Domanda:
"un dito per tasto": vale la pena seguire questa regola?
asgeo1
2011-01-17 17:47:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando ho iniziato a suonare la chitarra, mi è stato consigliato di seguire la regola "un dito per tasto" con la mano sinistra.

Fondamentalmente, di suonare le note con tutte e quattro le dita, e di seguire una schema tale che in qualsiasi posizione sulla tastiera, ogni dito ha la responsabilità del tasto che copre.

La chiave di questa tecnica è che in realtà usi il mignolo tanto quanto qualsiasi altro dito, quindi finisce abituarsi un po 'e diventare capace quasi quanto qualsiasi altro dito.

Spero che la descrizione abbia senso. Posso fornire maggiori informazioni se non è chiaro.

Ora passiamo alla mia domanda. Noto che praticamente nessuno usa questa tecnica di fretting. Quasi tutti i chitarristi blues e rock usano solo tre dita e rinunciano al mignolo quando suonano il solista.

Non cambierò la mia tecnica, sono contento di come l'ho sviluppata.

Ma vorrei dare consigli ad altri musicisti, e non sono sicuro che il consiglio che mi è stato dato sia necessariamente un buon consiglio se va contro il modo in cui suonano effettivamente la maggior parte dei musicisti blues / rock.

Quali opinioni o consigli hanno le persone riguardo alla diteggiatura di lick solisti in stile blues / rock? Tre o quattro dita per il lavoro di piombo?

Undici risposte:
#1
+20
DRL
2011-01-17 18:11:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il dito per tasto è ampiamente utilizzato; ed è utilizzato da alcuni dei musicisti rock / contemporanei più tecnici al mondo.

Paul Gilbert Joe Stump Steve Vai John Petrucci

Tutti usano il mignolo in questo modo;

L'uso del mignolo offre semplicemente più opzioni per le note sul collo; dandoti una portata più ampia senza dover cambiare la posizione della mano.

Più le tue mani sono flessibili, più ogni dito può fare; i musicisti più esperti spesso coprono 4+ tasti con le prime tre dita; usare il mignolo per i tratti più lontani quando necessario.

Alla fine si tratta di come ti senti a tuo agio; Ho scoperto che quasi tutti quelli a cui ho consigliato "dito per tasto" hanno visto un enorme miglioramento nel loro modo di suonare e nelle loro capacità di ricordare posizioni / schemi di scala / arpeggio sul collo.

Detto questo; dovrebbe essere sempre e solo la tecnica di base della tua diteggiatura; dovrai modificare / regolare la diteggiatura per molte cose.

Quel video di Paul Gilbert è fantastico!
#2
+9
Jason W
2011-01-17 18:05:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Anche se personalmente non seguo la regola "un dito per tasto", penso che sia importante avere un mignolo forte.

Semmai direi che rientro nella categoria delle 3 dita e mezzo per il lavoro di piombo. Mentre mi muovo sulla tastiera, uso il dito che sembra più naturale. Cerco di non concentrarmi su quale dito è finché sembra giusto. In generale, questo rende le cose più facili da suonare e più probabile che ricorderò come suonare qualcosa quando ci tornerò.

#3
+8
awe
2011-01-17 18:14:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La scala blues è un sottoinsieme del fondo scala, quindi per un chitarrista blues sarà più facile / sufficiente usare 3 dita come versione "semplificata" della regola "un dito per tasto".

Questo in molti casi si applicherebbe anche ai chitarristi rock classici, poiché gli schemi sono spesso simili allo schema blues.

Quando avrai familiarità con l'utilizzo delle "4 dita" complete, avrai un vantaggio nel suonare qualsiasi stile.

#4
+6
Jimi Oke
2011-01-17 23:35:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Noto che praticamente nessuno usa questa tecnica di fretting. Quasi tutti i chitarristi blues e rock usano solo tre dita e preferiscono [sic] il mignolo quando suonano il solista.

Beh, dipende da quali chitarristi ti riferisci. In effetti, alcuni dei maggiori esponenti della tastiera erano limitati nelle capacità della mano sinistra. L'applicazione di un dito per tasto è noto come riproduzione in posizione e questo è ciò che si dovrebbe usare per la massima versatilità e velocità. Certo, si potrebbe cavarsela bene con solo tre dita, ma far funzionare quel mignolo fa un balzo fenomenale nella destrezza della mano sinistra. Naturalmente, ci sono passaggi in cui la migliore diteggiatura non si attacca necessariamente a un dito per tasto, ma in generale le dita dovrebbero essere sempre in posizione. Ci sono diversi esercizi là fuori per rafforzare il mignolo. Ogni volta che vedo quel mignolo penzolare durante la performance, non riesco proprio a scrollarmi di dosso quella sensazione di "Wow, questa è una cattiva forma". Se il musicista è abbastanza bravo, di solito non è troppo preoccupante, ma se il musicista non è così eccezionale, allora questa diventa un'enorme distrazione.


