Domanda:
Nota E # nella scala D # Major. Cosa significa?
noorav
2018-11-16 22:34:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho questo dubbio da un po 'di tempo e non sono riuscito a trovare una risposta soddisfacente. La nota "Mi #" è tecnicamente un Fa? Se è così, perché non esiste sulla scala cromatica come gli altri diesis? Voglio dire, cos'è esattamente il Mi #? È una nota a sé stante o è solo un altro modo di dire F?

E cosa intendono le persone quando dicono che la scala D # Major è una scala teorica maggiore e perché non esiste nel cerchio del diagramma delle quinte?

Mi sono imbattuto nell'ultimo paragrafo di un sito web.

Benvenuto! La parte della tua domanda su Mi # e F ha già ricevuto una risposta qui in precedenza: https://music.stackexchange.com/questions/23782/if-between-e-and-f-is-a-halftone-why-can-f -non-essere-un-e% e2% 99% af
@Peter - è una domanda simile, ma da un punto di vista diverso. Forse non uno stupido, che chiede una chiave specifica. (Perché, non lo so!).
@Peter - ora è un giusto dupe!
Non esiste una scala chiamata Re # maggiore, la scala su quel grado è chiamata Mi maggiore. Le uniche scale Major con diesis nel nome sono C # e F # Major.
@NeilMeyer Come si chiama "REE MI FA SOL LA LA SI SI DO RE"?
Possibile duplicato di [Se tra E e F è un mezzitoni, perché F non può essere un E♯] (https://music.stackexchange.com/questions/23782/if-between-e-and-f-is-a -halftone-why-can-f-not-be-an-e% e2% 99% af)
Quattro risposte:
#1
+6
Richard Barber
2018-11-16 23:25:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink
  1. Mi diesis è chiamato l'equivalente enarmonico di Fa naturale. Il diesis solleva la nota di base di mezzo passo. Allo stesso modo si diesis è il respelling enarmonico di C-naturale. Inoltre, C-flat è l'enarmonica di B-naturale e F-flat enarmonica di E-naturale. Le note possono anche essere diesis doppio e doppio bemolle, il che solleva la nota di base di due semitoni.

  2. La chiave di re diesis potrebbe essere considerata una scala teorica perché non appare nel cerchio di base delle quinte è semplicemente perché è una scala che contiene queste enarmoniche, e tradizionalmente i compositori lo scrivono come Mi bemolle per evitare l'ortografia enarmonica del secondo grado della scala, F-naturale, che è enarmonico con Mi diesis, il secondo grado di re diesis maggiore, ea nessuno piace leggere parti con doppi diesis nella tonalità (brivido). Il settimo grado della scala di re diesis maggiore è do doppio diesis. Gli accordi maggiori di re diesis esistono sicuramente nella musica e suoniamo sempre l'ortografia enarmonica.

Nota anche che molti musicisti di strumenti ad arco senza tasti ti diranno che Re # e Mi bemolle sono suonati in modo totalmente diverso, e ha un'intonazione diversa, ecc. in effetti può influenzare la posizione e la diteggiatura per tutti i musicisti di corda, ma la differenza effettiva non si sente sulle corde con tasti.
@ Richard Barber- spesso è vero, ma non in questo contesto. Se stai parlando di scale di Re # e Mi maggiore, le relazioni sarebbero esattamente le stesse: Re # e Mi bemolle sono i tonici, Mi # e Fa sono i supertonici e così via. Non ci sarebbe motivo di suonare D # e Eb in modo diverso in questo caso: le scale sarebbero identiche.
#2
+3
Richard
2018-11-16 23:30:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

(Oltre all'ottima risposta di Tim, volevo introdurre un altro termine importante e un modo leggermente diverso di pensarlo.)

Ogni volta che vediamo un tono che viene sollevato dalla sua forma prevista nel scala diatonica, è spesso (sebbene non sempre) inteso come un tono principale temporaneo . Per "tono principale" intendiamo che è il settimo grado della scala e poiché E♯ è il settimo grado della scala F♯, diciamo che questo E♯ è il tono principale temporaneo di F of.

Anche se questo E♯ è la stessa identica nota di F su un moderno pianoforte altrettanto temperato, la loro grafia ci dice come funzionano le due altezze. E♯ è il grado di scala 7 di F♯, mentre F è il grado di scala 7 di G ♭. Anche se Mi F e F suonano allo stesso modo, diciamo che sono * enarmoniche, hanno funzioni molto diverse.

