Domanda:
Come mantenere l'atmosfera di una canzone quando l'hai praticata molto
confuzzled
2018-03-30 23:55:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Molte volte quando mi esercito per la prima volta su una canzone, la suono con la giusta "sensazione" e suona bene, ma più la studio ripetutamente per ottenere le parti tecniche giuste, sembra che diventi semplicemente questo monotono esercizio.

È un'idea migliore non concentrarsi su una canzone alla volta? Ti piace studiarlo solo per mezz'ora e poi fare qualcos'altro per quel giorno? Come faccio a non annoiarmi con un pezzo?

Sono stati scritti interi libri sulla pratica. Dagli 24 ore e scommetto che avrai il primo capitolo !!
Se puoi, potresti provare quello che fa mio figlio (e io non posso): trasporlo in una chiave diversa di tanto in tanto. Questo sembra farlo sentire più fresco per lui.
Sei risposte:
#1
+10
user48353
2018-03-31 00:21:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono un milione e una opinione sulla pratica. Quello che segue è solo uno, ma per me ha funzionato a lungo. Questi sono suggerimenti, non dogmi. Sei destinato a ottenere risposte contrastanti!

In primo luogo, la pratica richiede attenzione. Solo tu puoi dire quante ripetizioni riesci a gestire prima che la tua mente inizi a vagare un po '. Non appena lo fa, passa a qualcos'altro nella stessa musica, o un altro pezzo o un'altra attività completamente, e torna più tardi.

Due ore di pratica in un giorno potrebbero essere realizzate meglio come, ad esempio , otto blocchi da quindici minuti rispetto a un singolo blocco. Considera che potrebbe esserci una quantità giornaliera ottimale che puoi imparare e che continuare oltre questo punto dà rendimenti sempre minori. Nessun altro può dirti queste cose su di te, devi scoprirle, per fortuna o per una determinata autocoscienza.

Assicurati di non ripetere l'intero pezzo quando solo il 10% di esso ti dà problemi . Ciò può far risparmiare ulteriore tempo.

In secondo luogo, la tua domanda menziona "sensazione" e "parti tecniche" come se esistessero separatamente. Questo può causare problemi. Attenzione all'idea di praticare prima qualcosa di "tecnicamente", quindi di aggiungere l '"espressione" in seguito. Ogni fine espressivo deve essere raggiunto con mezzi tecnici. Ho trovato la pratica senza tutte le espressioni indicate per essere una perdita di tempo. Ad esempio, è abbastanza diverso suonare un passaggio in crescendo rispetto a un livello piatto. Il crescendo stesso ha bisogno di pratica per modellarsi come desideri.

Ricorda che siamo creature abitudinarie. La ripetizione è molto potente: ogni volta che facciamo qualcosa, ci stiamo allenando per farlo di nuovo. Quindi fai attenzione a ridurre al minimo le ripetizioni di cose che non vuoi fare. Praticare qualcosa motoricamente 100 volte aumenta la possibilità che il # 101 suoni motorico, che tu lo voglia o no.

Nella mia esperienza, praticare qualcosa in modo non motorio non impedisce necessariamente alla natura ripetitiva del processo di far svanire l'entusiasmo. Forse sto facendo qualcosa di sbagliato ...
#2
+8
elliot svensson
2018-03-31 00:24:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per tornare allo stato d'animo, suggerisco di suonarlo per qualcuno che pensi lo apprezzerebbe o "ci entrerebbe".

Per quanto riguarda le diverse possibilità di esercitarsi, non è una cattiva idea ... io aveva un direttore della band (livello universitario) che evitava costantemente di farci suonare per tutto il pezzo su cui la band stava lavorando fino al concerto, anche se avrebbe sicuramente risolto tutti i problemi tecnici in anticipo.

Per un esempio parallelo, è stato riferito che Kelsey Grammar non avrebbe provato la sua parte con il resto del cast durante gli 11 anni di registrazione di "Frasier" ... voleva che un elemento umano di sorpresa fosse parte della performance finale.

Per me, ho amato soprattutto la musica da studente quando mi esibivo con gli altri. Ma poi non sono nemmeno diventato un professionista (o anche uno studente universitario di performance musicali) ...

