Domanda:
Qual è lo scopo delle informazioni sull'indicazione del tempo in un file MIDI?
Ghopper21
2015-08-30 13:24:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia comprensione in base alle specifiche MIDI è che per la riproduzione solo audio (ovvero senza visualizzazione di note visive di accompagnamento), le uniche informazioni sul tempo necessarie per leggere da un file MIDI sono:

  1. Il valore di divisione dal pezzo di intestazione - che è in tick per semiminima (assumendo tempo metrico non SMPTE)

  2. L'attuale tempo basato sui meta eventi Set Tempo - che sono in microsecondi per semiminima

  3. I tempi delta degli eventi Note On / Off - che sono in tick

Per determinare quando iniziare a suonare una nota, devi semplicemente calcolare l'attuale lunghezza in tempo reale di un tick dividendo il tempo corrente per la divisione (ottenendo microsecondi per tick) e moltiplicandolo valore dal segno di spunta di Note On.

Quindi, se ho ottenuto quanto sopra corretto, le informazioni separate sul meta evento in chiave di tempo non sono necessarie per la riproduzione audio. Il che solleva la domanda: qual è lo scopo delle informazioni in chiave di tempo?

NOTA: ho posto una domanda analoga sulle firme chiave altrove. Questa domanda riguarda le firme del tempo .

possibile duplicato di [Qual è lo scopo delle informazioni sulla firma della chiave in un file MIDI?] (http://music.stackexchange.com/questions/36223/whats-the-purpose-of-the-key-signature-information-in -a-midi-file)
le domande sono diverse (chiave in chiave rispetto a tempo in chiave) ma la risposta è la stessa. Notazione e catalogazione.
Il metodo per determinare l'ora di inizio di una nota non funziona quando il tempo è cambiato. Vedere [Come ottenere l'ora esatta di un evento MIDI] (http://stackoverflow.com/a/23071105/11654) e [Leggere le note dal file MIDI utilizzando NAudio] (http://stackoverflow.com/a/23890926/ 11654).
Grazie @CL. - Ti preoccupa il mio approccio ai tempi delta incrementali rispetto a quelli assoluti? cioè quello che ho scritto sopra è decisamente un po 'sciatto al riguardo, dovrei notare che è necessario tenere traccia dei tempi delta incrementali e di eventuali cambiamenti di tempo lungo il percorso. Oltre a questo, il mio approccio è corretto, ovvero non hai ancora bisogno di guardare le informazioni in chiave di tempo allo scopo di determinare i tempi di attivazione / disattivazione?
Due risposte:
CL.
2015-08-31 22:41:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La specifica dice che i file MIDI

possono anche includere informazioni in chiave di tempo, in modo che il numero di battuta possa essere derivato

Per la riproduzione MIDI effettiva, le informazioni in chiave di tempo non sono necessarie.

Elements in Space
2019-04-30 19:02:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

File MIDI versatili (non vengono utilizzati solo per la riproduzione audio).

Ad esempio: creo file MIDI con un programma (LilyPond), posso quindi importare questi file in programmi di editing musicale (come GarageBand) per modificare e manipolare la musica. I programmi di editing leggeranno l'indicazione del tempo (e l'indicazione della chiave) che ho specificato nel file MIDI. Ciò garantisce che la partitura rappresentata nel programma di editing venga annotata correttamente.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...