Domanda:
Limits of Fortissimo and Pianissimo
Jonathan111222
2014-11-26 04:13:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Fino a che punto può arrivare il pianissimo / fortissimo? Ho sentito che il limite è 4 e 2 di ciascuno. Significato pppp / ffff o pp / ff. Qual è il limite effettivo?

possibile duplicato di [Come si leggono marcature dinamiche molto forti o molto deboli (es. ffff, ppp)?] (http://music.stackexchange.com/questions/11691/how-does-one-read-very-loud- o-marcature-dinamiche-molto-morbide-eg-ffff-ppp)
(Non esattamente duplicato, ma molto simile con risposte sovrapposte.)
Puoi scrivere quante ne vuoi (e purtroppo alcuni compositori lo fanno); non cambia la gamma di ampiezza fisicamente realizzabile degli strumenti.
Potresti voler modificare la tua domanda e chiedere informazioni sui livelli dinamici * pratici *. Come altri hanno già detto, arriva a un punto in cui sembra sciocco. Ho suonato musica con: "fffffffffffffffffffffffffff" anche se per essere onesti il ​​compositore era sfacciato.
Il più grande pezzo di musica che abbia mai visto ha avuto una "f" di apertura. Quindi, nella pagina successiva, è salito a "ff". Nella pagina successiva, è andato a "fff". Ogni volta che giravi pagina, il volume avrebbe dovuto aumentare. Per qualcuno abituato alle dinamiche di sospiro, questo diventa rapidamente divertente (poiché la maggior parte normalizzerà "f" a "forte" e quindi "ff" il più alto possibile). Una volta che si rendono conto che devono suonare più forte ...
http://imgur.com/user/ricar144/favorites/vtcZF sebbene, come ha sottolineato @jjmusicnotes, si tratta principalmente di compositori sfacciati.
Otto risposte:
Stephen Hazel
2014-11-26 04:52:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho visto ppp, pp, p, mp, mf, f, ff, fff usati comunemente che ti danno 8 livelli.

ffff e pppp sembrano piuttosto rari.

Non esiste nemmeno uno standard per quanto siano ESATTAMENTE rumorosi ognuno di questi.

Eh, sono le arti. Whattayagonnado?

Mark Lutton
2014-11-26 06:24:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Giovanni Gabrielli ha iniziato tutto con solo due: piano e forte.

In poco tempo, c'erano anche pp (pianissimo, "softest") e ff (fortissimo, "loudest").

Beethoven usava fff se ricordo bene, ma pochi compositori ne ha usati più di 2.

So che la sesta sinfonia di Tchaikovsky ha ffffff e ppppppp . (La maggior parte dei direttori d'orchestra sostituisce un clarinetto basso al fagotto dove dovrebbe suonare ppppppp. )

Eppure, il Requiem op. 5 non va mai oltre ff e diventa ancora più forte del sesto di Čajkovskij.

Non sarei sorpreso se Beethoven usasse fff, specialmente nei pezzi successivi ...
Joshua Naterman
2014-11-26 11:48:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In realtà mi aspetterei che avere più livelli significhi semplicemente che ci si aspetta che tu riconosca le differenze relative tra i diversi segmenti del pezzo in esecuzione, permettendoti così di suonare la canzone più vicino a come il compositore originale intendeva. p>

Esempio: se avessi pp, mp, ff e fffff probabilmente suoneresti quelle parti in modo leggermente diverso rispetto a se i segni fossero ppp, p, f, ff. Le differenze relative tra loro porterebbero a dinamiche sostanzialmente diverse. Questo fondamentalmente ti offre risoluzioni variabili nelle dinamiche adatte ai requisiti unici di ciascuna partitura musicale, e anche un modo ragionevolmente accurato per dare ai musicisti un rapporto relativo da usare che sia significativo nel contesto di ogni singolo pezzo, consentendo una riproduzione fedele pur consentendo per l'interpretazione personale.

