Domanda:
Perché un pianoforte a coda è meglio di un pianoforte verticale?
iddober
2013-05-01 17:37:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un pianoforte a coda è considerato migliore di un pianoforte verticale. Esteticamente potrei capire perché, ma perché l'orientamento delle corde è così importante dal punto di vista del suono?

Sono appena tornato da un concerto di Hiromi Uehara, Anthony Jackson, Simon Philips :) Dovresti prenderli da qualche parte per la differenza eheh.
Ecco una buona panoramica: https://www.youtube.com/watch?v=ZD1QxoxabMQ
Sette risposte:
#1
+31
slim
2013-05-01 18:44:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È tutta una questione di dimensione, e quindi la lunghezza delle corde e la dimensione della superficie vibrante della tavola armonica in legno.

Anche un baby grand a ~ 5 piedi è più lungo di un tipico verticale. alto. Un pianoforte a coda da 7-10 piedi è molto, molto più lungo.

Non posso fare di meglio di quello che dice Wikipedia, quindi citerò all'ingrosso:

A parità di condizioni, i pianoforti più lunghi con corde più lunghe hanno un suono più ampio e ricco e una minore inarmonicità delle corde. L'inarmonicità è il grado in cui le frequenze degli armonici (note come parziali o armoniche) suonano nitide rispetto a multipli interi della frequenza fondamentale. Ciò è dovuto alla notevole rigidità delle corde del pianoforte; quando una corda percossa decade, le sue armoniche vibrano, non dalla loro terminazione, ma da un punto leggermente verso il centro (o parte più flessibile) della corda. Più alto è il parziale, più acuto sarà. I pianoforti con corde più corte e più spesse (cioè piccoli pianoforti con scale di corde corte) hanno più inarmonicità. Maggiore è l'inarmonicità, più l'orecchio la percepisce come asprezza di tono.

L'inarmonicità richiede che le ottave siano allungate o sintonizzate sul corrispondente armonico acuto di un'ottava inferiore piuttosto che su un'ottava teoricamente corretta. Se le ottave non sono allungate, le ottave singole suonano intonate, ma le ottave doppie, e soprattutto triple, sono inaccettabilmente strette. L'allungamento delle ottave di un piccolo pianoforte per far corrispondere il suo livello di inarmonicità intrinseca crea uno squilibrio tra tutte le relazioni intervalliche dello strumento, non solo le sue ottave. In un pianoforte a coda, tuttavia, l '"allungamento" dell'ottava mantiene l'equilibrio armonico, anche quando si allineano le note degli acuti a un armonico prodotto da tre ottave sotto. In questo modo le ottave vicine e diffuse suonano pure e producono quinte perfette praticamente senza battute. Ciò conferisce al pianoforte a coda una qualità di suono brillante, cantata e sostenuta, una delle ragioni principali per cui nella sala da concerto vengono utilizzati i grands a grandezza naturale. I grands più piccoli soddisfano le esigenze di spazio e di costo dell'uso domestico.

Esistono montanti molto alti, ma non sono molto comuni. A volte vengono chiamati nonni retti .

Naturalmente, se l'inarmonicità è buona o cattiva è puramente soggettiva. Quel classico suono da "pub piano" si adatta perfettamente ad alcuni tipi di musica. È il suono di un montante e probabilmente non potrebbe essere replicato su un pianoforte a coda.

Un modo condensato per spiegare l'armonicità di un pianoforte a coda è che può effettivamente essere "più" intonato di un montante a causa della lunghezza delle corde e questo è il motivo principale per cui il suono è migliore, nonostante l'artigianato, i materiali, ecc.
Non ho figure a portata di mano, ma sono sicuro che i nipotini più corti hanno corde più corte di un montante standard. Un verticale decente come uno Yamaha U3 suonerà sicuramente meglio, secondo la maggior parte delle definizioni, di un pianoforte a coda di prezzo e condizioni simili. Ho ereditato un nipotino Challen e sembra adorabile, ma il suono non è davvero niente di speciale.
#2
+8
Stephen Hazel
2013-05-01 21:34:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L ' azione rende migliore un grande.

In un grande, la gravità aiuta il ritorno della chiave in modo da poter giocare più velocemente. In un verticale, l'azione va di lato e ha essere aiutato da, umm, non citarmi su questo, molle credo?

E anche il suono .

