile da discernere rispetto all'originale e la sua ottava sta già suonando.

Senza la terza che suona in un accordo, non si può dire se è maggiore o minore - una caratteristica che il mondo della musica occidentale sembra apprezzare quando c'è, quindi è una sorta di suono "duro", con poco sapore.

L'altro fattore è che con la distorsione / overdrive vengono accentuate le armoniche di una nota. Quelli di un fondamentale e della sua quinta opera senza suonare troppo discordanti. Metti un terzo in - mag. o min. - e quelle armoniche, così come la nota stessa, iniziano a rendere il suono troppo affollato.

Un'altra possibilità, e non sto battendo i chitarristi, è che è abbastanza facile suonare solo power chords - in particolare con la corda inferiore sintonizzata su Re, basta un dito. Successo immediato!

#3
+3
Kirk A
2014-07-03 19:51:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Azzarderei che UNA delle funzioni di un power chord sia quella di fornire uno spazio di assolo melodico aperto. Ricordo un'intervista con Eric Johnson in cui si riferiva agli accordi di quinta / potenza come "accordi aperti", il che significa che lo spazio dell'assolo sull'accordo era illimitato. Quella era una prospettiva diversa da quella che avevo mai usato per quella terminologia (*). Ammetto che ogni voce aggiunta a un accordo limita (o definisce più strettamente) le scelte melodiche / armoniche [tradizionali] disponibili.

(*) Avevo sempre utilizzato quella terminologia per differenziare accordi che contenevano uno o più stringhe aperte.

#4
+3
User12423
2014-07-07 00:51:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un "power chord" con questo nome viene utilizzato per il gioco di distorsione, punto. Se si hanno le frequenze f e le sue armoniche e 3 / 2f e le sue armoniche, le frequenze di intermodulazione sono tutte multiple di f / 2. Quindi ciò significa fondamentalmente che le armoniche "suggeriscono" una frequenza fondamentale di f / 2 che è in linea con la nota di basso dell'accordo di potenza.

Gli organi hanno quinti registri che sono una quinta perfetta (non ! una quinta temperata) più alcune ottave sopra le altre canne con cui sono combinate. Li usi per dare un colore di tono diverso ad alcune registrazioni aggiungendo sfumature. Potete anche usarli per "accennare" a note di basso più basse inesistenti: combinando un registro di 5 con un registro di 8 "accenni" a un registro di 16 'psicoacusticamente. Tuttavia, su una chitarra le note non hanno un volume costante, quindi le caratteristiche e la composizione dei toni distorti varia con la dinamica delle note, portando ad un'azione molto più vivace di quella fornita dalla composizione armonica statica dei registri di organo.

Con intervalli più piccoli di un quinto, le frequenze di intermodulazione diventano più disordinate e lo spettro risultante così scarso e irregolare da non puntare davvero in modo convincente a una nota di basso sottostante nello spettro udibile (gli accordi di potenza tendono a essere suonati corde inferiori di una chitarra o anche di un basso). Anche una quinta tende ad essere l'intervallo più puro in qualsiasi tipo di accordatura temperata, particolarmente ugualmente temperata e quindi fornisce l'approssimazione più chiara ad alcune frequenze dei bassi quando si osservano le somme e le differenze delle frequenze delle frequenze fondamentali e armoniche.

#5
+2
user2808054
2014-07-03 13:29:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che evocino un'emozione, che è abbastanza difficile da descrivere ..

Vorrei poter ricordare la canzone ma c'è un assolo in detta melodia in cui un violinista suona un accordo di potenza per un bar o due. È una canzone folk / country americana: l'accordo di potenza risplende in ogni cosa, anche se non è così forte. Il resto dell'assolo di violino coinvolge molte note (probabilmente 3rds dappertutto) quindi quando si stabilisce sull'accordo di potenza in un certo senso ha una sensazione di "casa" e una nozione di "e dico sul serio".

