Domanda:
Il passaggio ha accordi successivi in ​​Fa minore e Mi minore. Questo è atonale o cromatico?
Stan Shunpike
2018-05-25 02:52:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto studiando questo passaggio da LOTR.

enter image description here

La viola, il violoncello e il basso qui si alternano tra accordi in Fa minore e Mi minore.

Come scriverei le 3 parti inferiori in numeri romani? Non condividono le note, quindi sono confuso su come lo interpreterei. Questo non è atonale, vero?

Puoi per favore citare la misura in cui si trova ogni accordo?
@ggcg certo, delle 4 misure che ha caricato, sono nelle misure 1-4 ...
Questa è una risposta piuttosto ostile. Quello che volevo dire era F- in 1 e 3, E- in 2 e 4 ecc.
Cercando di capire perché il basso ha F # nella battuta 2, ma Gb nella battuta 4.
@Tim Non è a causa della "regola" nella scrittura di scale cromatiche di usare diesis crescente e bemolle decrescente?
@TimH - forse, ma forse controbilanciato dalla "regola" delle note di ortografia da un accordo o una chiave? È la stessa armonia in entrambe le battute, credo. Ma potresti avere ragione. Altre opinioni, persone!
Quattro risposte:
#1
+5
John Wu
2018-05-25 03:37:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando ti senti confuso dalle note, smetti di cercare. Ascolta. Se dimentichi gli accordi e ascolti e capisci come funziona la tensione armonica, penso che sarai d'accordo che il passaggio nel complesso non sembra arrivare a una conclusione, come una cadenza completa. Ma c'è un senso di tensione e poi di rilassamento. A me suona come una mezza cadenza con un sapore insolito di movimento frigio. C'è una lunga tradizione di scimmie in giro con le note interne nelle cadenze frigio, la versione più notevole sono gli accordi 6a aumentata francese, italiano e tedesco, che svolgono tutti la stessa funzione (predominante).

Con queste riflessioni sulle funzioni degli accordi, diamo un'occhiata alle note. Se questo è un tipo di movimento frigio, allora il passaggio è nella tonalità di La minore, con l'accordo di F che funge da VI cromatizzato e l'accordo di Mi che è una V. A conferma di ciò, mi sono seduto al pianoforte e ho suonato il passaggio e inserito un accordo di LA minore alla fine, per vedere se "suona bene". Penso di sì.

L'accordo F è un po 'strano perché contiene un Ab, che rende l'accordo minore. Penseresti che questo lo farebbe suonare piuttosto strano, e ha un suono spettrale, ma funziona ancora perché Ab è enarmonico con G # e G # è nella scala per la minore ( armonico o melodico). Quindi l'aggiunta dell'Ab non toglie la tonalità.

Inoltre, l'accordo di Mi è insolito in quanto è una funzione dominante ma minore. Questo è ciò che conferisce al brano una sorta di triste e incerta liberazione.

E infine, c'è una falsa relazione tra il La naturale nella melodia e il La bemolle nell'armonia, che aumenta la tensione e il mistero del primo accordo.

Se dovessi scrivere questo in notazione con numeri romani, sarebbe

  bvi v (notazione tradizionale)  

Oppure

  vib3 v (Aldwell & Schacter)  

Oppure

  vi * v (abbreviazione pragmatica che esprime la funzione)  

P.S. Amo questo passaggio; è uno dei miei leitmotiv preferiti nel film. Mi ricorda un po 'l'apertura di Tristano e Isotta, ed è anche nella stessa tonalità, guarda caso.

P.P.S. Forse l'hai notato, ma questa disposizione contiene quinte parallele. Le regole devono essere infrante, yo.