Il suono è più di una cosa soggettiva. Ma in quasi tutti i casi, un grande abbastanza lungo suonerà meglio grazie al meraviglioso suono dei bassi. Inoltre si aprono più direttamente nella stanza in modo che il suono delle corde / tavola armonica arrivi a te più direttamente (più i riflessi della stanza).

I montanti devono rimbalzare il suono delle corde / della tavola armonica sul retro contro il muro a secco dipinto. (il tuo muro).

Anche i pedali.

I pianoforti a coda hanno un pedale centrale chiamato pedale Sostenuto, che cattura i tasti premuti e li lascia mentre i tasti suonati dopo il pedale possono suonare senza essere tenuti premuti. I montanti d'altra parte hanno un pedale centrale che funge da "pedale di pratica" che essenzialmente silenzia l'intero strumento. Di solito questo pedale centrale manca o non funziona su un montante.

Il pedale del piano è chiamato pedale una corda. Ci sono 1-3 corde per tono sul pianoforte. 1 per le corde dei bassi più bassi, 2 per i medi e 3 per gli acuti. Il pedale una corda funziona spostando l'intera azione verso destra, facendo in modo che i martelletti colpiscano meno corde o, nel caso delle corde dei bassi, eseguano colpi di sguardo.
Mi hai battuto per 6 secondi! ecline6. Non silenzia, di per sé, ammorbidisce solo il colpo.
In realtà la gravità è troppo lenta per entrare in gioco. I martelli vengono respinti molto rapidamente dalla corda quando l'impulso di colpo (onda) ritorna in forma invertita dopo essere stato "rimbalzato" sul nodo finale più vicino. Ciò è stato dimostrato con telecamere ad alta velocità. Tuttavia, i pianoforti a coda hanno una meccanica della tastiera più sofisticata rispetto ai montanti, con una caratteristica speciale che consente rapidi colpi ripetuti senza riportare la chiave fino in fondo prima di accettare il colpo successivo e quindi possono essere suonati "più velocemente" nei passaggi con note ripetute.
Non ci sono corde attaccate ai martelli in un montante di qualità ragionevole, perché le corde si consumerebbero. C'è un meccanismo molto più complicato che utilizza l'energia che dai alla chiave per spostare il martello. Pertanto il montante è meno sensibile all'energia del colpo.
tohecz, puoi approfondire meglio il tuo commento, per favore: le corde non sono attaccate ai martelli?
@Tim: Penso che quello che sta dicendo è che quando un martello in movimento veloce colpisce le corde che produrranno una nota, non si ferma e poi cade, ma "rimbalza" verso il basso sulla corda. Se un meccanismo chiave dovesse semplicemente spingere il martello all'interno, ad es. 1/8 "della corda e lasciarla volare per il resto del percorso, ma non si è tolto di mezzo per il rimbalzo, il martello potrebbe rimbalzare sulla corda, quindi sul meccanismo della chiave, quindi di nuovo sulla corda, poi il meccanismo chiave, ecc.
+1 per aver menzionato l'azione. Per suonare brani con note ripetute rapidamente (come Rhapsody in Blue), la leggera lentezza dell'azione di un montante rispetto a quella di un grande può fare una profonda differenza.
#3
+7
Tim
2013-05-01 20:56:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In aggiunta a quanto sopra, questo è il motivo per cui i pianoforti verticali sono passati dall'avere le corde verticali all'essere sovracordate. Ciò significa che le corde, in particolare quelle inferiori, sono diagonali sulla tavola armonica, rendendole più lunghe, con i vantaggi di cui sopra, ma comunque non così lunghe come quelle di un grande. 36 "sulla corda inferiore di uno dei miei montanti, rispetto a 42" del mio baby grand.

L'overtringing aiuta anche a evitare che il pianoforte collassi letteralmente su se stesso. :)
#4
+4
Nicholas Ennos
2015-07-06 18:06:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Pensavo che un pianoforte a coda fosse superiore a un pianoforte verticale, ma questo non è assolutamente il caso. Il motivo per cui la maggior parte delle persone pensa che questa sia la scarsa qualità della maggior parte dei pianoforti verticali.