Sono accordi simili, ma diversi, a una chitarra elettrica distorta; come dici tu, il solito motivo per perdere il 3 ° è per consentire alla distorsione di essere più armoniosa.

Mi spiace di non ricordare il brano, se mi viene in mente lo posterò come modifica.

#6
+2
Nick of Music
2014-07-03 21:21:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nel Medioevo e prima ancora, usavano un sistema di accordatura chiamato accordatura pitagorica (al contrario del temperamento equabile a 12 toni che usiamo oggi). Ciò significava fondamentalmente che ti sei accordato con una pila di quinte fino a ottenere 12 note (e spostato le ottave), invece di spaziarle equamente. Ciò significava che c'erano delle quinte davvero carine, ma terribili (beh, in realtà non così male) che erano considerate dissonanti. Per questo motivo, la musica occidentale e cinese medievale utilizza molti accordi di potere. Inoltre, la musica cinese utilizza solo la scala pentatonica, quindi non ci sono molte opzioni di accordi oltre agli accordi di potenza. Ha un suono molto stabile e solido come l'accordo di un mattone, e ora con la musica rock ti fa pensare alla musica rock se è suonata al piano o alla chitarra, ma non sugli strumenti medievali in realtà, soprattutto perché devono essere in un'ottava molto bassa per suonare come il rock.

In realtà non è così male? Una triade maggiore pitagorica mi suona davvero piuttosto orribile (sebbene le inversioni e gli accordi minori siano piuttosto più sopportabili). È abbastanza notevole che 12-edo sia semplicemente a metà strada tra pitagorico e solo intonazione.
Ognuno è diverso. Ho chiesto a un gruppo di persone cosa ne pensassero di una triade maggiore pitagorica e mi hanno detto che suonava bene, ma le persone nel Medioevo dovevano aver pensato che suonasse orribile, dal momento che lo evitavano. Penso che ci piacciano solo le terze maggiori di 12 edo perché ci siamo così abituati.
#7
+2
Bradd Szonye
2014-07-07 13:11:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Accordi di potenza e accordi di shell hanno entrambi una funzione simile. Un accordo di potenza spoglia una triade fino alla fondamentale e alla quinta; un accordo di shell usa la fondamentale, la settima e talvolta la terza.

Gli accordi di potenza e gli accordi di shell sacrificano entrambi alcuni dei carattere degli accordi ma guidano comunque la progressione degli accordi . Semplificano l'armonia, il che ha un paio di vantaggi principali:

  • Sono più facili da suonare, il che non solo aiuta i musicisti meno esperti, ma consente anche ai pianisti per concentrarsi maggiormente sulla melodia della mano destra e meno sull'armonia della mano sinistra.

  • Riducono gli armonici, il che rende il suono generale meno confuso. Questo è un problema ben noto per le chitarre distorte, ma è anche importante per le ottave inferiori di un pianoforte, che hanno il loro tipo di distorsione.

A seconda della strumentazione complessiva, altre voci potrebbero riempire i toni degli accordi mancanti o l'arrangiamento potrebbe semplicemente utilizzare una voce più rada e ambigua. In quest'ultimo caso, i toni naturali possono conferire al pezzo una sottile sensazione di tonalità maggiore.

Gli accordi di conchiglia sono uno dei motivi per cui amo il suono di molte canzoni dei Faith No More: usano ampiamente terze e settime con una forte distorsione, portando ad alcuni armonici adorabili.
#8
  0
user47844
2018-02-04 16:09:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Probabilmente, l'aggiunta di registri 5⅓ 'e 2⅔' a 16 ', 8' e 4 'su un organo a canne consente di suonare "accordi di potenza" ovunque.

Ovviamente, c'è una sottile differenza coinvolti: quelle canne sono accordate in quinte perfette rispetto alle altre piuttosto che in una qualche forma di quinta temperata. Ciò li fa fondere nel suono senza alcun battito, in contrasto con gli strumenti che prendono le quinte da una scala temperata.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...