Domanda:
Improvvisazione melodica su accordi
Joe
2013-07-17 21:39:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia domanda riguarda quale scala suonare su una data progressione di accordi. Ad esempio, considera una progressione contenente I, II, IV, V in CIe, la chitarra ritmica suona C, Dmin, F e G ...

La mia intuizione mi dice che se ho intenzione di improvvisare su questi accordi, rimarrei nella scala C per tutto il tempo, perché, in effetti ciascuno di questi accordi è sulla scala C tuttavia, mi è stato detto che potrei effettivamente suonare in C mentre la chitarra ritmica sta suonando Cmaj, in F mentre la chitarra ritmica suona Fmaj, ecc.

Ma ancora una volta la mia intuizione mi dice che suonerei fuori tono . Qual è l'approccio corretto o lo sono entrambi? C'è una regola generale? Dipende dal genere musicale?

Cinque risposte:
#1
+10
Tim
2013-07-18 12:21:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Rimanendo nella scala di Do maggiore, la maggior parte delle note funzionerà sulla maggior parte degli accordi realizzati dalla scala di Do diatonica. Anche una nota di Fa su un accordo di Do può essere fatta suonare bene, quindi sì, attenersi alle note della scala di Do . Alcuni potrebbero sembrare inappropriati, a seconda di dove compaiono nella barra.

Tuttavia, prendendo la seconda idea, pensa, ad esempio, alle note della scala F - solo il Bb è diverso. La scala Dm - di nuovo solo Bb. La scala G - solo F #. Quindi, puoi vedere che quando si seguono i cambi di accordo usando le nuove note di scala, in qualsiasi misura data, c'è (di solito) solo una nota dalla 'nuova chiave' che potrebbe scontrarsi. Detto questo, la nota 'dispari' a volte funziona davvero bene, per dare una colorazione extra all'assolo / melodia.

Dipenderà anche da dove vieni e da dove stai andando. Per esempio. su C, andando su una barra F, il Bb si inserisce bene, segnalando un suono C7 che di solito porta comunque a F.

Se ti avvicini in modo modale, allora per ogni accordo avrai lo stesso scelta delle note - Do magg. scala. La differenza può essere che centrerai, ad esempio, su D per D dorian, ecc., Ma è quello che succede comunque.

Penso che il problema sia nelle chiavi e nella modulazione. Se rimani in C, puoi far funzionare la maggior parte delle note della scala sulla progressione: fidati delle tue orecchie su ciò che suona bene. Se cambi chiave per ogni accordo, stai dicendo che la musica si è modulata su quella chiave (* molto * rapidamente); e senza una reale preparazione e risoluzione suonerà abbastanza stridente (google 'cambio marcia del camionista').
Non sto dicendo che la musica si sia modulata velocemente, ma solo che la selezione delle note è variata leggermente. Se si conosce solo una posizione della scala, passare a una nuova posizione non è un inizio. Se uno sa che, diciamo, le note della scala per Do maggiore. cambia di una nota quando ci si sposta in Sol maggiore, verranno comunque utilizzate le stesse posizioni di tasti / corde, con solo una variazione da, in questo caso, F a F #. E questo F # probabilmente / probabilmente non verrà usato comunque. Se uno è al corrente dei modi, si potrebbe pensare in termini di "ora non sono in Do maggiore, ma Do Lydian su una barra Sol".
#2
+6
filzilla
2013-07-18 02:57:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La progressione di accordi che hai affermato, I, II, IV, V, è molto comune nella musica popolare e ci fai anche sapere che la stai suonando nella tonalità di Do maggiore. Poiché C è la nota tonica o fondamentale in questa tonalità, sarebbe più logico suonare una melodia in una scala di Do maggiore. Anche se la tua chitarra ritmica sta suonando altri accordi, tutti gli accordi che hai dichiarato appartengono alla scala di Do maggiore.

Sì, puoi suonare altre scale o modi come suggerito da Chochos, va bene e dovresti consentire te stesso la libertà di esplorare questa strada. Ma la domanda di base è: puoi suonare una scala di do maggiore mentre la tua chitarra ritmica suona un accordo di fa maggiore, e la risposta è sì, perché fa maggiore è l'accordo sottodominante per la tonalità di do maggiore.

Ricorda che in una scala maggiore I = la tonica (nella tonalità di C che sarebbe un accordo di Do maggiore), mentre hai II per il super tonico, in una tonalità maggiore questa è minore e dovrebbe essere scritta come ii.

