Domanda:
Il ben temperato Clavier Order di Bach
Rebecca Chernoff
2011-05-06 06:24:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho suonato alcune coppie di pezzi di questa collezione, tuttavia è stato qualche tempo fa. Ho l'ambizioso obiettivo di farmi strada attraverso l'intera collezione.

Ovviamente mi ci vorrà del tempo per lavorare su tutta la collezione (entrambi i volumi), e vorrei iniziare con il quelli più facili e mi faccio strada fino a quelli più difficili dato che ultimamente non ho suonato pezzi tecnici seri.

Ho cercato un elenco ordinato per abilità, ma non sono riuscito a trovarne uno. Capisco che ogni persona possa trovare abilità tecniche diverse più difficili di qualcun altro, ma esiste un ordinamento per abilità comunemente considerato?

+1: Ehi, anche io! Ho il preludio in do maggiore (probabilmente il più facile) e il preludio e la fuga in do minore fino ad ora ... Interessato a vedere come potrebbero essere ordinati per difficoltà!
@Rebecca: intendi studiare solo il volume 1 o anche il volume 2?
@ogerard, entrambi.
Buona fortuna con questo! Ci vuole un pianista abbastanza esperto per suonare senza intoppi ogni preludio e fuga del WTC. Alcuni sono molto più difficili di altri, di sicuro. (Il preludio in do maggiore è l'unico riproducibile per me al momento purtroppo, sebbene alcuni degli altri preludi potrebbero essere fattibili presto.)
Sono anche curioso di sapere cosa pensano le persone della difficoltà delle toccate per clavicembalo (Mi minore, Re minore, Do minore in particolare) in relazione alla difficoltà delle fughe del WTC.
@Rebecca: Ti consiglierei di lavorare su tutti loro come base minima prima di lavorare sul WTK. Ovviamente sono piuttosto brevi e non coprono tutte le tonalità, ma soprattutto per le sinfoniae coprono tre voci principali, sostituzioni del pollice, imitazioni tra le due mani, ecc. Che sono ovunque in WTK.
@ogerard, se ritieni che ciò renderebbe meno importante un ordinamento dei preludi e delle fughe, dovresti aggiungerlo come risposta piuttosto che come commento di seconda classe. (:
@Rebecca: Cercherò di darti una buona risposta a questa domanda, ma prima devo trovare i miei appunti su WTK 1 e sono ancora su carta a bassa tecnologia in una serie di cartelle. Spero di poterlo fare in pochi giorni.
@ogerard Potrei fare una domanda a parte sull'apprendimento dell'ordine delle invenzioni e della sinfonie :-)
Henle Verlag di solito elenca il livello di difficoltà: dai un'occhiata a: http://www.henleusa.com/en/detail/index.html?Title=The+Well-Tempered+Clavier+Part+I+BWV+846-869_15 http://www.henleusa.com/en/detail/index.html?Title=The+Well-Tempered+Clavier+Part+II+BWV+870-893_16
Quattro risposte:
#1
+11
user1449
2011-12-05 06:29:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Che bella domanda! Attualmente sto lavorando al secondo libro, quindi ho opinioni più specifiche al riguardo. Di quelli che ho imparato dal primo libro, ho trovato quanto segue meno complicato:

  1. Il preludio in do maggiore, ovviamente. Tuttavia, Curtis ha ragione riguardo alla difficoltà della fuga.

  2. c minore preludio e fuga sono una buona prima coppia da imparare

  3. c # minor prelude è un bel movimento di danza lirica le cui difficoltà sono dovute principalmente alla chiave complicata. La fuga d'altra parte è piuttosto complicata, anche se la parte difficile qui è per lo più suonare 5 voci contemporaneamente, non suonare figure veloci o complicate.

  4. La fuga in re maggiore è anche abbastanza semplice come vanno le fughe. Sembra più imponente sulla pagina di quanto non sia in realtà (le cifre della fanfara veloce si verificano solo in una mano alla volta, e ci sono molte cose che sono fondamentalmente accordi). Anche il preludio in re maggiore non è troppo difficile. La maggior parte delle persone lo rende difficile suonandolo troppo velocemente.

  5. La fuga in re minore è un'altra fuga abbastanza semplice, non più difficile di quella in do minore, direi. Il preludio è un allenamento per suonare l'arpeggio che può essere difficile se hai problemi di tensione alle braccia e ai polsi.

  6. Il preludio in mib minore è un sarabanda lento molto carino con per lo più accordi nella mano sinistra e nella mano destra nel ruolo di uno strumento solista. La fuga è difficile però (re # minore!).

