Domanda:
Come chiamiamo musica che non viene suonata al ritmo?
KATE Forbes
2014-09-02 17:07:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come chiamiamo musica che non viene riprodotta a ritmo?

Le note non suonate al ritmo sono chiamate [sincopate] (http://en.wikipedia.org/wiki/Syncopation). Non sono sicuro che sia questo che cerchi però ...
Un paio di esempi ci aiuteranno a fornire risposte che ti saranno utili. Ad esempio, intendi reggae o dove ci sono terzine in un pezzo.
Se intendi "ritmicamente libero", il termine corretto sarebbe [rubato] (http://en.wikipedia.org/wiki/Tempo_rubato).
Ci sono molti termini specifici diversi per questo perché ci sono molti diversi tipi specifici di "non suonare sul ritmo". Se puoi fornirci alcuni esempi concreti possiamo spiegare ulteriormente.
Me ne vengono in mente altri tre, con una terminologia approssimativa e variabile come; appoggiandolo indietro o dietro il ritmo; al contrario, spingendo il ritmo; infine e per niente raro ... semplicemente vecchio "fuori dal tempo".
Cinque risposte:
#1
+12
Caleb Hines
2014-09-02 19:47:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Syncopation è il termine tecnico per ritmi fuori tempo. Ci sono molti generi che incorporano uno stile sincopato, come notato da Louis Armstrong:

Ah, swing, beh, lo chiamavamo sincope, poi lo chiamavano ragtime, poi blues, poi jazz . Ora, è swing.

#2
+9
Shevliaskovic
2014-09-02 17:29:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Può essere chiamato Off beat.

Secondo l'articolo di Wikipedia sopra

Nella musica che progredisce regolarmente in 4/4, contato come "1 2 3 4, 1 2 3 4 ...", il primo movimento della battuta (in battere) è solitamente l'accento più forte nella melodia e il punto più probabile per un cambio di accordo, il terzo è il successivo più forte: questi sono "su" battiti. Il secondo e il quarto sono più deboli: i "battiti fuori tempo".

Quindi, quando non suoni sui movimenti "forti" della misura, ma su quelli deboli, play off beat

o un più semplice

insolito, originariamente un termine musicale che significa "non segue il ritmo standard", che è diventato anche un sinonimo generico di "non convenzionale" o "insolito"

Inoltre, si chiama sincope, ma questa è la risposta di @meaningfulusername's
Sono venuto qui per scherzi stupidi sulle permutazioni di "fuori tempo"; rimasto deluso :-). Ma seriamente: è davvero "insolito" dalla musica? Ho pensato che provenisse dall'idioma "fuori dai sentieri battuti".
#3
+8
iono
2014-09-03 10:33:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Possiamo rispondere ad alcuni possibili significati della tua domanda:

  1. Se ogni nota di un dato strumento viene costantemente suonata leggermente prima o dopo il battito del "metronomo" (o , il resto degli strumenti), ma ancora suonato allo stesso tempo, lo strumento viene considerato " presto " / " spingere " o " tardi "/" sdraiato "rispettivamente.

  2. In un ritmo" sincopato ", le note sono accentati in luoghi che non sono quelli ovvi o convenzionali ("battiti forti").

  3. " Rubato " significa suonare in tempo, senza tempi o tempi rigorosi.

  4. " Swing " significa comprimere ogni seconda nota in meno tempo, in modo che i movimenti in battere siano più lunghi di il levare. A seconda della differenza di dimensione tra ogni nota, puoi avere:

    • " dritto ": ogni nota ha la stessa dimensione
    • " lope ": ogni seconda nota è leggermente ritardata
    • " swing ": ogni seconda nota è vicina al punto in cui collocheresti una seconda terzina
    • " shuffle ": ogni seconda nota è molto ritardata, si verifica appena prima della nota successiva
  5. " Off -beat "significa accentuare i opposti ritmici dei battiti" normali "; giocando nello spazio negativo. Ad esempio, giocando con il 2 e il 4 in un metro 4/4.

#4
+1
user13263
2014-09-03 00:27:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

"fuori tempo" è stato menzionato qui. Questo è fondamentalmente il nome per i ritmi che sono accentuati, beh, su un battito, solo uno diverso dal ritmo "normale". Quindi un accento swing è sul battito 2 e 4 invece che su 1 e 3.

"Syncopated", al contrario, di solito implica arrivare presto o tardi per frazioni di battito. Come {c'4. c'8 ~ c'4 c '} un tipico ritmo di tango con una nota di secondi iniziali che smussa il duro "lento-veloce-veloce-lento-veloce-veloce" del tango originale.

Sono abbastanza d'accordo sul fatto che c'è una differenza, ma la tua caratterizzazione della sincope suona un po 'come se fosse sempre solo pochi battiti "spostati" per misura - il che non è vero. Nella musica classica, si hanno spesso passaggi piuttosto lunghi suonati solo agli off, tuttavia questo è chiamato sincope e IMO non è fuori tempo, perché i ritmi forti sono "incassati" piuttosto che usati esplicitamente come battiti silenziosi o accenti minori.
#5
  0
leftaroundabout
2014-09-03 00:34:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È possibile utilizzare sia sincopato che fuori tempo . Nel mio libro, questi non sono del tutto sinonimi!

Descriverei la differenza in modo molto simile a quello che hanno detto Caleb e Shevliaskovic: fuori tempo significa che metti accenti su battiti deboli (ma il i battiti forti sono ancora suonati in silenzio, forse come note morte o almeno "pause pronunciate"). Mentre sincopato significa che suoni tra battiti forti, senza che questi battiti siano realmente udibili o "percepibili" (sebbene un'altra voce possa suonare a tempo). Per dare un esempio concreto della differenza: una chitarra Reggae è fuori tempo. Le parti di archi con note sui battiti deboli sono sincopate, prominenti ad es. nel quarto movimento di Čajkovskij I.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...