Domanda:
Musicologia della melodia
user1953384
2016-01-16 00:25:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Recentemente ho avuto una lunga discussione con il mio supervisore riguardo alla musicologia della melodia, che posso riassumere come segue:

  1. Gli studi musicologici sulla melodia non sono così ricchi e completi come, diciamo il ritmo e armonia. In generale, la teoria è scarsa.
  2. Molte delle analisi esistenti sono state speculative e inconcludenti.
  3. L'unica teoria di cui sono stati seguiti con successo quando si tratta di lo studio della melodia è la teoria dell'aspettativa musicale di Leonard Meyer.
  4. Non c'è accordo generale su come le strutture melodiche siano percepite come generalmente accade quando si tratta di armonia.

Deve ancora condividere con me alcuni riferimenti relativi a questo, quindi ho pensato di chiedere anche qui.

Sono un po 'confuso ora su come posso approfondire questo argomento. Non sono uno studioso di musica ma sono interessato alle risorse relative alla musicologia della melodia poiché la mia ricerca è sulla modellazione computazionale della melodia. Sto principalmente cercando letteratura di sottofondo, in primo luogo per sapere che tipo di analisi musicologiche della melodia esistono / sono possibili , e in secondo luogo quali sono le difficoltà che si incontrano quando si tratta di analisi musicologica di melodia che sono uniche per questa dimensione musicale a differenza di armonia e ritmo ?

Capisco che questa domanda sia molto ampia e non affronti la tradizione musicale, lo stile e così via. Qualsiasi pensiero che vada dallo specifico al generale da parte di coloro che hanno familiarità con questo argomento sarebbe molto apprezzato! Inoltre, suggerisci se posso formulare le mie domande in modo più significativo.

Di tutti i "pezzi" che entrano in un'opera musicale, per me la melodia è la più ineffabile. O il meno possibile, se preferisci. Non sono sicuro di quali studi di melodia ci possano essere là fuori. Per fare effettivamente uno studio, ho potuto vedere che un punto di partenza potrebbe essere quello di trovare un motivo, diciamo, che viene suonato su un singolo accordo (poiché il "fondamento" armonico è importante). Agli ascoltatori viene chiesto di valutare il motivo lungo diversi assi emotivi. Quindi una nota del motivo viene modificata e viene rivalutata. Ripetere. O qualcosa del genere. Forse iniziando con semplici intervalli melodici e poi diventando più complessi
Esistono programmi software per computer che possono comporre una melodia su una data progressione di accordi. Band in a Box è il miglior esempio a cui riesco a pensare. È orientato al jazz. http://www.pgmusic.com
Suggerirei di cercare trattati su come * comporre * una melodia. Ce ne sono molti là fuori. Il motivo per cui sto suggerendo questo è che la teoria segue sempre la pratica. Se definisci e comprendi alcune regole e formule per comporre una melodia in un certo stile, ciò potrebbe fornire una base per algoritmi per l'analisi delle melodie. Ma quelle regole saranno sempre specifiche del genere musicale e del periodo e del luogo dello stile nella storia. Infine, qualsiasi metodo dichiarato sarà altamente soggettivo per l'autore.
Ad esempio, ecco alcuni buoni pensieri su come comporre una melodia jazz. http://www.northernsounds.com/forum/showthread.php/59076-Lesson-8-Melody-amp-Orchestration
Potresti indagare sull'analisi schenkeriana. [http://www.schenkerguide.com/index.php”(http://www.schenkerguide.com/index.php)
Una risposta:
#1
+5
Michael Curtis
2016-01-20 05:20:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da una prospettiva "classica" ... Penso che tu possa trovare molto materiale sulla melodia, ma non sarà così chiaramente codificato o etichettato come le cose con l'insegnamento dell'armonia moderna. Forse le risorse storiche offrono una migliore comprensione della melodia ma non sono codificate come la moderna analisi dei numeri romani o l'analisi schenkeriana. Personalmente, non credo che questo significhi che il materiale sia vago o meno ricco. Semplicemente non è pronto per l'algoritmo (per così dire). Devi affrontare lo studio in modo diverso.

Alcune risorse suggerite:

Storia della melodia di Bence Szabolcsi et al . Link: http://amzn.com/0214156176

Music in the Galant Style di Robert Gjerdingen Link: http://amzn.com/0195313712 Molti schemi melodici descritti usando la notazione dei gradi di scala come ^ 6 ^ 5 ^ 4 ^ 3. Gjerdingen offre anche interessanti critiche all'insegnamento dell'armonia moderna e all'analisi schenkeriana.

Figuring Out Melody di David Fuentes https://www.calvin.edu/music/faculty-staff/faculty.html ? name = David-Fuentes-MUSC Una guida completa per scrivere una melodia come JS Bach

Saggio introduttivo sulla composizione: le regole meccaniche della melodia di Heinrich Kock, traduzione di Nancy Baker https://www.google.com/search?tbo=p&tbm=bks&q=0300028148 Questo libro è difficile da ottenere, ma una fonte storica chiave

Letture della fonte di Strunk nella storia della musica (edizione rivista) di Leo Treitler et al. Joseph Reipel: da Fundamentals of Music Composition, pagina 749 Link: http://amzn.com/0393037525 Reipel insegna come scrivere un minuetto, esempi di singole linee melodiche, sensibilità al ritmo super raffinata ​​p >

Le due fonti successive sono in realtà trattati sulle prestazioni, ma trattano anche ornamenti melodici.

Su come suonare il flauto di Johann Joachim Quantz et al. Link: http://amzn.com/1555534732

Trattato sui principi fondamentali del violino (Oxford Early Music Series) di Leopold Mozart et al. Link: http://amzn.com/019318513X

Aggiungerei _Structural Functions in Music_ di Wallace Berry (http://www.amazon.com/Structural-Functions-Music-Dover-Books/dp/0486253848). La scrittura è un po 'accademica, ma neanche lontanamente così opaca come vedevo in _Perspectives of New Music_, e Berry sembra avere alcune buone intuizioni su come i vari elementi della musica funzionano e si adattano insieme.
Molto buono e utile!


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...