Domanda:
Il canto delle note più basse richiede più respiro?
Manoochehr
2015-01-04 01:15:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia domanda nasce dalla mia esperienza. Quando canto più note basse (G2, A2, B2, C3), non riesco a tenere le note finché canto le note centrali (G3, A3, B3). Quindi è a causa di un errore tecnico o naturalmente il corpo richiede più respiro per cantare le note basse?

Probabilmente entrambi. Una tecnica migliore richiede meno aria, ma le note basse richiedono comunque più aria di quelle più alte.
Inoltre, cantare a bassa voce con un buon tono richiede più aria e più supporto per il respiro rispetto a cantare ad alta voce.
In termini di fisica, le note più basse contengono meno energia (vibrano meno velocemente) quindi potrebbe essere necessario aumentare l'ampiezza dell'onda sonora corrispondentemente facendo passare più aria? Ma non so se la risposta in frequenza umana sia già più sensibile alle note più basse, il che lo annullerebbe
Due risposte:
piofusco
2015-01-04 03:14:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non essere in grado di tenere determinate note così come altre potrebbe avere a che fare con una serie di cose.

1) Intervallo : è assolutamente possibile che l'intervallo sia più alto di queste note che hai citato. Consiglierei che un coach vocale determini la tua gamma per te. A volte, dopo anni di canto, la tua estensione può aumentare o diminuire. A volte potresti perdere la capacità di cantare determinate note. Tuttavia, è più probabile che tu stia cantando una parte troppo bassa per il tuo registro vocale.

2) Tecnica - sapere come respirare dal diaframma, dove prendere fiato nella canzone prima dei toni più impegnativi, come cantare dal petto e non dalla gola, ecc. Tutte queste cose possono fare la differenza tra cantare con facilità e lottare per mantenere il respiro. Ciò richiede un buon reggimento di pratica e molta idratazione.

3) Resistenza : i cantanti professionisti e i suonatori di corno hanno un'incredibile resistenza nello spingere l'aria con il diaframma e il petto. Una buona tecnica in combinazione con la resistenza consente prestazioni più lunghe e costanti.

Ora, cantare note più basse richiede più respiro? Gli strumenti a corna forniscono un ottimo esempio per rispondere alla tua domanda e collegare tutto questo insieme.

Un sassofono tenore ha una gamma specifica. Un musicista tecnicamente esperto e in forma non avrà problemi a suonare ogni nota del sassofono. Tuttavia, è necessaria una combinazione di più respiro rimanendo rilassati per spingere l'aria attraverso il corno in modo che produca la nota più bassa. Supponiamo che lo stesso musicista sia altrettanto abile con un sax baritono e che richieda meno fiato per suonare la nota più bassa che il sax tenore può suonare. Le tue corde vocali non sono diverse.

BobRodes
2015-01-05 12:02:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le note più basse richiedono più respiro. Per vedere di persona, fai esplodere un palloncino. Tira fuori il collo per fare quel cigolio che tutti amavamo da bambini. Misura il tempo impiegato dall'aria per esaurirsi con una nota alta e il tempo necessario per una nota più bassa. Le corde vocali funzionano più o meno sullo stesso principio.

Bella idea, ma è proprio vero? Il palloncino perde anche tensione quando si svuota. Quindi non solo il tempo dovrebbe essere considerato, ma anche la velocità del flusso. Per quanto ricordo, il palloncino perde volume velocemente all'inizio, lentamente alla fine della procedura.
@Wolf È possibile applicare pressione al palloncino per mantenere costante la velocità di flusso, e questo rimarrà comunque vero.
Non volevo suggerire che fosse un esperimento esatto. Potrei dire che "a parità di tutte le altre cose" l'aria passa più rapidamente attraverso il pallone quando c'è meno tensione sul collo. Per rendere il punto molto chiaro, fallo saltare in aria e lascia andare! :)


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...