Domanda:
Qual è il motivo utilizzato in molte chaconnes nel XVII secolo?
user1803551
2016-05-18 17:55:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Wikipedia dice che una ciaccona è una composizione musicale che coinvolge variazioni su una progressione armonica o melodia (motivo), simile alla passacaglia. In sostanza, è una forma musicale. Il motivo è arbitrario: non ce n'è uno solo usato in tutte le passacaglia o chaconnes.

Tuttavia, ascoltando le chaconnes del XVII secolo, usano lo stesso motivo. Alcuni esempi sono quelli di Benedetto Ferrari, Francesca Caccini, J.H. Kapsberger, Antonio Bertali, Alessandro Piccinini e altri ancora. Credo che non tutti questi siano nemmeno in forma di ciaccona, ma non ne sono sicuro. Se dovessi indovinare, direi che una ciaccona è un motivo, come La Folia, dove viene utilizzata in composizioni di qualsiasi forma.

In effetti, La Folia è utilizzata principalmente sotto forma di tema e variazioni, ma non solo (Sarabande HWV 437 di Händel). Nel caso della ciaccona:

  • Wikipedia mi dice che è una forma, come la passacaglia, con un motivo arbitrario.
  • Ho sentito che è un motivo come il La Folia (con forma arbitraria?).

Certo, ci sono chaconnes che non usano il motivo menzionato. Quindi, andando da Wikipedia sulla definizione di ciaccona, qual è il motivo utilizzato in tutte quelle ciaccona?

Non ne so abbastanza per una risposta definitiva, ma due commenti. Prima di tutto la ciaccona era prima di tutto un ballo. La musica serviva principalmente a quello scopo, per il quale una forma di variazione è ovviamente adatta, ma non obbligatoria. In secondo luogo, diversi compositori in luoghi e tempi specifici potrebbero aver chiamato "chaconne" a brani con (più o meno) forme e stili diversi. Qualsiasi brano con tempo triplo e tempo da lento a moderato potrebbe più o meno legittimamente rivendicare il titolo di ciaccona.
Recentemente ho scoperto anche questo schema ricorrente. La mia prima esposizione è stata Tarquinio Merula: https://www.youtube.com/watch?v=1XB1CWuJW1U
@CalebHines Sì, è un altro esempio con l'ostinato al basso. In realtà ho notato questo motivo alcuni anni fa, ma ho pensato che la chaonne fosse quel motivo. Ciò che mi ha sorpreso è stata la pagina di Wikipedia che diceva che si trattava di una forma senza relazione con un motivo.
Non bene che questo modello armonico sia la terza sequenza discendente standard che vediamo / sentiamo dappertutto, la più famosa in Pachelbel. (Anche se la cadenza è leggermente diversa sia ritmicamente che armonicamente.)
Non ho la risposta (anche se un posto interessante da guardare è il * Cento Partite * di Frescobaldi, che si intitola alternativamente "Ciaccona" e "Passacaglia", con tutti i Ciaccone in modalità maggiore e tutte le Passacaglie in minore), ma un fatto interessante: la Ciaccona ha avuto origine in una danza messicana ed è stata probabilmente una delle prime importazioni culturali in Europa dall'America.
Tre risposte:
#1
+3
Caleb Hines
2016-06-14 08:42:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è un'ottima domanda che ha richiesto un po 'di ricerca, anche se alla fine non sono sicuro di quanto sia possibile rispondere. La domanda presume che lo specifico ostinato di basso in questione avesse un nome definito (come nel caso del Folia e del Lamento , ma potrebbe non essere il caso qui). Tuttavia, possiamo almeno provare a rintracciare la fonte di questo motivo.

Per coincidenza, mi è venuta in mente questa domanda di recente, quando la mia stazione barocca Pandora ha suonato per caso Voglio di Vita Uscir , un madrigale attribuito a Monteverdi che utilizza anche questo motivo, ma che si allontana dall'usarlo come ostinato rigoroso (sebbene mai lontano).

Nota a margine: troppo tardi durante il mio processo di ricerca, ho scoperto un'ampia pagina sul wiki che elenca chaconnes del XVII secolo, che dà un'idea di quanto fosse popolare questo modulo e fornisce una bibliografia di nomi, date e pezzi da controllo incrociato.

