Domanda:
Gerarchia di accordatura per orchestre
Tim
2014-06-04 20:05:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Diverse domande recenti hanno riguardato l'ottimizzazione. Spesso un'orchestra si sintonizza sull'oboe. Uno dei motivi è che gli oboi sono gli unici strumenti che non possono essere accordati. 1. E se l'oboe fosse effettivamente stonato per qualche motivo. 2. Quando l'oboe non è presente, chi subentra? 3. Per i concerti per pianoforte, il pianoforte avrebbe la precedenza? E perché tutto questo dovrebbe accadere?

Mi chiedo davvero cosa ti abbia fatto pensare che gli oboi non possano essere accordati?
Cinque risposte:
#1
+17
Carl Witthoft
2014-06-04 20:25:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gli oboi possono sicuramente essere accordati (forse meno gamma di accordatura rispetto ad altri strumenti).

Se è coinvolto un pianoforte (o anche peggio, un organo :-)), tipicamente l'oboista si sintonizzerà sul prima il pianoforte, poi lascia che l'orchestra si accordi sull'oboe.

Le orchestre d'archi generalmente si accordano sul primo violino; gli ensemble da camera funzionano in un modo o nell'altro. Gli ensemble di fiati FWIW (aka orchestra di fiati, orchestra di concerti) si sintonizzano sul primo clarinetto invece che sull'oboe. Dannazione se so perché. (Cue la prima canzone di Fiddler on the Roof)

Quanto al perché l'oboe ... beh, chi vuole far arrabbiare coloro che suonano "il vento cattivo che nessuno soffia bene"?

+1 per "beh, chi vuole far arrabbiare chi suona" il vento cattivo che nessuno soffia bene "" MrGreen
#2
+5
dumbledad
2014-09-14 22:12:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta di Carl è giusta: puoi accordare un oboe e se uno strumento con accordatura fissa (come un pianoforte, un organo, una fisarmonica a piano, ecc.) fa parte dell'ensemble, allora i musicisti lo faranno sintonizzarsi su quello.

Avevo sempre capito che l'oboe veniva usato a causa della composizione armonica del suo timbro, cioè che ha un'intonazione relativamente pura ed è quindi più facile da accordare. Tuttavia, la pagina di Wikipedia sull'oboe suggerisce che è l'altezza sicura e il suono penetrante dell'oboe, risultante dalla sua canna conica, a renderlo ideale per l'accordatura.

#3
+1
OboeChicky
2015-11-07 10:34:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È del tutto possibile che un oboe sia stonato. Ance o imbustatori scadenti possono causare un tono molto piatto o molto acuto, ben al di fuori dello standard 440 MHz. Sta all'oboista assicurarsi di essere accordato il più vicino possibile in quanto non ci sono regolazioni all'interno dello strumento stesso.

https://www.youtube.com/watch?v=CPJyeGlUuDY
#4
+1
ghellquist
2018-06-30 15:39:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è una visione leggermente diversa della situazione.

Ogni musicista oggi possiede, o dovrebbe possedere, un dispositivo di accordatura. Lo strumento dovrebbe essere già intonato quando sali sul palco, ci accordiamo nel backstage. Quindi l'accordatura iniziale che il pubblico sente serve solo per avere la certezza che nulla è sbagliato. Il suonatore di oboe, a meno che non abbia un tono perfetto, usa un dispositivo di accordatura per suonare bene. Usiamo molto raramente un sintonizzatore durante la riproduzione, invece ci ascoltiamo a vicenda. Tendo a usarlo quando suono il contra fagotto, poiché i toni bassi possono essere estremamente difficili da sentire (essendo il più discreto possibile).

Durante l'esecuzione noi musicisti regoliamo il tono quando necessario. Spesso questo significa adattare anche singole note alla funzione armonica della nota o ad altri musicisti. Ad esempio, una Terza maggiore armonica è intonata in modo molto diverso da una Terza minore armonica. (Tendo a illustrarlo su un piano. Premi un Do e poi un G. più alto. Ora canta la Terza maggiore finché non suona bene. Confronta con la pressione del Mi. La maggior parte delle persone canta un tono molto più basso del Mi sul pianoforte. Mib minore che le persone cantano molto più acuto).

Ovviamente, quando si suona con strumenti ad altezza fissa, come un pianoforte o l'organo, ci adattiamo semplicemente a quello. Può essere interessante suonare con gli organi poiché abbastanza spesso non sono sintonizzati sull'intonazione standard moderna. (Può essere costoso risintonizzare alcune migliaia di tubi). Nelle chiese prima del 1930 circa, le accordature dell'organo variavano notevolmente.

Durante il concerto è possibile eseguire nuovamente l'accordatura. Questo soprattutto se la stanza diventa più calda durante il concerto. Lo strumento a fiato tende a salire, le corde tendono a scendere quando la stanza diventa più calda. Durante, diciamo, una sinfonia i musicisti dovranno compensare individualmente. Tra le sinfonie aiuta a sintonizzarsi di nuovo.

Le corde sono fortunate in quanto possono variare leggermente l'altezza per compensare comunque, a meno che non sia necessario utilizzare corde aperte, il che immagino sia insolito.
Inoltre (quasi) tutti gli strumenti a fiato possono variare il tono in misura maggiore o minore. A volte modificando la pressione dell'aria o delle labbra. A volte utilizzando dispositivi come trigger sulla tromba, a volte utilizzando diteggiature diverse.
#5
  0
Laurence Payne
2018-06-30 17:35:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il suonatore di oboe controlla con un diapason (o forse, oggigiorno, un dispositivo elettronico). Il resto dell'orchestra si confronta con l'oboe - ma è solo un controllo, hanno già accordato con i loro vari metodi.

Perché oboe? È un suono buono e chiaro. Ma l'oboe non è il riferimento principale, lo è il suo diapason. A nessuno strumento a fiato piace essere "buttato fuori" dovendo suonare a un'altezza diversa da quella per cui è stato costruito - anche se l'ancia può essere "estratta" un po ', i fori dei toni rimangono alla stessa distanza. Quindi i fiati possono beneficiare più di altri strumenti dall'intonazione standard.

Prima dell'avvento degli accordatori elettronici, non so se tutti in un'orchestra usassero un diapason (forcone come lo chiamava uno dei miei studenti), forse il diapason comune. E mentre le corde sono felici con la A, le corna potrebbero preferire Bb?
Le bande di vento, ecc. Hanno i propri metodi. I suonatori di ottoni orchestrali affrontano la A. In qualità di trombonista orchestrale, la collegherei al Re sopra il Do centrale, una buona nota di riferimento in prima posizione sulla maggior parte degli strumenti. Ma l'adeguamento era raramente necessario. Il "posto giusto" sulla diapositiva di accordatura tendeva a non muoversi molto!
Di nuovo, con il trombone, quasi ogni nota è comprimibile!
Ogni nota è comprimibile sulla maggior parte degli strumenti. Per prova, ascolta una band di bambini. Gli STRUMENTI sono probabilmente impostati correttamente in sintonia ...
Uno dei motivi principali per cui raramente 'ascolto un gruppo di bambini' ...
Vorrei che TUTTO il mio lavoro fosse con i migliori professionisti. Ma i bisogni devono ... È interessante notare quanto una performance possa essere stonata, ma l'armonia funziona ancora. Sfida la teoria acustica della consonanza e della dissonanza.
Suppongo che se la maggioranza è diesis o bemolle, non è poi così male. Il pensionamento è altamente raccomandato!


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...