Domanda:
ottoni: piegare le note verso l'alto
Gauthier
2011-05-12 10:48:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È abbastanza facile, anche se richiede un po 'di forza, piegare le note verso il basso su una tromba. Ad esempio suonare un fa #, un fa, o anche note più basse con tutte le valvole aperte.

Non suona bene, ma è possibile.

Tuttavia è molto difficile da fare lo stesso verso l'alto. Perché?

Posso quasi prendere una terza maggiore verso il basso dal Sol centrale, ma appena un quarto di tono verso l'alto.

Due risposte:
#1
+10
NReilingh
2011-05-12 17:11:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il piegamento delle note su uno strumento in ottone senza l'ausilio di valvole avviene modificando la tensione, e quindi la frequenza del ronzio, delle labbra. Molto semplicemente, è più facile piegare le note verso il basso perché è più facile rilasciare la tensione che crearla.

Inoltre, man mano che si sale nella serie armonica, le parziali si avvicinano, quindi su ogni nota sarai in grado di piegarti più in basso di quanto puoi in alto prima di finire per saltare a un parziale diverso.

Le tecniche che hai menzionato non sono comuni. Potrei immaginare una curva verso il basso come quella che hai menzionato in qualche musica contemporanea a tecnica estesa, ma la maggior parte delle "curve" degli ottoni che si verificano nella musica jazz (in entrambe le direzioni) sono eseguite con tecniche a mezza valvola, come doits, falls e drop .

@awe Dovresti chiederlo come domanda separata!
Ha senso. Riguardo alle parziali che si avvicinano man mano che sali, vedo il tuo punto, ma una terza maggiore in basso rispetto a G, e non un quarto di tono in più rispetto allo stesso G (tra Do basso e Do medio) ... La differenza è troppo grande, io non credo che questo sia ciò che rende difficile piegarsi, la tecnica non è comune anzi, la uso come pratica e mi sono incuriosito. Non sapevo la parola "doit", grazie! Uso la mezza valvola nelle prestazioni.
Ho una domanda correlata: [Quali sono le buone tecniche per piegare le note sugli ottoni] (http://music.stackexchange.com/questions/782/what-are-good-techniques-to-bend-notes-on-brass -strumenti)
Ho riflettuto un po 'di più su questo, ora sono un po' scettico nel rilasciare la tensione. Per il primo mezzo tono verso il basso, sciogliere la tensione funziona. Poi per scendere più in basso devo invece avere molta tensione, per forzare il mio labbro a ronzare attraverso il corno. Questo è in realtà un esercizio di forza.
@Gauthier Questa è principalmente una spiegazione concettuale del motivo per cui è più difficile piegarsi verso l'alto. Hai perfettamente ragione, è _enorme_ per il controllo dell'imboccatura dato che il tono ama "inserirsi" nella serie armonica dello strumento, ma considero ancora che richieda più tensione per piegarsi verso l'alto. Potrebbe esserci una risposta basata sulla fisica migliore per questo, ma immagino che non abbiamo ancora troppi acustici sul sito ...
Oh, e lo uso senza mezze valvole, in situazioni da big band. Ad esempio, chinandosi e poi immediatamente indietro (l'accento sembra una u).
#2
  0
Gauthier
2015-12-09 15:34:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sviluppato una possibile risposta da quando ho posto la domanda. La vibrazione del labbro viene creata spingendo prima l'aria attraverso le labbra (apertura), quindi parte dell'onda di pressione viene riflessa sulla campana (cambio di impedenza) e torna alle labbra, chiudendole. Poi ricomincia.

Con questo in mente, puoi irrigidire le tue labbra, rallentando la vibrazione ritardando le aperture e le chiusure. D'altra parte, niente può far accadere queste chiusure prima rispetto a quando l'onda di pressione ritorna al bocchino, quindi è difficile aumentare la frequenza.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...