Come suggerisce TangledUpInBlue, la definizione di Chaconne varia nel corso della storia e in base alla località. In effetti, che la tua particolare linea di basso potrebbe essere stata considerata, almeno da alcuni, come " la " Ciaccona potrebbe essere dedotta da titoli come "Aria sopra la ciaconna" di Merula, o la "Cantata a voce sopra la Ciaccona" di Giovanni Felice Sances, che utilizzano entrambi il motivo al basso e si riferiscono a se stessi come "sopra la Ciaccona".

Molte risorse online (inclusa la pagina di wikipedia) menzionano che la ciaccona è stata probabilmente importata, attraverso la Spagna, dall'America Latina, dove era un ballo altamente provocatorio. Se fosse vero, questo potrebbe renderlo uno dei primi esempi di musica occidentale che adotta la sincope africana. Sembra che tastieristi, liutisti e chitarristi abbiano prima adattato la danza come una progressione pratica per improvvisare le variazioni. Sembra che non ci fosse una progressione specifica esatta che veniva usata, sebbene di solito tendessero a seguire una progressione di base IV-vi-V, possibilmente aggiungendo accordi intermedi, sincopi o emiola.

Secondo a " From Imitatio to Pronuntiato : Background, Analysis, Interpretation, and Performance of Antonio Bertali's Chiacona for Violin and Continuo" di Edith Hines (no relazione):

Nel 1632, però, la situazione cambiò con la pubblicazione degli Scherzi musicali di Claudio Monteverdi: la raccolta comprendeva un duetto, intitolato semplicemente Ciaconna, con un immutabile linea di basso il cui profilo melodico e ritmico tagliente era in netto contrasto con i contorni vagamente riconoscibili dei suoi precedenti. Evidentemente "Zefiro torna, e di soavi accenti" ha colpito subito; come osserva Alexander Silbiger, gli anni 1632-37 "videro la pubblicazione di un'ondata di chaconnes vocali, quasi il doppio rispetto a tutta la storia precedente del genere, quasi tutte che sembrano imitare l'esempio di Monteverdi". Sostiene che "Zefiro torna" era, in effetti, il prototipo di tutti questi pezzi - che "con quest'opera Monteverdi stabilì una nuova concezione del genere ciaccona che doveva essere ampiamente adottata". Infatti, nel giro di un decennio la ciaconna era così conosciuta che il poeta Salvator Rossa poté dire, in una satira sulla vita musicale romana, che "tutti sono scandalizzati e annoiati dal canto del Misserere alla Ciaccona".

Quindi sembra che se un brano deve dare il nome a questa particolare linea di basso, sarebbe " Zefiro torna ":

Questa idea è supportata dall'uso di questo motivo in " Es steh Gott auf" (a partire dalle 3:38), dal compositore tedesco Heinrich Schütz, che è noto per aver studiato sotto Monteverdi a Venezia più o meno nello stesso periodo in cui Zefiro fu pubblicato.

Alexander Siblinger (l'autore citato nella citazione sopra), ha pubblicato il suo articolo come capitolo del libro di Christopher Hogwood La tastiera nell'era barocca , dove menziona anche una precedente ciaccona che non si adatta perfettamente allo stampo Zefiro:

"Zefiro torna" non fu la prima ciaccona pubblicata basata sulla ripetizione invariata di un modello di basso; L '"Accesso mio core" di Manelli è costruito su quattordici ripetizioni esatte delle altezze C-G-A-G, la riduzione finale del basso della ciaccona, esposta in valori di nota uguali. Questo pattern a movimento lento fornisce, tuttavia, una base adeguata per la vivace interazione delle tre voci, mentre si impegnano in punti di imitazione canonica e brevi dialoghi.

In un altro articolo di Siblinger, Passacaglia and Ciaccona: Genre Pairing and Ambiguity from Frescobaldi to Couperin , una linea di basso è così descritta: "Il basso della ciaccona, che ricorda il celebre brano di Monteverdi "Zefiro" ground , è trattato più liberamente, anche se alcuni elementi continuano a ripetersi. "

Ho anche trovato questo post del blog su Zefiro, dove un commentatore fa eco lo stesso affermazione sul fatto che questo pezzo sia probabilmente la fonte della "moda" della Ciaccona medio-barocca.


