Domanda:
"Solo voci aperte sotto il Do centrale!" Veramente?
JAF
2018-12-15 00:51:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ogni risorsa che ho visto e persona con cui ho parlato ha detto che mettere le voci basse, di solito i tromboni, a distanza ravvicinata ovunque al di sotto di C4 è da evitare a tutti i costi, a causa della confusione. Mentre organizzo, però, questa regola mi sta causando un po 'di dolore, poiché mi costringe a trattare il 2 ° trombone come una macchina per la radice degli accordi, o a mettere il 1 ° trombone nella parte più alta della sua gamma pratica, incrociando più in alto del voci di contralto. Non solo, ma negli arrangiamenti per banda, fare in modo che il baritono raddoppi la tuba all'ottava risulterebbe comunque in una spaziatura molto ravvicinata, e spesso tra i due tromboni!

Inoltre, ho recentemente visto arrangiamenti per banda di età e popolarità considerevoli (ad esempio, suonato settimana dopo settimana ogni anno scolastico per non meno di 80 anni) che fanno una voce ravvicinata inferiore a C4. Non sono mai accordi lunghi o passaggi estesi, ma ci sono: Bb3 e G3, C4 e Ab4 e persino (penso di averli visti) Bb3 e G3!

Questo mi porta a chiedermi: La voce ravvicinata è davvero così brutta? In caso contrario, qual è il limite? Non farei mai un accordo in F2 e A2, per esempio, e questo per nessuno strumento. Se deve essere evitato come la peste, come dovrei gestire la guida vocale?

https://music.stackexchange.com/questions/77173/lower-interval-limits/77176#77176
Penso che C4 sia davvero un limite stupido; scendere al di sotto è raramente un problema, anche per dissonanze piuttosto succose. È vero, i tromboni possono essere particolarmente problematici, sia a causa del loro SPL penetrante nella gamma media che dell'intonazione spesso tutt'altro che ideale, ma comunque. E anche F2-A2-C3 è un accordo perfettamente utilizzabile nella giusta impostazione. Ciò che è più importante dei limiti assoluti è rendere chiara la struttura armonica e tenere a mente a quale rapporto di intonazione corrisponde ciascun intervallo.
Non del tutto rilevante, ma suono il piano e trovo che i voicing chiusi sotto C3 (il C sotto il C centrale) suonino confusi. Non ho fatto abbastanza lavoro di arrangiamento per commentare il confronto con altri strumenti o gruppi di più strumenti. Inoltre, sono sicuro che se suonassi su un pianoforte a coda finemente realizzato e ben accordato, i registri inferiori sarebbero più flessibili.
Cinque risposte:
#1
+18
Richard
2018-12-15 00:55:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono ragioni acustiche per non volere una voce ravvicinata nel registro inferiore; in breve, le armoniche superiori si confondono a vicenda e appannano il suono.

Ma nella mia esperienza, C4 è un limite davvero alto; Posso pensare a tonnellate di spartiti con terzi sotto C4.

Ogni ambiente musicale è diverso, e talvolta potresti volere quel suono leggermente confuso. Ma se dovessi trovare una regola rigida, sarei propenso a usare C3 come limite superiore invece di C4.

Sotto C3, i compositori spesso si limitano a rispettare le ottave, ma a volte troverai alcune quinte perfette tra tuba e trombone basso, o divise tra due parti di tuba, ecc.

Modifica: come ho detto in un commento alla risposta di mkingsbu, Mahler 3 ha terze consecutive di re2-fa2-a2 su m . 209 del primo movimento. Queste distanze strette si verificano, ma in genere sono scritte per creare un effetto molto specifico.

Quindi NON sono pazzo!
Inoltre, molto dipende da cosa sta succedendo nel registro acuto allo stesso tempo. Accordi di registro basso ravvicinati con niente sopra di loro non sono così insoliti (cfr. Vari corali bassi di ottoni). Ciò che diventa davvero confuso è avere una spaziatura ravvicinata nel registro basso, oltre a un'ampia gamma complessiva nell'accordo: gli armonici superiori delle voci inferiori si confonderanno con le altezze principali delle voci acute, dando un effetto che è molto raramente desiderabile.
#2
+9
Dom
2018-12-15 01:16:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le vocazioni chiuse non sono male, ma devi essere consapevole del registro in cui ti trovi, indipendentemente da ciò che componi. Nei registri inferiori, avere note vicine non è sempre quello che vuoi. In particolare, gli intervalli che dovrebbero avere colori come 3 ° e 6 ° suoneranno entrambi "confusi" per la maggior parte. Gli interni perfetti in genere non osservano questo problema. Questa è anche la ragione nella maggior parte dei contrappunti alle persone viene insegnato a mantenere alto il tenore. Non è necessariamente un brutto suono, ma le armonie previste potrebbero non risultare come vorresti a causa di questa proprietà.

Come con qualsiasi altra cosa nella musica, ascolta ciò che stai scrivendo. Dovresti essere in grado di sentire una differenza di chiarezza dagli accordi chiusi di registro basso a un registro più alto aperto. La confusione potrebbe anche essere qualcosa che desideri per il tuo pezzo.

