Domanda:
Qual è la logica delle tastiere elettroniche che hanno le voci che fanno?
JohnnyApplesauce
2020-06-01 03:41:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Inizia inevitabilmente con una voce di piano, poi con voci di piano elettrico. Percussioni, chitarre, archi e così via con intonazione cromatica, che terminano con la batteria. Anche la più limitata delle tastiere ha questo layout in una forma molto ridotta. Sono consapevole che questo ha a che fare con lo standard MIDI, ma

  • ho l'impressione che il MIDI sia un protocollo di comunicazione per dispositivi, non necessariamente ha a che fare con i suoni che fanno quei dispositivi

  • Non capisco perché devono essere quelle voci: perché ci sono sempre vibrazioni? Un basso schiaffo? Un pad sintetizzatore? Un organo ad ancia?

Si sa perché queste voci sono arrivate allo standard e perché un comitato per il protocollo di comunicazione era responsabile della loro selezione?

Avere un set di suoni standard definito è molto utile per comunicare cose come il "suono di pianoforte", non credi? :) Puoi confrontare General MIDI con il livello più alto del modello OSI o qualcosa del genere. Si tratta davvero di comunicazione, ma cavalcare cose di livello inferiore.
@piiperiReinstateMonica: un'altra utile analogia per General MIDI è il set di caratteri ASCII. È un elenco standardizzato di caratteri comuni, che include solo una piccola parte di tutti i caratteri esistenti; alcune delle selezioni sono ovvie, ma altre piuttosto più sorprendenti, e il tutto è (inevitabilmente) abbastanza arbitrario e legato allo specifico background culturale delle persone che lo hanno fissato.
Tre risposte:
#1
+24
Laurence Payne
2020-06-01 03:58:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, il MIDI è principalmente un protocollo di comunicazione. Ma include anche le specifiche per il set di suoni General MIDI. 128 suoni. Eccoli qui, con i loro numeri di cambio programma.

https://en.wikipedia.org/wiki/General_MIDI#Piano

Non lo era TUTTO molto tempo fa quei file audio erano ingestibilmente grandi per l'invio su Internet. Quindi molta musica è stata distribuita come file MIDI. Il General MIDI assicurava che qualcosa di simile ai suoni desiderati sarebbe uscito qualunque fosse il dispositivo che li stava riproducendo.

C'erano altri vantaggi oltre alla dimensione del file. I cambi di tempo e le trasposizioni erano facilmente eseguibili senza gli orribili effetti collaterali dell'audio che cambiava il tono. Le tracce possono essere facilmente modificate e modificate.

L'elenco degli strumenti General MIDI sopravvive oggi principalmente nel tipo di strumento "tastiera domestica", probabilmente per facilitare le funzioni di accompagnamento automatico.

