Domanda:
"Estremamente lento" significa anche "estremamente difficile"?
Benoit
2011-04-30 16:01:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto suonando alcune opere di Olivier Messiaen. Alcuni di loro sono "estremamente lenti, estatici" o "infinitamente lenti".

Esempi:

  • "Louange à l'Éternité de Jésus" ( Quatuor pour la fin du temps ), violoncello e pianoforte.
  • "Regard du père" ( 20 saluti sur l'Enfant Jésus ), solo pianoforte

Trovo molto difficile mantenere un tempo molto lento e mi ritrovo a migliorare la velocità mentre suono anche quando mi concentro su quell'argomento. Hai lo stesso problema e come lo affronti?

Grazie per le risposte!

Due risposte:
#1
+9
Kyle Brandt
2011-04-30 20:32:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Due cose possono aiutare con questo a cui riesco a pensare:

  1. Impostare un metronomo su un battito ampio, come un battito una misura per vedere dove corri e acceleri.
  2. Subdivide , subdivide e subdivide. :-) Se hai un forte impulso interiore che batte un battito più piccolo come l'ottava nota, questo può davvero aiutare. I tempi lenti sono difficili da studiare, quindi mantenere il ritmo più veloce suddiviso è essenziale.

Quindi un metodo pratico per combinarli potrebbe essere quello di impostare il metronomo su un ritmo più grande, ad esempio la misura di Mezza misura. Quindi cammina per la stanza con i tuoi passi come note da un quarto (lo so, è difficile quando qualcosa è molto lento, ma in genere puoi comunque farlo). Allo stesso tempo batti le note dell'ottavo e poi infine anche allo stesso tempo canta la melodia, i ritmi o la melodia. Fare tutto questo in una volta (magari aggiungere un passaggio alla volta se necessario) probabilmente ti aiuterà a interiorizzarlo.

"cammina per la stanza con i tuoi passi come note da un quarto" O, ancora meglio, * balla * per la stanza. La danza integra il nostro senso ritmico mentale con il nostro corpo, proprio come battere i piedi durante il gioco.
Un battito su misura e Messiaen sono alquanto incompatibili. Le misure non sono in tempo costante. L'unico modo sarebbe un battito per 32a nota ... ma potrei aver paura che ciò spezzerebbe il * legato *.
Penso che con Messiaen devi suddividere al punto che diventa naturale e puoi arrivare al punto in cui puoi suonare i ritmi senza suddividere.
La suddivisione fa miracoli per alcuni brani: il concerto per flauto di Mozart in sol, il secondo movimento è 4/4 andante non troppo. Ci penso in 8/8.
#2
+6
Mike Loukides
2011-05-04 17:19:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tutto quello di Messiaen è estremamente difficile, quindi non conta ... ma congratulazioni per essere stato abbastanza coraggioso da provarlo. È importante contare correttamente quelle strane note con più punti e le misure non integrali.

Ma a parte Messiaen, la lentezza è quasi sempre più difficile di quanto sembri. Oltre ai problemi di tempo, i pezzi lenti riguardano il controllo tonale, e questo è qualcosa a cui molti pianisti non pensano abbastanza.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...