Suono principalmente chitarra classica e basso , quindi potresti considerare questa risposta di parte, ma considero la posizione migliore per suonare la pratica per tutti gli strumenti a tasti (acustico, basso, ecc.).

#5
+5
Dr Mayhem
2011-02-23 22:14:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sicuramente vale la pena imparare un dito per tasto e fare pratica con la portata massima della tua mano. Per molti brani musicali trovo che il mio mignolo sia molto più utile del mio anulare, nonostante l'anulare sia quello `` giusto '' da usare - se non avessi costruito la mia forza del mignolo non sarei in grado di fare alcuni delle cose che faccio.

#6
+4
BryanH
2011-01-21 04:47:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho scoperto che è molto più facile suonare alcune canzoni quando sono flessibile riguardo ai miei tasti.

Ad esempio, quando vado da A a B a Bsus4 (ad esempio, il "Peaceful Easy Feeling "), trovo molto più facile agitare il mio medio, anello e mignolo per la A, quindi scivolare nella B e sbarra con il mio indice. Entrare in Bsus4 significa che il mignolo fa scorrere solo un altro tasto:

  AB Bsus4E | ----- 0 ----- 1 ----- 1 ----- B | ----- 1 ----- 3 ----- 4 ----- G | ----- 1 ----- 3 ----- 3 ----- D | ----- 1 ----- 3 ----- 3 ----- A | ----- 0 ----- 1 ----- 1 ----- E | -----------------------  

Puoi passare da A a B toccando le stringhe D, G e B con il dito anulare (piegandoti verso l'alto per non agitare quella piccola e!), ma poi andare su Bsus4 è molto più difficile!

#7
+3
runrunraygun
2011-01-18 02:57:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non la considererei una regola fissa. Tuttavia penso che dovresti sentirti a tuo agio a suonare in questo modo tanto quanto qualsiasi altro stile.

Non trascurare il tuo mignolo! Potrebbe salvarti la vita un giorno.

Idealmente dovresti arrivare a una posizione in cui devi entrare e uscire da uno per stringa ad hoc. Come tutte le cose nella musica, più varia la tua routine di pratica più interessante e la tua esecuzione.

#8
+1
Pif
2011-01-20 14:43:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A ciascuno il suo, a seconda del gusto, degli obiettivi e del comfort, ovviamente.

Eppure, i miei 2 centesimi: esercitarsi con un dito per tasto (e di conseguenza, prestare maggiore attenzione alla diteggiatura) ti offrirà un altro strumento fantastico e utile. La posizione della mano tende ad essere più "corretta" e meno diagonale rispetto al collo quando suoni in questo modo, ma c'è anche una sensazione nel modo in cui suoni, e se pensi che il blues / blues sia sporco, rilassato o aggressivo, sicuramente non avrà lo stesso approccio come se fossi in modalità shred. O fingerpicking, ecc.

Inoltre, qualcuno dovrebbe menzionare Django Reinhardt ad un certo punto ^ _ ^
#9
+1
Finbar Maginn
2013-01-21 17:10:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

so che se vuoi suonare musica tradizionale irlandese DEVI usare il metodo "finger per fret" altrimenti è praticamente impossibile, ci sono anche situazioni in cui devi avere il metodo finger per fret e poi entrare e fuori dalla posizione della mano a seconda del brano musicale.

Il metodo finger per fret ha un vantaggio definitivo, una volta imparato è qualcosa che dovresti usare ma non come regola fissa, ce ne sono alcuni cose che semplicemente non si adattano :)

#10
+1
alexus
2015-07-07 01:33:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

3 dita e mezzo è un buon modo per descriverlo.

Penso che 3 dita siano ottimali per curve / vibrati. Quando ti pieghi con 4 dita, noterai che le dita tendono a raggrupparsi e diventare tese, e questo può rallentare un giocatore. Semmai, è probabilmente ottimale battere le note con il mignolo quando è SOLO fretting. Altrimenti, l'anulare sembra ottimale per le curve e il puntatore e l'anulare sono entrambi ottimali per i vibrati.

Attenzione, un livello relativamente uguale di finezza e destrezza può essere raggiunto su tutte le dita, ma questo lo farà prendi una certa quantità di pratica.

#11
-1
Verno
2016-06-10 19:58:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

3 anni e mezzo è davvero una buona descrizione. Per il blues o il rock sembra che sfregando e piegando il tasto un gradino sopra il tasto si trova l'indice con il dito medio e sfregando e piegando il tasto un passo e mezzo verso l'alto dal tasto su cui si trova l'indice con l'anulare si presta a un suono più potente e sicuro, specialmente se stai usando pesantemente la scala pentatonica / blues.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 2.0 con cui è distribuito.
Loading...