Domanda:
Cosa succede alla melodia quando suonata in una tonalità diversa
Richard
2015-08-07 14:01:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Cosa succede alla notazione (ad esempio una linea melodica) quando un brano viene suonato in una tonalità diversa da quella in cui è stato scritto? Le note cambiano in qualche modo o rimangono sempre le stesse di quelle originariamente composte? In altre parole, se una melodia è stata scritta nel kay di C e la melodia inizia con una nota di Do seguita da una nota di Re, quel pattern di note cambia in un pattern diverso, se il brano viene suonato in una chiave diversa?

Se le note rimanessero le stesse, che differenza farebbe un cambio di chiave?
Su un pianoforte o un sassofono, ad esempio, le note sono diverse e le diteggiature sono diverse. Su una chitarra basta spostare su o giù alcuni tasti e le diteggiature sono le stesse (o viene utilizzato un capotasto).
Quattro risposte:
#1
+8
Shevliaskovic
2015-08-07 14:10:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo si chiama Trasposizione.

Ad esempio, se sei in Do maggiore e hai questa melodia: CFEGC e ti sposti in Mi maggiore scala, la melodia sarebbe: EAG#-BE.

Devi mantenere gli intervalli uguali (una quarta perfetta rimane una quarta perfetta ecc.), ma le note cambiano.

Si chiama [trasposizione] (https://en.wikipedia.org/wiki/Transposition_%28music%29), non modulazione.
#2
+2
dwoz
2015-08-07 23:49:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono due problemi qui: cosa succede nella NOTAZIONE musicale e cosa succede nella MUSICA, quando si traspone in una chiave diversa.

La risposta breve sulla notazione musicale è che gli intervalli di altezza dalla nota la nota di una melodia trasposta non cambia quando cambi la tonalità, quindi per esempio se avessi una melodia in chiave di C, a partire dalla nota E, poi trasposta quella melodia nella chiave di E, allora dovresti scrivi la tonalità di Mi (quattro diesis) e la tua nota iniziale sarebbe un G #, ma non dovresti scrivere il diesis, perché è già nell'armatura di chiave. Se non ci fossero alterazioni (diesis / bemolle) nella melodia originale nella tonalità di Do, allora non ci sarebbero alterazioni nella melodia trasposta, (oltre i quattro diesis della tonalità). Se avessi, ad esempio, una nota scritta Bb nella tonalità di C, quando trasposta nella chiave di E, sarebbe scritta come un Re naturale, invece di un Re.

Ora ... ci sono anche differenze di tonalità da tonalità a tonalità. Queste differenze sono estremamente sottili, minuscole, ma ci sono. In altre parole, Nigel Tufnel non stava fumando completamente quando ha dichiarato che "..D minore è il più triste di tutti i tasti ..."

La presenza di differenze di tonalità dipende dallo strumento e dal sistema di accordatura utilizzato.
#3
+1
Neil Meyer
2015-08-07 14:32:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dato che le scale maggiori hanno semitoni tutti nello stesso punto, la trasposizione tra diverse tonalità maggiori otterrà comunque una tonalità maggiore generale simile (se non identica).

Spesso si desidera farlo per considerazioni pratiche. La musica per chitarra che non è scritta specificatamente per la chitarra deve quasi sempre essere trasposta in MI / LA o D.

Questo non toglie nulla alla musica se eseguita correttamente.

Non posso essere d'accordo sul fatto che "la musica per chitarra deve essere quasi sempre trasposta in MI / LA o RE". Non è assolutamente vero. La tonalità di cui è soddisfatto il cantante ha un'influenza molto maggiore sulla tonalità. La musica non specificatamente scritta per la chitarra di solito può ancora essere suonata nella sua tonalità originale sulla chitarra - o sulla maggior parte degli altri strumenti.
Quelle sono le chiavi naturali della chitarra. Vuoi la nota fondamentale dell'accordo nel basso.
@NeilMeyer: Potete fornire ulteriori prove per questo? Forse un collegamento con qualche spiegazione? Certo, non ho studiato chitarra per molto tempo, ma nella mia esperienza limitata le chiavi erano dappertutto. G in particolare era molto comune e naturale, poiché permetteva di suonare accordi di 1/4/5 (o almeno variazioni) con movimenti minimi. Ho solo messo in dubbio la tua dichiarazione.
Vuoi solo "la nota fondamentale dell'accordo nel basso" se sei un chitarrista di base. Un buon giocatore saprà giocare in qualsiasi tonalità.
Per le canzoni in una tonalità maggiore con l'accordo occasionale dal relativo minore, la tonalità più semplice della chitarra è SOL! Tuttavia, ciò che il cantante vuole è molto, molto più importante, come ha detto Tim. Ho anche dovuto cambiare chiave per il tin whistle: non per mancanza di fischietti, ma perché il fischio di F era troppo stridente siamo passati a D.
#4
  0
Nutela
2015-08-08 16:10:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Al pianoforte oggi otterrai solo il suono della tua melodia o armonia più alta in altezza (meno le diverse risonanze dello strumento stesso). Questo è così perché il piano è accordato allo stesso modo (cattivo) cioè tutti i tasti suonano allo stesso modo. Questo si chiama temperamento equabile. Alcune persone pensano che sia brutto perché si potrebbe dire che solo le ottave sono pure, il resto è un'approssimazione.

Prima del 1900 era comune che chiavi diverse suonassero in modo diverso a causa dei cosiddetti temperamenti. Anche prima i tasti avevano un suono molto distinto (accordatura mesotonica) perché la chiave principale doveva essere pura. Questo ovviamente rendeva la composizione restrittiva.

All'epoca i clavicembali erano sintonizzati in modo che le terze maggiori fossero pure, in seguito era importante avere quinte pure. Anche i clavicembali / pianoforte sono cambiati drasticamente e hanno dovuto essere accordati in modo diverso. Così i temperamenti temperati divennero moda. I pianoforti di oggi hanno un suono più simile a una campana, nei registri superiori.

Un famoso compositore di nome Johannes Sebastian Bach era particolarmente interessato a trovare i temperamenti per il clavicembalo (il clavicembalo ben temperato di Bach) perché voleva continuare un pezzo in più tonalità possibili senza suonare (troppo) stonato.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...