Spero che tu lo trovi utile!

#3
+6
Laurence Payne
2018-03-31 00:23:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se hai bisogno di eseguire questo particolare brano in un'occasione particolare, fai la pratica necessaria e tollera la noia. Se stai solo costruendo un repertorio sicuro, mescola e abbina i pezzi su cui lavori.

Ricorda, una volta che stai LAVORANDO su un pezzo, non suonarlo mai male. Suonalo bene, ma abbastanza lentamente per farlo bene. Giocarlo 10 volte con errori non si trasformerà magicamente in un gioco corretto.

Come risponde alla domanda dell'OP? Se stai preparando un brano particolare per un'esibizione, puoi fare la pratica (lenta) necessaria e tollerare la noia ma, dopo che il periodo di pratica è terminato e sei pronto per eseguirlo avendo superato le difficoltà tecniche, come riesci a farlo ritrovare l'entusiasmo per esso (che personalmente considero un ingrediente necessario per un'interpretazione significativa)?
Oh, per l'amor del cielo! Se HAI BISOGNO di eseguirlo, fai quello che serve. Se non lo fai e ti annoia, suona qualcos'altro. Oppure vai a pescare.
#4
+2
Stinkfoot
2018-03-31 03:10:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come fai a sapere che non suona bene dopo averlo praticato? A meno che tu non abbia l'opinione di una terza parte obiettiva, non dovresti giudicarla a meno che tu non sappia di aver fatto un errore palese e dannoso. Anche gli errori palesi non sono necessariamente molto dannosi, a seconda del contesto: se stai praticando una coda lunga e complessa e perdi una nota di mezzo passo, è probabile che non venga notato dal 99,9% degli ascoltatori.

Succede molto spesso che spesso, praticando qualcosa, perdi l'entusiasmo iniziale per un brano e quindi quando lo pratichi sembra un esercizio monotono, ma a un estraneo suonerà meglio come risultato della tua pratica e del tuo lavoro.

È molto difficile giudicare oggettivamente il tuo modo di suonare - come musicista ti concentri su aspetti diversi rispetto all'ascoltatore. Prima di esprimere un giudizio su te stesso, chiedi a qualcun altro di ascoltarti.

Un'altra buona cosa da fare è registrarti e aspettare un giorno (per prendere le distanze dalle tue esperienze personali e momentanee nel momento in cui l'hai suonato ) e poi ascolta quello che hai registrato, come se stessi ascoltando qualcun altro. Spesso scoprirai che suona molto meglio di quanto pensavi quando lo hai registrato.

#5
  0
user50135
2018-04-28 11:44:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Concentrati sulle singole parti del brano una alla volta. Ascolta solo la linea di basso. È formulato bene ed è coerente nel suo carattere e nella sua velocità, come quello di un bassista (spunto: inserisci qui le battute del bassista)? Concentrati sugli accordi: cadono in modo carino e creano una buona consistenza del suono senza enfatizzare le note degli accordi particolari? La linea melodica si distingue e ha il suo fraseggio unico e riconoscibile e possibilmente il tempo?

Il pianoforte è uno strumento polifonico che consente il fraseggio indipendente anche di note simultanee. Questo è ciò che lo rende così pratico. Questo è anche ciò che rende un buon pianista degno di kcd.com/listening.

Se il tuo livello attuale richiede una quantità eccessiva di pratica per ottenere solo le note giuste, potresti lavorare oltre il livello in cui la pratica è efficace in creando sia progresso che incentivo. Potrebbe esserci un motivo per creare un regime di "esercizio tecnico" che instancabilmente sollevi per questo ogni uno o due giorni per mettere giù le basi, solo per avere la quantità di esercizio monotono richiesto per abilità tecnica coperta senza attingere alla tua capacità di attenzione per lavorare sugli aspetti interessanti dei pezzi con cui vuoi rimanere aggiornato.

#6
  0
Zektor
2018-04-28 13:45:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi provare a trasformare l'atmosfera in una sensazione diversa. Se è una canzone allegra, prova a suonarla come un Nocturne di Chopin o trascrivila in una canzone jazz ... Le possibilità sono infinite.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...