Bene, quando si specificava General Midi Internet non esisteva davvero, i formati audio compressi non esistevano affatto e avresti avuto bisogno di un supercomputer per decomprimerlo in tempo reale, e gli hard disk, per non parlare dei floppy, erano troppo piccoli per qualsiasi tipo di file audio oltre a brevi campioni a bassa risoluzione.
@ojs General MIDI elenca solo i suoni e non specifica se sono sintetizzati o campionati (o anche un vero strumento come un organo). Nei primi giorni quasi tutti sarebbero stati sintetizzati (per lo più davvero male).
@PiedPiper molto vero. Non ho affermato che tutti i sintetizzatori usassero campioni, ma stavo solo rispondendo all'idea che General Midi sarebbe stato un file audio alternativo. I file audio non erano solo ingestibili in quel momento, ma chiaramente irrealizzabili. Ho menzionato i brevi campioni a bassa risoluzione come massimo assoluto di audio campionato che i computer erano in grado di gestire.
@ojs Per fare il punto: General MIDI è stato pubblicato nel 1991, quando Internet esisteva da oltre 20 anni e ampiamente utilizzato per un decennio; persino il WWW esisteva da un paio d'anni. Quell'anno fu redatto il formato MP3 e furono inventati i lettori audio digitali. - Tuttavia, il tuo punto principale è ancora valido: il WWW non è decollato fino a un paio di anni dopo e l'hardware comunemente disponibile non era all'altezza di gestire audio compresso di qualsiasi qualità. Il primo lettore MP3 è stato rilasciato nel 1997. Ricordo di aver registrato l'audio (non compresso) su un'unità Jaz alla fine degli anni '90.
Punto preso. Ho pensato che fosse più vecchio, poiché sicuramente c'erano tastiere più vecchie con set di suoni simili.
@ojs, MIDI era più vecchio. Ma MIDI e GM non sono la stessa cosa. Il MIDI era uno standard _elettrico_ — Originariamente pensato per consentire a un musicista di suonare in remoto uno o più strumenti digitali da una tastiera centrale. GM era un _fileform_ che aveva lo stesso scopo dei rotoli di pianoforte per musicisti del XIX secolo: era un mezzo per distribuire performance preregistrate.
Hai qualche fonte per questo? Tutto quello che ho trovato indica che GM è la specifica per i numeri di programma, un insieme di parametri di controllo e il canale speciale 10. Non sono riuscito a trovare nulla nella cronologia del formato di file SMF, però.
Il General MIDI sopravvive anche sui moduli sonori MIDI. In genere sono di bassa qualità rispetto agli altri suoni disponibili, ma li troverai comunque lì perché fanno parte dello standard. Un produttore può aggiungere qualsiasi suono desideri con altri banchi, ma deve comunque supportare i suoni GM di base per poter dire che il suo modulo è un modulo General MIDI.
@gidds Non sono sicuro di quello che stai ricordando, ma Internet non era assolutamente "ampiamente utilizzato" nel 1991. Nemmeno la metà della popolazione adulta degli Stati Uniti era utenti attivi di computer in quel momento e meno dell'1% delle persone aveva accesso a la rete. Non è stato fino alla metà degli anni '90 che l'uso di Internet ha iniziato davvero a prendere piede, ed è stato facilmente verso la fine degli anni '90 prima che qualcuno potesse dire che Internet era "ampiamente" utilizzato.
@J ... Tutto è relativo, ovviamente. Nel 1991 Internet era utilizzato dal personale e dagli studenti nella maggior parte delle università e delle aziende tecnologiche in tutto il mondo, e c'erano alcuni ISP dial-up: e-mail e Usenet erano popolari, e c'erano telnet e FTP. (Anche se il settembre che non è mai finito nel 1993 è stato probabilmente il più grande punto di svolta.) Usato dalla maggioranza delle persone? No certo che no. Più vicino [0,5%] (https://ourworldindata.org/internet). Ma sono ancora decine di milioni di persone, il che mi sembra abbastanza ampio. (Certamente troppo ampio per dire che "Internet non esisteva davvero.")
@gidds Era estremamente di nicchia. La maggior parte delle persone a parte la ricerca e forse la scienza informatica, anche tra gli studenti universitari, non avrebbe utilizzato Internet nel 1991. Scommetto che la maggior parte delle persone all'università allora non * conosceva * nessuno che potesse essere classificato come un utente di Internet. Il punto originale di ojs era effettivamente che il MIDI è stato sviluppato indipendentemente da Internet, senza quel caso d'uso in mente, e penso che sia un punto molto difendibile. Il MIDI era comodo da usare su Internet, ma quando si sono seduti a progettare le specifiche ho scommesso fortemente che non era una considerazione importante.
@gidds Voglio dire, considera che non è stato nemmeno intorno al 1995 che i computer abbastanza veloci da decodificare anche un singolo file MP3 abbastanza velocemente da riprodurlo in tempo reale sono diventati disponibili, per non parlare di comune. Al di fuori dello studio, il MIDI era guidato quasi interamente dal mercato delle schede audio dei computer poiché, con l'hardware appropriato, era un formato abbastanza leggero e veloce per i computer dell'epoca da utilizzare effettivamente per riprodurre qualche tipo di musica. La riproduzione di musica su Internet non era quasi sul radar di nessuno.
@J ... "La riproduzione di musica su Internet non era quasi sul radar di nessuno". Su questo, almeno, possiamo essere d'accordo :-) (Non sono sicuro di cosa considereresti "fuori dallo studio", però. Stavo usando il MIDI nella mia stanza del college nel 1991, per controllare i moduli sonori da un Atari ST - usando , IIRC, alcuni software che avevo scaricato da Internet ...)
@gidds Immagino che la camera da letto si chiamerebbe "home studio". Scaricare un po 'di software per Atari ST da Internet nel 1991 sembra strano anche se non impossibile, BBS sarebbe molto più plausibile. E AFAIK, suonare dal vivo con il setup con master keyboard e moduli MIDI non era del tutto inaudito.
@gidds "Fuori dallo studio" significa persone che usano il MIDI per * consumare * musica invece che * crearla *.
#2
+14
Kieran Jack Commanda
2020-06-01 11:53:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, è corretto affermare che esiste uno standard MIDI correlato alla tua domanda, ma ciò di cui stai parlando è anteriore al MIDI e ha più a che fare con la storia degli strumenti a tastiera basati su campioni. La specifica MIDI 1.0 è stata pubblicata nel 1985, ma non includeva voci di strumenti specifici come quelle di cui parli ed era solo un protocollo di comunicazione astratto. L'elenco degli strumenti è stato introdotto con General Midi nel 1991. ( Wikipedia)