#3
+7
ggcg
2018-12-15 02:33:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La discriminazione del tono umano dipende dalla frequenza. C'è un concetto di band critiche. Puoi leggerlo in un testo su Fisica e musica di Rigden. Continuo a promuovere quel testo perché ho insegnato in diverse università. Probabilmente ci sono molti buoni testi sull'argomento. In breve, c'è una differenza di frequenza minima critica alla quale le persone probabilmente non saranno in grado di sentire la differenza tra due toni. Ciò ha anche un impatto sulla percezione della consonanza e della dissonanza in un intervallo. È un dato di fatto che piccoli intervalli saranno "fangosi", più dissonanti e forse indistinguibili alle basse frequenze (nei registri bassi). Ciò non significa che non puoi farlo. Alla fine della giornata devi essere soddisfatto del tuo arrangiamento. Se stai solo cercando di arrangiare un brano musicale e stai cercando di trovare lavoro per ogni sezione, aderirei alla regola (linea guida) ma se stai componendo hai la libertà di infrangere le regole. Produrrà un effetto e finché quell'effetto è quello che vuoi, funziona. Ma starei attento e lo proverei durante le prove in un auditorium per vedere se suona come pensi. La "fangosità" non ha nulla a che fare con l'acustica e la dispersione acustica e le interferenze peggioreranno l'effetto. Se ti trovi con opzioni limitate per le note nei registri inferiori, puoi sempre riarrangiare un pezzo per avere un'armonia diversa, un'inversione di accordi ecc.

_Physics and the Sound of Music_ di John Rigden? Dovrò controllare quello. Quando ne ho bisogno, mi immergo in James Jeans _Science and Music_, o torno a Helmholtz.
Ho entrambi, e il libro di Helmholtz è eccezionale. Mi piace particolarmente il riferimento all'etere quando si parla di propagazione della luce. È un po 'antiquato ma interessante. Rigden non è così rigoroso, quindi non avere questa aspettativa. Se serve rigore rimani con Helmholtz o Fletcher e Rossing.
#4
+5
mkingsbu
2018-12-15 01:50:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come trombonista, ho usato D3 come chiusura, anche se faccio eccezioni dipendenti dal contesto.

Quando dici:

o per alzare il primo trombone nella parte più alta della sua gamma pratica, attraversando le voci più alte rispetto alle voci di alto

Che questo non è un grosso problema come potresti pensare per i trombonisti, a seconda del livello di difficoltà che sei scrivere per. Se si tratta di un ensemble professionale, C5 è la gamma assolutamente prevista per un tenore. Parti di contralto leggermente più alte, fino al Mi bemolle sopra, davvero. Quindi avere ogni membro della sezione di trombone appartenente a una "voce" diversa in una voce generale in un'orchestrazione va perfettamente bene.

Se desideri un'istantanea di una scrittura che è ampiamente considerata idiomatica per il trombone , puoi controllare una risorsa come http://www.tromboneexcerpts.org. Questa è una raccolta di risorse che vengono utilizzate nelle audizioni, motivo per cui suggerisco che tutto possa essere considerato "idiomatico" ... perché se non lo è, le persone lo trattano ancora come se lo fosse! Forse un modo migliore per spiegarlo sarebbe che è nel "repertorio standard" che ci si aspetta che suoni un trombonista.

Ogni estratto ha una registrazione di diverse orchestre che dimostrano il passaggio scritto, così puoi sentire come potrebbe suonare al trombone, nel contesto dell'intera orchestra. Nella maggior parte dei casi ha tutte le parti di trombone in modo da poter vedere i voicing per quella parte del brano. L'eccezione sarebbero gli assoli all'interno di un'opera più ampia, come Mahler 3. Per inciso, questo è un buon esempio di una seconda inversione, almeno nella parte di trombone con un accordo minore di re abbastanza stretto che inizia quel particolare estratto, che violerebbe gli intervalli chiusi o altri voicing nella parte di trombone sotto C4.

#5
+5
phoog
2018-12-15 06:10:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La confusione dipende anche da altre considerazioni, come il volume e l'accordatura. Solo le terze (cioè, in un rapporto armonico di 6/5 o 5/4) suoneranno più chiare delle terze di temperamento equabile. Dai un'occhiata a qualche contrappunto rinascimentale, che generalmente funziona molto bene con i tromboni che suonano le voci più basse. Penso a Schütz Die mit Tränen säen, SWV 42, e Selig sind die Toten, SWV 391. Ci sono anche alcuni grandi pezzi di Thomas Tallis solitamente cantati da uomini voci che hanno una spaziatura ravvicinata nel registro inferiore in alcune sezioni.

Potrebbe interessarti anche una pagina che ho trovato dalla Ohio State University School of Music (tramite una ricerca sul web che utilizza l'operatore - ), chiamato Spacing of Chords. Per riassumere, la pagina nota che Walter Piston ha messo in discussione la regola storica sulla spaziatura degli accordi che corrisponde alla serie armonica, poiché la pratica effettiva ha mostrato che la spaziatura accettabile dipendeva tra le altre cose dal registro. La pagina prosegue poi descrivendo il lavoro psicoacustico sulla spaziatura degli accordi svolto dagli anni '60.

Come Ohioan, adoro vedere il nome della Ohio State University su un articolo così utile e interessante! Grazie per il link!
@JAF e grazie per il tuo commento richiamando la mia attenzione sul fatto che ho scritto il nome della scuola in modo errato nella risposta. In qualità di alunno dell'Università dell'Indiana, sono normalmente più sensibile a queste questioni.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...