Domanda:
Perché sono necessarie le firme chiave come E # e B #?
Nick B.
2015-03-31 07:09:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché abbiamo bisogno di firme di chiave come E♯, B♯, C ♭ e F ♭? Dai un'occhiata alle scale per E♯ e B♯:

enter image description here enter image description here

E♯ ha 4 diesis e 4 doppi diesis. La chiave di F è esattamente la stessa, e ha solo un accidentale nell'armatura di chiave (B ♭). Capisco perché a volte è necessario usare la nota E, ma l'uso della tonalità E♯ sembra rendere le cose più confuse.

B ha 3 diesis e 5 doppi diesis, mentre C major non ha affatto alterazioni nell'armatura di chiave! Quale pensi sia più facile da capire?

[Si # e Do non sono necessariamente la stessa nota] (http://music.stackexchange.com/a/5659/28).
Sette risposte:
#1
+15
aaaaaaaaaaa
2015-03-31 07:42:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono solo versioni estreme di scale enarmoniche, ovvero scale che esistono in una chiave dal suono identico ma sono scritte in modo diverso. Ha semplicemente a che fare con il fatto che dobbiamo avere quante più chiavi possibili per consentire l'ortografia corretta degli accordi e quant'altro. Ad esempio, A # minor è il relativo minore di C # major (condividono tutte le stesse note). Ora, la tonalità di Mi # maggiore è ridicola di per sé, ma E # è la dominante di A # minore, e se dovessimo scrivere una sonata in un vecchio stile, avremmo bisogno di E # a nostra disposizione perché è una necessità a scrivere in la minore per un certo periodo di tempo. Come ho detto, queste sono una specie di chiavi estreme: esistono principalmente per ragioni teoriche (e perché gli insegnanti di teoria e i professori dicono che devono esistere) in contrasto con l'uso quotidiano e per quelle pratiche.

Una bella illustrazione "pratica" è il preludio in mi bemolle minore e la fuga in re diesis minore nel primo libro del "48" di Bach (BWV 853). Il preludio ha un culmine a circa 3/4 del percorso, sull'accordo di "2a napoletana" di fa bemolle maggiore (cioè 9 bemolle). La fuga ha una serie di voci nella tonalità dominante della dominante di Mi diesis minore (cioè 9 diesis) ..
#2
+7
N1hk
2015-04-09 02:41:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per quanto riguarda le firme di tonalità, sarebbe difficile trovare un'opera musicale che abbia una firma di tonalità in una delle chiavi che hai menzionato. Gli screenshot dei tuoi esempi sono anche senza alcuna firma di chiave; è difficile per uno staff accogliere così tante alterazioni e probabilmente non erano mai state concepite per essere in grado di comprendere ogni possibile armatura di chiave. Il tuo esempio illustra invece le scale principali basate su di esse. Questo è probabilmente fatto come esercizio per uno studente di teoria musicale in modo che possa impegnarsi con altezze che non si trovano comunemente nella musica, e una scala maggiore è un mezzo conveniente per riassumere molte di esse. Come hai detto tu stesso, a volte sono necessarie note come E #. Lo stesso vale per ciascuna delle altre altezze trovate nel tuo esempio.

Le scale di do maggiore e di fa maggiore sono indubbiamente più leggibili dello stesso tipo che inizia su Si # o Mi #, ma i musicisti dovrebbero comunque prendere confidenza con leggere altezze di doppi diesis, bemolle e altri, nonostante la loro rara frequenza Una miscela modale, accordi alterati e compositori che evitano l'ortografia enarmonica vengono in mente come alcuni dei motivi per essere esposti a questo tipo di altezze.

È possibile (e non raro) avere un passaggio in scala maggiore all'interno di una sezione di musica che ha una diversa tonalità. Se un brano musicale in C # maggiore (con diesis F #, C #, G #, D #, A #, E #, B #) ha un passaggio di scala che inizia su una nota a quattro semitoni sopra la nota chiave, annotandolo come (E # F ## G ## A # B # C ## D ## E #) richiederebbe alterazioni su quattro note (poiché E #, A # e B # sono nella loro tonalità). Annotarlo come (F G A Bb C D E F) richiederebbe alterazioni su tutte e sette le note. Anche annotarlo come E # G A A # B # D E E # per sfruttare i diesis nell'armatura di chiave sarebbe comunque ...
... probabilmente è necessario inserire alterazioni su più note di quelle che sarebbero necessarie usando i doppi diesis, poiché Anat ed Enat cancellerebbero ut la la # e la mi # nell'armatura di chiave, rendendo necessario riformularle sulla nota successiva.
#3
+4
supercat
2016-04-01 01:45:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un altro problema non ancora menzionato è che, specialmente quando si usa un computer per modificare la musica, si potrebbe voler eseguire una sequenza di operazioni di trasposizione che creano strane firme di chiave, ma normalizzano solo le firme di chiave dopo aver eseguito tutti i passaggi. Se si traspone un brano musicale verso l'alto, e poi si traspone una parte di esso verso il basso della stessa quantità, sarà spesso desiderabile che la trasposizione verso il basso annulli precisamente l'effetto della trasposizione verso l'alto. Tuttavia, se le armature di tonalità sono normalizzate tra le due operazioni, le operazioni potrebbero non essere annullate.

