Domanda:
In cosa consistono i tempi in chiave non comuni?
user23227
2015-08-29 17:13:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prendi una X / 4 , significa "la misura conterrà X note, il cui valore è 1/4"

I comprendi questo concetto per le firme X / Y , dove Y è una potenza di 2. Ma cosa significa per gli altri?

Ad esempio, quale sarebbe un tempo in chiave di 3/9? Una misura che contiene 3 note 1/9? Ma cos'è una nota in 1/9?

Tre gruppi di che tipo di note costituiscono 3/9 volte?
3/8 è tre ottavi, quindi sì, teoricamente 3/9 è 3 none note (un nono di una nota intera). Non credo che ci sia una notazione generalmente accettata per le note da 1/9. Inoltre, 3/8 sarebbe un'alternativa molto più semplice.
Tre risposte:
Dom
2015-08-29 21:31:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mentre le note tipiche si basano su divisioni di 2 (cioè intero, metà, quarto, 8 °, 16 °, ecc.) usando le tuple, puoi avere quasi qualsiasi rapporto di note che puoi utilizzare per dividere una misura.

Ecco un layout di note che dividono uniformemente una misura di 4/4 da note intere a ciò che potresti chiamare noni:

enter image description here

Come puoi vedere, tutti prendono una misura intera di 4/4 e li dividono equamente e potresti teoricamente dare una qualsiasi delle note sotto il battito che è a cosa serve il denominatore.

In pratica, tuttavia, questo non è molto utile in quanto non solo annotando qualcosa come 3/9 difficile a causa della sua natura tupla, ma in realtà saresti molto più incline a vederlo come 3/8 perché il l'unica differenza che sentiresti è un tempo leggermente più veloce che è molto più facile da annotare quindi parte di una sequenza di tuple su una misura.

La versione di Finale che ho non mi permette nemmeno di simulare una misura di 3/9 per questo motivo, ma può essere ottenuta e alla fine la mostrerò sul manoscritto.

Ciò non fornisce alcuna indicazione del tempo in chiave. Solo perché una battuta ha nove note non fa nove volte. Sembra che tu abbia un'idea distorta di cosa siano i tempi in chiave
@NeilMeyer è tutto 4/4 dimostrare come puoi ottenere altre note che potrebbero essere utilizzate come base per altri tempi in chiave. Posso inviarti il ​​file finale o esportarlo in mp3 se vuoi ascoltarlo e vederlo.
Ci sono alcuni esempi con la riproduzione qui e un collegamento che spiega come falsificare la notazione in Finale: http://www.midnightmusic.net/MusicTheory/advanced/UnusualTimeSigs.html
Nota che ho preso 3/9 solo come esempio :), non penserei seriamente di usarlo, ero solo curioso.
Dopo averci dormito, sto cercando di capire qual è l'ostacolo di Neil. Penso che sia il termine "indicazione del tempo". In tutti i tuoi esempi, il numero in basso è 4. Nel 'time sig'. Tutto quello che è successo è il numero di note che stanno ancora in una battuta - 4 'battute' lunghe, nel tempo. Infatti, con ogni battuta successiva accelerata un po ', avresti potuto scrivere 4/4, 5/4, 6/4, 7/4 ecc., Poiché contengono tutte la parte "4" - semiminime. Sicuramente non c'è un punto che significhi, diciamo, 1/9 di semibreve. Non c'è bisogno. Un'unità può essere scritta come semiminima, croma, ecc. Quindi puoi usare 9 in una battuta?
In altre parole, quando quella 'semibreve intera nota' viene divisa in 4, per 4/4 o 8, per 3/8, 6/8, ecc., Il TEMPO fornisce la lunghezza di una battuta, quindi in realtà non è necessario scomposizione complessa di quella semibreve. Esercizio accademico, sì, praticità, no. La LUNGHEZZA di un'unità, specificata come numero inferiore, non è dettata da quel numero: il tempo lo fa. Cosa mi manca?
Nelle ultime 3/4 ore ho cercato di spiegarlo alla mia altra metà, una cantante, ma non teorica. Ha pensato che in realtà il numero in basso avrebbe più senso essere una lettera. Per esempio. 4 / c, 3 / q. In questo modo, anche i mortali potrebbero capire. Potrebbe non funzionare troppo bene per il modo di contare / pensare americano. Quindi, non è necessario avere, diciamo, un numero come 9 sotto, che in realtà non denota molto nello specifico comunque. Pensieri?
@Tim Sono d'accordo che è più teorico nella maggior parte dei casi un tempo in chiave che non è una divisione standard non sarebbe usato in circostanze normali poiché il tempo è l'unica cosa che cambia. Tuttavia ho potuto vedere usarlo come un aumento / rallentamento controllato invece di cambiare il tempo in una misura o due.
@Dom - l'uso della configurazione tripletta (o non gemelli, ecc.) Farebbe lo stesso lavoro, senza cambiare tempo, no?
Le terzine @Tim sono gruppi irregolari, sono i più popolari e l'immagine che si desidera riprodurre la stessa misura o due, ma più velocemente o più lentamente ogni volta. Partendo in 4/4 poi quando si vuole che la velocità aumenti andando a 4/6, poi 4/8, poi 4/10, ma mantenendo la misura identica inoltre si darà un _accelerando_ controllato senza variazioni di temo e mostrando che il materiale è lo stesso identico.
user19146
2015-08-29 18:05:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Facciamo un esempio più semplice: cosa significherebbe un'indicazione di tempo di 2/3?