Questa è una risposta ponderata, ma metterei in dubbio l'idea che un movimento frigio implichi una tonalità di minore. È perfettamente possibile (soprattutto nel contesto della musica da film) scrivere "frigio" con l'accordo tonico. bvii> i; bvii, I; bII> Sono entrambi gesti perfettamente funzionanti in un contesto di musica da film, e qui direi che il centro della tonalità è in realtà E in questo motivo (quindi dovresti semplicemente bii *> I)
@Some_Guy Beh, ad essere onesti, penso che l'ambiguità faccia parte delle intenzioni del compositore. Sono aperto all'idea che la F sia [napoletana] (https://en.wikipedia.org/wiki/Neapolitan_chord) invece di Phrygian, o forse si presenta come entrambe le cose in momenti diversi nel film. Ma lascia che ti chieda questo. Se suoni il passaggio e virgoli su un La minore alla fine, senti il ​​La minore come funzione sottodominante? E se poi passi alla E, senti che la progressione si è fermata? Sono curioso se il tuo orecchio ti dice qualcosa di diverso.
sì, lo sento molto, così forte che non riesco a immaginare di sentirlo in nessun altro modo per essere onesto! Se suoni gli accordi e la melodia su un piano o una chitarra o qualcosa del genere, lo senti davvero tirare in La minore, o è solo la tua "testa della teoria" che parla? È anche curioso, è possibile che lo sentiamo in modo diverso!
Giusto. Non dubito di te. Ma forse la userò come scusa per guardare di nuovo il film e ascoltare per capire se quella frase è mai stata usata per concludere un periodo musicale. Lo sento ancora come una virgola, ma mi piace che possa andare in entrambi i modi.
trovato una clip del passaggio nel contesto. Il centro tonale si sposta costantemente, buona fortuna se lo analizzi con i numeri romani! https://youtu.be/nbLRDozffOc?t=116 prima Fm> em poi Abm> gm con la stessa melodia trasposta solo di un semitono, poi atterra su Ebm e modula di nuovo su Em. E se continui ad ascoltare oltre che gli accordi vanno dappertutto stabilendo e disattivando costantemente i centri tonali. Mi piace.
@JohnWu: Non convinto dall'idea che il "Fmin" sia napoletano, anche se ho giocato con l'idea.
* Regole-schmules! * Quinte parallele indeboliscono il movimento armonico tanto quanto indeboliscono il contrappunto, ma sono una fantastica risorsa coloristica. Non sono sicuro che identificare le Quinte parallele sia necessariamente una critica al giorno d'oggi, ma piuttosto un riconoscimento della loro funzione armonica e coloristica. Ma io sono un vecchio, intriso di contrappunti di specie ...
#2
+4
Dean Ransevycz
2018-05-25 06:45:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non per sminuire l'eccellente risposta di @John_Wu, ma vorrei porre questa analisi aggiuntiva.

Primo, per rispondere alla domanda sostanziale, il passaggio è tonale. Successivamente, per rispondere alla tua domanda secondaria: non ho intenzione di proporre alcuna analisi armonica funzionale.

Al mio orecchio c'è una chiara tendenza armonica al Emin7 accordo. Inoltre, per il mio orecchio decisamente eccentrico, il C in alto nelle barre 1 & 3 ha una tendenza molto forte a risolversi in B nelle barre 2 & 4. Finora, noi sono d'accordo, tuttavia ipotizzerei che siamo effettivamente in uno spazio modale E piuttosto che in A . Piuttosto che ♭ vi → v7 , considera Fmin un vicino superiore cromatico di Emin7 . Inoltre, considera le quinte parallele tra la melodia del basso &: questo indebolisce il movimento armonico, lasciando al mio orecchio l'impressione che l'accordo Fmin sia un abbellimento su un E sottinteso a livello acustico. [aggiunto:] Ora in quella luce, la melodia stessa si sposta per enfatizzare il centro della E con, di nuovo al mio orecchio, C che suona dissonante contro il precedente B anziché consonante nell'armonia Fmin che abbellisce le voci inferiori. Come è stato sottolineato in altri post nei commenti di &, la melodia evita Fmin - vale a dire la relazione incrociata A ♭ / A ​​♮ . Di per sé la melodia implica per me Emin .

Questa linea di ragionamento implica quindi quanto segue?

