Domanda:
Locrian Harmony
Dom
2015-05-16 06:37:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi piace utilizzare le modalità nei miei pezzi che scrivo, ma c'è una modalità che non sono mai stato in grado di comprendere e utilizzare completamente ed è la modalità Locrian.

Gli accordi che si verificano naturalmente in il modo locriano non sembra prestarsi bene a nessuna progressione di accordi che implichi la tonica soprattutto perché l'accordo tonico stesso è diminuito ed è percepito dai più come instabile.

Quindi, quando si compone in modalità locriana, è possibile creare una progressione di accordi che riconduca alla tonica in modo convincente e, in caso affermativo, quali sono i concetti alla base e cosa si dovrebbe cercare?

Il problema con la modalità Locrian è che le progressioni di accordi sembrano non risolversi come le persone normalmente si aspettano, quindi le composizioni sono considerate "strane". Ci sono alcuni punti interessanti (ed esempi) fatti in questo articolo, nel caso non lo avessi già visto eccolo qui: http://www.seymourduncan.com/blog/the-players-room/breaking-down-the -barriere-the-locrian-mode /
Una risposta:
user16935
2015-05-16 08:52:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso, Dom, che dovresti fare alcune cose:

  1. Troncare il tonico - sarà sempre radice e terzo. (Questo tipo di troncamento non era poi così insolito nella polifonia modale del tardo Rinascimento e del primo barocco, a proposito, anche se la modalità locriana stessa non era affatto utilizzata.)
  2. Prendere in prestito le procedure dal frigio modalità, che è la più vicina nella struttura intervallica. ♭ vii 6 -i cadenze (cadenze frigio che presentano il tono principale discendente, ♭ 2, nel basso) saranno comuni. Altre cadenze (iv-i o II-i) saranno permalose perché il ♭ 6 vorrà cadere, ma di solito dovrà aumentare invece a causa del ♭ 5 della modalità. Gli accordi di sesta aumentata basati su ♭ vii 6 funzioneranno bene.
  3. ♭ 6 sarà il tenore (quasi-dominante melodico) della modalità, di nuovo a causa di ♭ 5.
  4. Allo stesso modo, da un punto di vista armonico, ti sposterai più spesso a ♭ VI per cadenze imperfette, perché l'accordo con fondamentale su ♭ 3 non un maggiore relativo (vale a dire che è ♭ iii, non ♭ III) e vo V rovina praticamente la modalità.
  5. È probabile che occasionalmente si taglierà ♭ 5 quando si sale a ♭ 6 ( nelle progressioni ♭ III- ♭ VI, per esempio). Puoi farlo anche se finisci con un tierce de Picardie , cioè ♭ vii 6 -I.
Potrebbe essere utile sottolineare esplicitamente che la seconda minore può svolgere la funzione armonica del tono principale. Inoltre, per un esempio pratico del tuo ultimo punto, vedi "Outshined" dei Soundgarden, che è in gran parte locriano, ma usa una cadenza plagale con la terza piccardia per stabilire la tonica nel pre-ritornello (penso - è così che il basso si muove comunque , Non conosco neanche le voci alte).


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...