D'altra parte, sembra che sia stata sviluppata una versione più "raffinata" della Ciaccona dove ci sono meno (o nessuna) sincope, e la progressione di accordi è ridotta a un semplice tetracordo discendente (simile al brano di Manelli menzionato sopra, ma con la prima V nella prima inversione).

Questo motivo a tetracordo può essere visto chiaramente in questa Ciaccona di Lully, o (a volte) nella Ciaccona di Correli, che in realtà non utilizza un ostinato di basso fisso.

La Chaconne di Handel (un set di 62 variazioni dalla Suite 17 in sol maggiore, HWV 442) accetta questo tetracorde discendente di base e lo estende a una base di 8 note ... Che abbastanza chiaramente sembra essere stato lo stampo per le Variazioni Goldberg di Bach - un pezzo che non avevo mai realizzato prima era influenzato dal Chaconne, anche se ora sembra ovvio.


Per inciso, la versione in tonalità minore di questo tetracordo discendente è un altro motivo popolare, spesso chiamato Lament Bass (che aveva anche una v cromatica ersione), e può anche essere fatta risalire a Monteverdi, questa volta attraverso il Lamento della Ninfa (a partire da 1:36). È anche comunemente associato al Dido's Lament di Purcell e al Crucifixus di Bach. La relazione storica tra Chaconnes, Laments e i Blues è esplorata in modo molto più approfondito da Alex Ross, qui: http://www.therestisnoise.com/chacona/


Come nota d'addio, dopo tutte queste ricerche, sembra che non possa sfuggire alla Ciaccona ... proprio oggi, Pandora ha suonato un movimento dalla Sonata 3 per violino di Biber in F (a partire da 4 : 57), che il punteggio (su IMSLP) etichetta semplicemente come "Variatio". Ma, naturalmente, ora riconosco immediatamente che ha una forma Chaconne, sebbene basata sul terreno più semplice di Manelli (1-5-6-5), non su quello di Zefiro.

Qual è lo strumento a tastiera sul retro nel video?
@Dave è un organo positivo (noto anche come organo continuo).
Mi sono reso conto di aver dimenticato di ringraziarti per questa risposta eccellente. Sebbene "* in definitiva, non sono sicuro di quanto sia possibile rispondere *", penso che sia più che sufficiente per rispondere al "problema" presentato nella domanda se non alla domanda esatta posta.
#2
+1
Phil Freihofner
2016-05-19 01:31:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La parte che si ripete è spesso nel basso.

Il suono Ferrari per me è: I, V, vi, iii (o I6), IV, V, nella tonalità di Mi maggiore. fa il Caccini, quando il basso entra in funzione dopo una breve introduzione, ma nella tonalità di si maggiore.

Non ho ascoltato gli altri per vedere se erano uguali.

"Key of B" è quasi certamente la chiave di C, ma in A = 415 altezza. (Allo stesso modo, E è probabilmente scritto come F).
Grazie per l'utile correzione! Ho dimenticato di prendere in considerazione l'accordatura barocca. Il si maggiore sembrava una chiave insolita per l'era barocca. Doh!
Quella progressione di accordi I, V, vi, iii, IV, V e variazioni (I, V, vi, I64, IV, V ...) sembra molto simile a una romanesca. È l'inizio della Canon di Pachelbel.
#3
  0
TangledUpInBlue
2016-05-19 18:03:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le caratteristiche di una ciaccona non saranno le stesse in ogni periodo e paese. Detto questo, generalmente quando vedo che il nome di un pezzo è "chaconne", mi aspetto una linea di basso ripetuta, molto spesso un tetracordo discendente (dalla tonica alla dominante).

Dovrei notare la somiglianza con una passacaglia, che spesso utilizza anche un tetracordo discendente come una linea di basso ripetuta. Generalmente una ciaccona in è una tonalità maggiore e una passacaglia è in minore, sebbene ci siano molte eccezioni. Queste erano originariamente forme di danza e ai ballerini e ai compositori dell'epoca non importava affatto delle nostre differenziazioni accademiche.

Questo è in qualche modo diverso da una folia, che non solo ha una caratteristica linea di basso, ma anche sequenza armonica e motivo melodico.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...