  ♭ ii → i7 → ♭ ii → i7 (i) - - - - - - -  

Allo stesso modo questa analisi del vicino superiore cromatico si applicherebbe con il movimento ♭ vi → v7 sull'implicito v , ma come detto prima ho sentito il centro modale come E anziché A .

Inoltre, il paragone di John Wu con Tristan & Isolde è appropriato, soprattutto alla luce del lavoro successivo di Shore per i film LoTR.

se il bII è minore o maggiore è un po 'complicato anche se a causa della falsa relazione nella melodia, penso che sia per questo che John alla fine ha scelto l'asterisco. A parte quel piccolo pignolo, sono completamente d'accordo con questa analisi :)
semmai l'Ab in fa minore agisce quasi come una tensione irrisolta per un accordo di Fa maggiore implicito che non arriva mai (rispecchiando la stessa tensione dal si alla do nella melodia). Potrebbe essere troppo lungo però !!
#3
+1
Laurence Payne
2018-05-25 17:11:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il brano può essere descritto utilizzando i nomi degli accordi. È tonale.

Potrebbe non essere funzionale, nel senso che tutto è sulla stessa scala e può essere descritto come una serie di cadenze perfette (completate o frustrate). Ma non deve essere così. Molta musica (tonale) non lo è.

#4
-4
ggcg
2018-05-25 03:10:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa potrebbe essere una risposta insoddisfacente ma ...

Sei nella tonalità di Do maggiore in base alla foto. Emin è il iii accordo che tra l'altro è una sostituzione adeguata per l'accordo I (tipo di interpretazione jazz ma tali dispositivi sono usati anche nella musica classica). La F è un accordo IV e IV -> iv (minore iv) -> I è una risoluzione comune.

Quindi, interpreterei la progressione cromatica come una versione di iv -> I . Che sono sicuro suona bene.

Il passaggio non è in Do, usa le orecchie e il centro dell'altezza è Mi.Forse è stato scritto senza una chiave per implicare Mi frigio, o semplicemente scritto senza una tonalità a causa del cromatismo del pezzo
La E suona proprio come Cmaj7. Se non senti quella pratica.
Mi dispiace, @ggcg, non sento CMaj7.
la maggior parte delle persone sente la E- in Cmaj7. Andare dall'altra parte è automatico per me. :-(
Con le viole che suonano Do e Ab, non sarà Cmaj7. Cosa ci manca?
Non mi riferisco alla prima misura, F-, la seconda, E-, che fa parte della struttura poly chord di Cmaj7. La progressione può essere scritta iv (minore) -> iii nella tonalità di C, proprio come i risultati di altre analisi. Non so perché questo sembra così ripugnante. La melodia non ha alterazioni e le frasi terminano il 3 e il 7 di Cmaj7. Puoi vederlo come cromatico ma con le sostituzioni di accordi ha davvero il carattere di iv -> I. Visualizzando la fine della prima frase come quella di Mi sei in Mi frigio (Chiave di Do maggiore)
Non posso parlare per tutti gli altri, ma la mia obiezione principale è che solo ascoltando è chiaro che C non è definitivamente il centro tonale. Capisco l'argomento che stai facendo, ed è possibile che uno * possa scrivere * fm-em come iv -> iii, ma è chiaro che * non * è il caso qui
Non sono d'accordo. Si adatta davvero. Ma questo è il nostro diritto di sentire le cose in modo diverso. La mia analisi non è valida.
@ggcg sì, ho paura che ti sbagli. Può "adattarsi", ma è una riarmonizzazione, una ricontestualizzazione del passaggio piuttosto che l'effettiva conseguenza armonica del brano originale. Né teoricamente né soggettivamente, non c'è modo di sentire o vedere il Mi minore come se implicasse un accordo di Cmaj7 in questo passaggio. Te lo posso giustificare in teoria, se vuoi, ma le tue orecchie dovrebbero bastare per dirti che l'accordo è un Mi minore
Dacci dentro, via la teoria.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...