  7. Il preludio di mi maggiore non è troppo difficile e molto carino - un altro pezzo simile a una danza

  8. La fuga in mi minore è solo in due parti, il che ovviamente lo rende un po 'più semplice da imparare. La prima metà del preludio in mi minore non è male, ma diventa più dura nella seconda parte contrassegnata da "presto"!

  9. Infine, il preludio e la fuga in fa maggiore è un altro bel coppia per iniziare - all'incirca allo stesso livello di do minore e re minore.

Ecco i pezzi che ho trovato più facili nel secondo libro, finora:

  1. La fuga in do maggiore è abbastanza semplice. Il preludio non è molto difficile, ma sostenere le note lunghe e far scorrere il tutto può essere complicato.

  2. Il preludio in do minore è più o meno un'invenzione in due parti. La fuga è per quattro parti, ma solo in tre per lunghi tratti: forse una buona prima fuga a quattro voci da imparare?

  3. Il preludio in re maggiore ha molte ripetizioni schemi di scale e arpeggi che facilitano un po 'l'apprendimento e il carattere simile a una fanfara rende più facile entrare rispetto ad alcuni dei pezzi più astratti. La fuga non è male per una fuga in quattro parti, ma richiede un buon legato al pianoforte per mantenere le voci collegate.

  4. d preludio minore è un'altra invenzione, e il la fuga in tre parti è semplice, sebbene ritmicamente e armonicamente peculiare (molte scale cromatiche discendenti)

  5. La fuga in mi maggiore e in Mi bemolle non sono troppo complicate per fughe in quattro parti. I loro preludi sono moderatamente difficili, direi.

  6. La fuga in fa maggiore è veloce ma non molto complicata, se hai suonato qualcosa come un Gigue da una suite francese.

  7. Il preludio in fa minore è semplice e bello; la fuga in fa minore (3 voci) non è male a parte la chiave complicata. Direi lo stesso per il preludio in fa # minore.

  8. La fuga in sol maggiore è veloce e divertente, per lo più arpeggi. Il preludio è simile. Come il re minore preludio del libro uno, possono essere stancanti se hai problemi a suonare arpeggi e simili tecniche di rotazione del polso in modo rilassato (o se presi troppo velocemente; ->)

  9. ol >

    Wow, è molto di più di quanto intendessi scrivere. Spero sia utile a qualcuno! Non sono andato molto oltre la metà di entrambi i libri, quindi potrebbero esserci altri pezzi meno difficili che ho trascurato. Ma penso che questi siano punti di partenza ragionevoli.

#2
+8
ert
2011-05-06 15:54:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Wow, sei davvero motivato :)

In generale si può dire che il libro 2 è più difficile del primo. Trovare un ordine esatto di difficoltà sarebbe altamente soggettivo.

Suggerirei di iniziare prima con le fughe con il minor numero di voci simultanee, il che rende la vita molto più facile. In questo modo non sarai sopraffatto dalla complessità (è il modo in cui il mio insegnante l'ha gestita).

L'abilità tecnica aumenterà automaticamente se ti eserciti lentamente e con pazienza e non affretti i pezzi.

Si può imparare la totalità di entrambi i libri di Clavicembalo ben temperato in un anno, stimerei, ma ci vorrebbe una vita per padroneggiarli. A meno che tu non sia Angela Hewitt o Glenn Gould, consiglierei di masterizzare solo alcuni Preludi e Fughe selezionati piuttosto che essere "a posto" in tutti loro.
#3
+3
Ken
2011-12-04 06:07:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non so quanti anni abbia questo argomento, ma in generale, MOLTO in generale, i preludi sono più facili delle fughe, i tasti più facili sono quelli con meno diesis e bemolli, C, D, F, G. ecc. Le fughe a due voci sono più facili delle fughe a tre e quattro voci, e per quanto riguarda il tempo, anche se può essere allettante, e tutti lo fanno, non suonare a tempo finché non puoi suonarlo perfettamente con entrambe le mani lentamente . Perché dovrai solo "far rispettare" gli errori. Per fortuna, la musica di Bach suona altrettanto bene lenta o veloce.

#4
+2
Curtis Stotlar
2011-06-16 02:19:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho suonato il primo libro e ho imparato forse metà del secondo ma una cosa è certa: la prima fuga in do maggiore non è affatto facile. Il fatto che qualcosa sia in do maggiore senza bemolle o diesis non significa che sia facile da eseguire. Il primo studio di Chopin o la Toccata di Schumann sono in do maggiore e sono notoriamente difficili. Per iniziare, potrei suggerire C Minor, D Major, D Minor e Bb Major come buoni punti di partenza. Ab Major funziona bene come C Minor del secondo libro. Buona fortuna per il tuo progetto!



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...