Un pianoforte verticale Blüthner degli anni '30 suona quasi bene come un pianoforte a coda Blüthner 7 piedi, con un basso straordinariamente sonoro. Un baby grand Blüthner della stessa epoca suona decisamente un po '"morto" al basso, anzi ha un suono simile a un giocattolo rispetto a un vero pianoforte con corde lunghe.

ben detto. E, naturalmente, il fatto che i pianisti più affermati suonino principalmente pianoforti a coda, quindi il suono che esce anche dal migliore montante è influenzato negativamente dall'abilità inferiore del musicista. Aggiungi una manutenzione inferiore (è probabile che un montante in un bar fumoso non attiri l'attenzione dei tecnici che fanno il grande in una sala da concerto) e idem l'acustica del loro ambiente tipico, e il quadro è completo.
#5
+2
ken
2019-03-25 11:55:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come per tutte le cose ... dipende. Un montante professionale di alta qualità realizzato da una delle migliori aziende è davvero un pianoforte eccellente. Ho suonato su dei pianoforti verticali davvero meravigliosi. Schimmel crea montanti che hanno un tocco e un suono che rivaleggiano con molti ottimi pianoforti a coda, e Sauter. In un ambiente domestico, un pianoforte verticale può avere la giusta quantità di volume e tono.

#6
+1
Margaret Mitchel
2017-05-03 18:59:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La qualità del suono di un pianoforte dipende fortemente dalle dimensioni dello strumento e dall'allineamento delle corde. Le corde più lunghe emettono un suono migliore (più ricco) a causa della minore inarmonicità. Un fattore importante che fa suonare meglio i pianoforti a coda è la gravità. A causa dell'allineamento orizzontale delle corde, la maggior parte delle parti dello strumento dovrebbe spostarsi su e giù. Alla fine portato a riposo dalla gravità. Tuttavia, nel pianoforte verticale il movimento delle corde è verticale e richiede molle, e nel tempo tendono ad acquisire imperfezioni.Per gli stessi motivi, il montante ha qualche limite nella velocità e nel controllo, in quanto la nota può essere ripetuta solo dopo il ritorno della chiave all'inizio. Nel pianoforte orizzontale, la stessa chiave può essere ripetuta dopo circa 1/3 della distanza dalla chiave verso l'alto. Questo è tanto semplice quanto può essere messo senza diventare troppo tecnico. Se sei molto interessato a vedere tutte le macchinazioni di queste meravigliose invenzioni, ti suggerirei di osservare il piano trasparente in azione e vedere tutti gli intricati componenti che lavorano insieme per creare il suono.

#7
  0
Retired_Admin
2014-10-07 11:07:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I pianoforti a coda suonano molto meglio perché sono migliori. :-)

Sto solo scherzando. I pianoforti a coda sono costruiti in modo leggermente diverso, come è stato notato, ma la cosa più importante è che il suono viene proiettato in alto e fuori dallo strumento e non verso l'utente con molto legno in faccia. Un pianoforte verticale ha anche la sua azione davanti alle corde a differenza di un pianoforte a coda con l'azione sottostante e colpisce le corde da dietro. Ciò influisce anche sul suono, rendendo il suono verticale molto diverso.

Su un pianoforte verticale, i pedali funzionano in modo diverso. Il pedale una chorda del montante funziona posizionando i martelletti più vicino alle corde per rendere il suono del piano più morbido. Questo è un meccanismo completamente diverso in cui i martelli vengono spostati e colpiscono due corde, raramente una corda, su un pianoforte a coda. Il pedale tres chorda su entrambi funziona in modo simile con gli smorzatori delle corde sollevati dalle corde per consentire alle corde di vibrare. Il pedale del sostenuto è una bestia rara su un montante. Esistono ma solo su quelli veramente costosi. Molti montanti che hanno un pedale centrale, sono dotati di un pedale di pratica che mette un sottile foglio di feltro tra i martelli e le corde. Questo crea un suono smorzato in modo che il piano non sia così forte e invadente e consente di esercitarsi molto tardi la sera.

L'overtringing non aumenta la lunghezza delle corde. Quello che fa è creare armoniche nella parte aperta delle corde. Fino all'inizio del XX secolo, anche i pianoforti a coda erano con corde dritte, con un mix di strumenti a corde dritte e con corde eccessive. Erard produceva ancora pianoforti a coda da concerto con corde dritte fino agli anni '20.

Ecco un posto che vale la pena visitare se ne hai la possibilità. Questa è una collezione di pianoforti antichi che possono essere suonati e ascoltati. Suono su tutti questi pianoforti elencati su questo sito.

http://www.frederickcollection.org/collection.html

Il sito principale è http://frederickcollection.org/

Penso che "sono migliori" sia un punto valido, però - molto lavoro di mork e attenzione ai dettagli va in un pianoforte a coda che si riflette nel costo.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...