Domanda:
Quand'è che l'anonimo "tu" è diventato popolare nella musica pop occidentale?
Michael Stachowsky
2019-07-30 02:44:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa domanda potrebbe sembrare un po 'scherzosa, ma me lo chiedevo da molto tempo. Molte canzoni pop occidentali sono indirizzate a un "tu" anonimo. Presumibilmente il cantautore vuole scrivere una canzone che potrebbe riguardare chiunque e non una persona in particolare, e lo capisco. Ma mi chiedevo in quale momento della storia della musica popolare occidentale questo è diventato comune?

Mi viene in mente almeno un esempio della seconda guerra mondiale ("Sarò a casa per Natale") in cui appare "tu" (nel testo "puoi contare su di me") ma mi aspetto è stato molto tempo prima.

C'è stato un punto particolare in cui "tu" è diventato comune e, in caso affermativo, quando? In caso contrario, era sempre comune?

Se il nome del tuo amante è Johnny, Ida, Gloria, Michelle o anche Linda, sei fortunato: c'è una canzone che puoi cantare con il nome di quella persona. Ma sono al massimo solo una o due canzoni per chiunque tranne Johnny o Gloria. Molte persone non hanno una canzone intitolata a loro. Puoi cantare una canzone "tu" a chiunque e si adatta.
Probabilmente è andata avanti finché le canzoni sono state scritte e cantate. Immagina qualcuno che canta una canzone che cita il nome di qualcuno a qualcuno con un nome diverso! Usare la parola "tu" significa che una canzone può essere cantata a chiunque, mentre lo guardi negli occhi, e il "tu" si traduce effettivamente come questa canzone è per "* tu *". Ora l'anonimato scompare.
Mi viene in mente [Beautiful South - Song for Whoever] (https://www.youtube.com/watch?v=J-q_gAM1BXQ) - che, in modo molto ironico, spiega in modo abbastanza succinto ** perché ** i nomi non specifici funzionano meglio.
Sono curioso, cosa ti ha fatto pensare che non fosse sempre comune? E non è tutta la musica così, in opposizione alla musica pop occidentale in particolare?
@IvoBeckers: Suppongo di non essere sicuro se fosse o non fosse comune. Ho specificato il pop occidentale perché non ho esperienza con canzoni di altre culture, quindi ho pensato di renderlo specifico. Sembra, però, che "sempre" sia la risposta
Tre risposte:
#1
+32
Caleb Hines
2019-07-30 07:32:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vado con "era sempre comune". Certamente molti madrigali rinascimentali sono scritti a "te" (o "te", a seconda dei casi):

Vieni ancora!
Il dolce amore ora invita
Le tue grazie che astenersi
per farmi il dovuto piacere.

Vedere, ascoltare,
toccare, baciare,
morire di nuovo con te
con dolcissima simpatia.

Vieni di nuovo , John Dowland, 1597 circa

Ahimè, amore mio, mi hai fatto un torto,
per respingermi scortesemente; da tanto tempo, che mi delizia nella tua compagnia.

Sono stato pronto per te
Per concederti tutto ciò che avresti desiderato
Ho scommesso sia sulla vita che sulla terra
Il tuo amore e la tua buona volontà per avere.

Greensleeves , sconosciuto c. 1580

E anche le più antiche canzoni d'amore / poesie sono scritte in questo modo:

Ecco, sei bello, amore mio.
Ecco, sei bello. I tuoi occhi sono colombe dietro il tuo velo.
I tuoi capelli sono come un gregge di capre, che discende dal monte di Galaad.
I tuoi denti sono come un gregge appena tosato, che è uscito dal lavaggio,
dove ognuno di loro ha due gemelli. Nessuno tra loro è morto.
Le tue labbra sono come filo scarlatto.
La tua bocca è adorabile.
Le tue tempie sono come un pezzo di melograno dietro il tuo velo.
Il tuo collo è come la torre di Davide costruita per un'armeria,
su cui pendono mille scudi, tutti gli scudi degli uomini potenti.
I tuoi due seni sono come due cerbiatti gemelli di un capriolo, che si nutrono tra i gigli.
Fino al giorno è fresco, e le ombre fuggono,
andrò al monte della mirra, al colle dell'incenso.
Siete tutti belli, amore mio. Non c'è posto in te.

Canto di Salomone , attr. al re Salomone, c. 950 aC

Si possono aggiungere molti sonetti di Shakespeare, molti dei quali indirizzati a un anonimo oggetto di interesse. "Devo paragonarti a un giorno d'estate?"
Song of Solomon ... bell'esempio! Ovviamente "tu" è una traduzione in inglese :-)
#2
+4
Camille Goudeseune
2019-07-30 03:27:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le odi a qualcuno non specificato per nome (se non per professione o per natura) risalgono almeno al 1914. I titoli delle canzoni della prima guerra mondiale includono "Oh, You Beautiful Doll", "Your King e Il paese ti vuole "," Non mordere la mano che ti nutre "," Prepara i tuoi guai "," Tieni accesi i fuochi domestici ".

Le odi in generale risalgono all'antica Grecia e sono state composto continuamente da allora. Alcuni di questi omettono anche il nome del destinatario, ad esempio la canzone di Schubert del 1828 Der Doppelgänger.

Quando questo è diventato comune, dovresti eseguire alcune analisi statistiche di un corpus di testi delle canzoni e cerca un ginocchio nella curva. Forse i testi della bandiera che contengono un sacco di "tu" e l'assenza di nomi propri.

#3
+4
phoog
2019-07-30 04:04:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Forse di origine canadese, Red River Valley era comunque molto popolare negli Stati Uniti. Fu fondato in Canada nel 1896 e potrebbe essere stato composto nel 1870. Inizia "da questa valle si dice che tu vada ..."

Beautiful Dreamer di Stephen Foster risale probabilmente al 1862.

Il Star Spangled Banner inizia "o dì, riesci a vedere ...?"

Un'altra risposta nota il Doppelgänger di Schubert, che contiene una poesia senza titolo di Heine. C'è anche Du bist wie eine Blume, dello stesso poeta, che scriveva all'inizio del XIX secolo.

Schubert ha anche impostato entrambe le poesie di Goethe con il titolo Wandrers Nachtlied, scritti nel 1776 e nel 1780. Entrambi sono in seconda persona, sebbene la prima possa essere indirizzata al divino e quindi non anonima.

Tornando un po 'più indietro e tornando all'inglese, Shakespeare's la canzone "O Mistress mine" da La dodicesima notte, 1601 o 1602, è stata a lungo una delle canzoni preferite dei compositori. "... dove stai vagando? Oh, resta e ascolta l'arrivo del tuo vero amore ..."

Come notato nell'altra risposta, questo è un dispositivo letterario che è stato utilizzato per secoli, e non dovrebbe essere difficile trovare esempi del suo utilizzo in tutta la storia della poesia lirica occidentale.


Per un po 'di abilità con la risposta accettata, noto che Sumer è icumin in, risalente al intorno al 1260, termina con la riga

Wel singes þu cuccu
ne swik þu nauer nu

Questo significa più o meno

Canti bene il cuculo.
Non fermarti mai adesso.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...