Se dividi un'intera nota in tre parti uguali, nella notazione convenzionale la scriveresti come una terzina di metà- note (= minimi UK). Ma supponi di volere che la musica contenga alcune mezze note di lunghezza normale seguite da sole due note alla velocità di una terzina e che continuino note di lunghezza normale.

È possibile contrassegnare una battuta da riprodurre a un tempo più veloce (segno MM) e quindi ripristinare il tempo originale, ma l'esecutore dovrebbe quindi "fare i conti" per capire cosa si intendeva. Se i segni di tempo fossero MM 76 e 114 non è ovvio per la maggior parte delle persone che il rapporto sia esattamente 3: 2.

Potresti scrivere una serie di terzine con note legate da una all'altra, ma sarebbe essere illeggibile tranne che per un breve passaggio di musica.

La nuova notazione di un tempo in 2/3 è stata inventata come un modo più ordinato per scrivere questo. È più facile "leggere" la relazione esatta tra i tempi in chiave come 2/3 e 2/4 che tra i segni MM, diciamo 76 e 114.

Alcuni compositori hanno usato una notazione diversa, dove il denominatore rimane un potenza di due (che mostra la lunghezza dei battiti) ma il numeratore è esso stesso una frazione - per esempio (5/3) / 4 sarebbe una misura di un quarto di nota più due terzi di una terzina di ottavi. Ovviamente potresti scriverlo in modo più convenzionale come 3 + 2 + 2/8 o 7/8, ma hey, la musica d'avanguardia deve essere bella, e 7/8 è troppo vecchia scuola per questo.

Doktor Mayhem
2015-08-29 17:19:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il denominatore non deve essere una potenza di 2. Da Wikipedia:

  • Il numero inferiore indica il valore della nota che rappresenta un battito (l'unità di battuta).
  • Il numero superiore indica quanti di questi battiti sono raggruppati in una misura.

Ad esempio, 2/4 significa due quarti note (semiminima) battute per misura e 3/8 significa tre battute di ottavi (croma) per misura.

Quindi 3/9 significa 3 battute di nona nota per misura.

Ma cos'è una nona nota? Come lo rappresenti ad esempio?
È una nona lunga quanto una nota intera. Dividi per nove
non ci sono cose come una nona nota, è spazzatura totale.
Neil - Temo che ti sbagli. Puoi avere qualsiasi numero lì. È molto semplice.
Si prega di mostrare l'aspetto di una nota nona. Non conosco alcuna nota tra un tremito e un semicroma.
@NeilMeyer puoi vedere la mia risposta.
Dovresti inventare una notazione in nona nota. Una nota da un quarto o da un ottavo sotto un gruppo irregolare parziale non la taglierebbe poiché avrebbe senso solo rispetto a un tempo in chiave di 2 potenze, che sarebbe indefinito in questo contesto.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...