Dato che Re maggiore è una chiave teorica, significa semplicemente che ne ha almeno una doubleharp o doubleflat nella sua tonalità. D♯ in realtà ha due doppi diesis — F e C — quindi è una chiave teorica. (Vedi anche Dove vanno a finire le doppie alterazioni nelle firme di chiave "teoriche"?)

Questo è interessante, non sapevo del "tono principale temporaneo" in questo modo particolare. Quindi, se fossimo in Cm e poi alzassimo la bemolle a LA naturale, avremmo il tono principale temporaneo di Bb maggiore. Se si trattasse di modulazione o tonicizzazione a Gm, la dicitura sarebbe ancora usata?
@MichaelCurtis In tal caso, no. (Da qui il "è * spesso * compreso ...") Inoltre, questo Mi♯ potrebbe essere solo un tono di passaggio cromatico tra Mi e F♯. Senza vedere l'esempio musicale originale, ho spiegato quale era molto probabilmente lo scenario incontrato.
Grazie per il complimento! Non ho sentito parlare di "tono / nota principale temporanea", ma come dici tu è una nota non diatonica (quel fastidioso Mi #), non sarebbe una vera nota principale diatonica in quella chiave (F #)? Sono anche preoccupato per (non correlato alla tua risposta) D # = Eb. Come la terza o la sesta di una tonalità, forse, ma come fondamentale, non sono due modi per descrivere la stessa identica altezza?
Ma nota che nel caso di QUESTA domanda, Mi # è una nota diatonica diretta, la 2a di Re # maggiore.
@LaurencePayne Hai assolutamente ragione! Ho scritto molto stupidamente la prima metà della mia risposta pensando in termini di re maggiore. Yikes!
#3
+2
ggcg
2018-11-19 23:31:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

E # non è tecnicamente F, solo con accordatura equabile. Questa è la prima causa di preoccupazione.

I gradi di qualsiasi scala seguono una sequenza e quella sequenza non viene mai interrotta. I nomi delle note seguono l '"alfabeto musicale" {LA, SI, DO, RE, MI, FA, SOL} quindi si ripetono. Le alterazioni sono necessarie per preservare l'intero passo - sequenza di mezzo passo {1, 1, 1/2, 1, 1, 1, 1/2} che è di due accordi tetra separati da un intero passo. I gradi numerati sono semplicemente {1, 2, 3, 4, 5, 6, 7}. Quindi, ad esempio, nella chiave di E i nomi delle lettere dei gradi sono {E, F, G, A, B, C, D} ripetizione. Per preservare i passaggi alziamo o abbassiamo le note secondo necessità, per questo esempio otteniamo {E, F #, G #, A, B, C #, D #}. Il secondo grado di E è sempre una F di qualche tipo (punto). Ora nel tuo esempio la chiave è D #. Il modo corretto per nominare le note è prendere D e fare solo tutto #, Key of D = {D, E, F #, G, A, B, C #}. La chiave di D # sarebbe {D #, E #, F ##, G #, A #, B #, C ##}. Se il Mi # ti dà fastidio, perché non chiedi della futilità di F ## e C ##? Usando l'armonicità dell'accordatura di temperamento equabile, di solito si noterebbe questa chiave come Eb, che richiede molto meno sforzo per annotarla correttamente.

#4
+1
Tim
2018-11-16 22:45:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per cominciare, non c'è un mi # nella scala re maggiore. C'è E e c'è F #. Se ti stai chiedendo perché in un brano che è in re maggiore potrebbe esserci E #, è leggermente diverso.

A volte è necessario utilizzare alcune note non diatoniche. Forse è qui che potrebbe entrare E #. Diciamo che la sequenza di accordi va da Re maggiore a Fa # minore. C'è spesso la V del nuovo accordo che lo precede. Qui sarebbe C # o C # 7. Ora l'ortografia per questo è C # E # e G #. non si scrive C # F e G #.

Ci sono altre volte e ragioni per cui alcune note sono scritte in modi "strani", ma generalmente ci sono buone ragioni tecniche per loro. E solo perché queste note sono tasti bianchi su un pianoforte non significa che non possano essere chiamate # o b. Questi sono - B #, Cb, E # e Fb. Ovviamente, per i principianti, cose come E # suonano piuttosto sciocche, perché invece non F? Correttezza e ragioni tecniche!

MODIFICA - ora la domanda è stata modificata, questo risponde a una piuttosto diversa! Grazie! Lascio questo per ora, (OP originariamente chiedeva di Mi # in una tonalità di re maggiore), poiché va un po '. Fortunatamente ho notato la modifica, altrimenti sembrerei ancora più stupido del solito.

Haha, inizialmente volevo mettere D #. Un semplice errore di battitura, ma ha prodotto una risposta nuova e innovativa. : D


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...