L'intero schema di accordi per una scala maggiore è il seguente: I - ii - iii - IV - V - vi - vii °

(maggiore, minore, minore, maggiore, maggiore, minore, diminuito)

Nomi: tono tonico, supertonico, mediante, sottodominante, dominante, sottomesso, principale

La cosa importante da capire qui è che le melodie sono relative alla tonalità di musica tonale. La musica tonale definisce un centro tonale, in questo caso C.Se ascolti la musica di Bach o Handel troverai cambiamenti nei centri chiave, questi sono chiamati modulazioni, e questo significa solo che la musica 'modula' da una tonalità all'altra e così la struttura armonica e melodica si sposta su un nuovo centro chiave.

Inoltre, poiché hai menzionato che stai suonando Bluegrass, considera che questo idioma consente molte alterazioni in scala come nel piegare le note per violino, chitarra, o banjo. Ad esempio, nel blues il grado di terza scala è spesso suonato sia minore che maggiore nella stessa misura.

#3
+4
Basstickler
2013-07-19 07:52:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi avvicinarti con la scala singola (C) e pensare a certe note come "evitare note". Ad esempio, suonando su un Cmaj eviterai il F. Questo perché si scontra armonicamente con le note dell'accordo. Puoi ancora suonare F, ma di solito sembra che non faccia parte dell'armonia e ha bisogno di risolversi in qualcosa che è, che di solito sarebbe E in questo caso. Tuttavia, le note da evitare sarebbero diverse quando gli accordi cambiano. Questo concetto di "nota da evitare" si basa su un processo di pensiero Jazz in cui le note sono considerate note da evitare essendo un mezzo passo sopra un tono di accordo (F è mezzo passo sopra E ed E è un tono di accordo di Cmaj). Altre risposte ti hanno suggerito di usare le orecchie, con cui sono d'accordo, e se noti quali note non suonano bene o devono essere trattate più delicatamente e quando / su quali accordi si verificano, sentirai le note da evitare. / p>

Troverai anche che le note che sono mezzo gradino sotto i toni degli accordi possono essere dissonanti allo stesso modo, ma non vengono chiamate note da evitare. Questo ha a che fare con il voicing degli accordi, ad esempio su un Cmaj7 non vorresti suonare la fondamentale (C) sopra il 7 (B) perché creerebbe una forte dissonanza diversa dall'accordo previsto, ovvero cosa significa il simbolo dell'accordo .

L'approccio Jazz suggerisce di suonare una scala per ogni accordo, nota come teoria della scala degli accordi. Se vuoi rimanere completamente nella tonalità, stai solo giocando a ciascuna modalità (Ionian-Dorian-Lydian-Mixolydian nel tuo esempio). La maggior parte dei Bluegrass avrà una buona quantità di "note blu", che possono verificarsi in luoghi diversi ma spesso includono la riproduzione di b3 o b7 su un accordo maggiore o # 4 / b5 su un accordo minore.

Il jazz tradizionale viene spesso insegnato con il concetto che ogni scala di accordi ha più a che fare con il tipo di accordo rispetto alla tonalità in cui ti trovi. Le scale senza note da evitare (Dorian e Lydian) vengono utilizzate al posto delle note a meno che non siano accordi Dominanti o Diminuiti. Ad esempio, la scala degli accordi per I in una tonalità maggiore sarebbe Lydian o Dorian in minore.

L'approccio della scala degli accordi potrebbe funzionare bene per te, ma probabilmente non suonerai Lydian e Dorian abbastanza tanto quanto i ragazzi del Jazz. Probabilmente suonerai più scale blues, dove potresti trasformare ogni accordo maggiore in un 7 dominante e molte altre modalità.

#4
+2
Chochos
2013-07-18 00:09:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Potresti usare le modalità; cioè, suona la scala ionica in C, poi Dorian quando l'accordo è Dm, suona Lydian su F e Mixolydian su G. In questo modo rimani nella tonalità di C, ma sposti l'enfasi sulla fondamentale di ogni accordo , oppure potresti porre l'accento sulle note di colore di ciascuna modalità.

#5
  0
Michael Martinez
2014-04-30 03:05:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In genere si desidera identificare il centro tonale del brano (o sezione del brano) e utilizzare una scala appropriata che stabilisca quel centro. Gli accordi che dai sono quelli che rientrano negli accordi sottodominante, dominante e tonico nella tonalità di C - gli accordi stessi aiutano a stabilire la tonalità.

Ma dimentica la parola "scala" - non vuoi pensare a "scala" per l'improvvisazione - devi piuttosto pensare a toni target - ovviamente in molti casi sono derivati ​​da una scala, ma in un dato punto ci sono solo un sottoinsieme di toni che sono appropriati - dare uguale peso a tutti i toni della scala non è la cosa giusta da fare.

Ogni accordo ha una serie di toni di accordi validi + tensioni, e anche una serie di toni che sono in conflitto e devono essere evitati. Vedere la pagina di Wikipedia su "evitare note:" evitare note

Per maggiori dettagli, vedere Comprensione e implementazione di Harmony



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...