Ad esempio, se un brano musicale avesse una sezione che cambiava alcune volte tra Si maggiore (cinque diesis) e Si minore (due diesis) ed è stato trasposto verso l'alto di una terza maggiore, che produrrebbe firme di tonalità di Re # maggiore (nove diesis) e Re # minore (sei diesis). Se la parte D # maggiore fosse normalizzata in Mi bemolle (tre diesis) e poi la sezione venisse trasposta di nuovo in basso, il risultato sarebbe un misto di Do maggiore (sette bemolle) e Si minore (due diesis), con una conseguenza la tonalità maggiore e minore appariranno in posizioni diverse del rigo.

In genere si vorrebbe normalizzare le firme di chiave prima di stamparle per scopi di esecuzione, ma essere in grado di avere firme di chiave insolite durante il processo di modifica può consentire computer per mantenere le distinzioni durante l'editing (ad esempio la differenza tra Cb major e B major).

#4
+1
Laurence Payne
2015-04-09 14:50:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Queste scale esistono logicamente ma, hai ragione, è difficile immaginare una circostanza in cui avremmo bisogno di loro! Occasionalmente è opportuno utilizzare una scala al di fuori dell'ambito delle firme in chiave (arrivano solo fino a 7 diesis o 7 bemolle, non usiamo doppi diesis o bemolle nelle firme di chiave). G # major non è ridicolo.

#5
  0
lobi
2015-04-10 00:59:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

dall'esempio di La # m di drpylon:

Senza questa notazione enarmonica "strana", l'accordo costruito sul 4 ° grado sarebbe annotato come: Fa naturale, Sol #, Do naturale Guardandolo su il punteggio non sembrerebbe corretto; Ho letto da qualche parte che lo scopo della notazione enarmonica è quello di consentire allo scrittore (e al lettore) di vedere visivamente quello che a prima vista sembra essere un accordo normale, ad esempio durante la lettura a prima vista.

In altre parole, sarebbe più facile leggere a prima vista e #, g #, b #, piuttosto che naturale f, g #, naturale c, quindi un vero vantaggio di questa strana notazione enarmonica.

#6
  0
Areel Xocha
2018-08-04 03:52:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una volta che inizi a parlare di chiavi e scale, stai praticamente spuntando la casella che dice "Accetto di non usare mai lo stesso nome di lettera consecutivamente". Considerazioni pratiche, come la facilità di lettura, non hanno la meglio su questo. Nel bene e nel male, questa proibizione di nomi di lettere consecutive risiede nel genoma della teoria musicale così lontana che sconvolgerla porterebbe a un periodo di caos; quindi persistiamo.

#7
-1
wally
2018-01-05 04:55:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ci sono firme di chiave di E # o B #! Ma ci sono B # e E # in chiave REALE (e anche Cb e Fb). Ad esempio, C # Maj ha tutte le note diesis, quindi questo è l'esempio più semplice. NESSUNA firma di chiave reale ha doppi diesis e queste chiavi NON sono necessarie. Sì, alcuni brani avevano doppi diesis, ma NON nella tonalità. Ci sono 7 diesis e 7 bemolle e una tonalità tutta naturale (C Maj). Questo è tutto! È importante notare che c'era una nota tra B e C e tra E e F per facilitare diverse accordature per rendere la musica più armoniosa, su Clavicembali e credo Clavicordi, dove il musicista avrebbe scelto l'uno o l'altro per adattarsi con le note rimanenti in esecuzione. Accordature differenti (temperamenti come pari e uguale ecc.) Hanno compromesso le note abbastanza da evitare questa necessità. Penso che il vecchio tipo fosse "Solo temperamento" e "Pitagorico" o altre accordature. Spero che abbia senso ...

+1 per aver sottolineato che la nozione dell'OP (sigle chiave per Mi # maggiore e Si # maggiore) era sbagliata e per discutere di ciò che esiste realmente (chiavi che includono un Mi #, possibilmente anche con un Si #).


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...