Questa interpretazione richiede chiaramente la familiarità con il brano prima di suonare. Non posso dire che sia "corretto" ma per me ha sicuramente molto senso.

Dom
2014-11-26 04:30:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ci sono limiti, ma per qualsiasi prestazione normale sarebbe sufficiente pp a ff . Una p stessa significa silenzioso e una f stessa significa forte. Quando aggiungi un altro p o f a ciascuno, tecnicamente aggiunge "molto" davanti a ciascuno.

Esempi :

  • pp - molto basso
  • ff - molto alto
  • ppp - molto, molto piano
  • fff - molto, molto forte
  • pppp - molto, molto, molto basso
  • ffff - molto, molto, molto forte
  • ecc.

So che in Finale le dinamiche vanno fino a ffff (a velocità 127) e pppp (a velocità 10). Ci sono pezzi là fuori che usano di più (vedi questo articolo di Wikipedia per esempi).

Pensala in questo modo: puoi sempre aggiungere un altro "molto" davanti ad alta voce e morbido e ci possono essere volte in cui ha senso mettere un pppppppp o un fffffff se vuoi esprimere dinamiche estreme. Come ho detto nella maggior parte delle situazioni "molto forte" e "molto debole" sono abbastanza buoni, ma non c'è un limite teorico.

veryRandomMe
2014-11-26 05:14:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ci sono specifiche tecniche coerenti allegate ai vari numeri di lettere. Pertanto, un qualsiasi numero di lettere può essere teoricamente utilizzato dal compositore.

Tuttavia, è importante ricordare che più di tre o forse quattro iniziano a diventare estremamente difficili da leggere rapidamente. Inoltre, non sono impostati su un livello di Db concreto, ma a discrezione dell'esecutore, quindi non dovresti aver bisogno di più dei tre standard in ogni direzione più il mezzo piano e il mezzo forte. Il contesto spesso decide il volume e la forza tanto quanto i segni effettivi. Lo stesso principio vale per il numero di F nella marcatura sforzando.

Tim
2014-11-26 19:44:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Va ​​notato che è tutto relativo. Ogni strumento avrà il proprio spettro dinamico, quindi un ottavino non avrà la stessa "p" o "f" di una tromba. Anche l'auditorium deve svolgere un ruolo in questo. Una piccola sala darà sicuramente 'f' un diverso no. di decibel da uno grande. E sembra che non ci siano cifre effettive per "p", "f" ecc. Una volta che alcuni strumenti arrivano a fff, hanno esaurito il vapore, quindi ffff sarebbe irraggiungibile.

Félix Gagnon-Grenier
2014-11-29 06:01:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'unico limite a quante p o f è la competenza tecnica dei musicisti.

Deve essere chiaro che le dinamiche di per sé non significano nulla. Sono riferimenti l'uno all'altro. Un pianoforte è un pianoforte solo in riferimento alle dinamiche nel loro stesso pezzo.

Gli ensemble e i musicisti migliori saranno in grado di fare effettivamente differenze tra un ff e un fff, o un pppp e un ppppp per questo conta.

Gli ensemble più giovani spesso suonano ff e fff più o meno allo stesso modo.

È anche degno di nota che l'acustica della stanza influenzerà il modo in cui gli strumenti devono suonare per suonare effettivamente f o p in riferimento l'uno all'altro.

Obl Tobl
2014-11-26 13:22:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Lo so come al solito che

  • fff significa il più alto possibile

e

  • ppp è come il più silenzioso possibile

Questi due sono il massimo in ogni direzione che conosco come al solito.
Nella maggior parte dei casi questo dovrebbe essere sufficiente. Per gli ascoltatori a 8 livelli di volume (ppp, pp, p, mp, mf, f, ff, fff) è difficile da differenziare, ma per i giocatori può anche essere difficile riprodurlo allo stesso modo ogni volta. Più livelli non lo renderanno più facile.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...