L'elenco degli strumenti generali MIDI probabilmente ha semplicemente immortalato un elenco arbitrario di suoni disponibili sulle tastiere popolari esistenti. Questo articolo su Casio SA-1, una tastiera del 1989, mostra l'elenco dei 100 suoni preimpostati disponibili su quella tastiera, che hanno una considerevole sovrapposizione con l'elenco degli strumenti MIDI. La decisione di scegliere 100 suoni funziona bene con un'interfaccia di selezione a due cifre che è ancora utilizzata fino ad oggi, ed è abbastanza vicina all'elenco MIDI di 128 strumenti che rientrano in un numero intero di un byte. Vediamo una possibile inclinazione verso strumenti tradizionali giapponesi, come tamburi shamisen, koto e taiko, che sarebbero stati familiari a Casio come azienda giapponese, nonché ai creatori per lo più americani e giapponesi degli standard MIDI.

Possiamo tornare ancora più indietro e vedere i suoni riportati dalla tastiera del campionatore digitale originale, Fairlight CMI del 1979, che includeva un mix simile di strumenti orchestrali e popolari, alcuni effetti sonori come la rottura di vetri e il "colpo dell'orchestra "suono che ha avuto origine.

C'è sicuramente molto di più che potrebbe essere scritto, ma questo è quanto mi spingerò a fare ricerche su questo. È sicuramente una domanda storica interessante.

#3
+3
Jörg W Mittag
2020-06-02 12:06:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto solo rispondendo a una parte della tua domanda:

Ho l'impressione che il MIDI sia un protocollo di comunicazione per dispositivi, che non ha necessariamente a che fare con i suoni prodotti da questi dispositivi

È corretto. Una specie di. Il MIDI nella sua forma originale è fondamentalmente un protocollo che ti permette di dire, in modo astratto e indipendente dal dispositivo: "Per favore, suona la nota 43 con velocità 76". Ti permette anche di dire, in un modo che sarebbe compreso da ogni strumento: "Per favore, suona quanto segue con lo strumento 56".

Ma: cos'è lo strumento 56? Ed è qui che entra in gioco l'Elenco strumenti dello standard General MIDI: specifica che un certo set di voci strumentali è disponibile a un certo set di numeri di strumenti.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...