Domanda:
Come memorizzare più pezzi in soli 20 giorni?
Beasley Smith
2019-07-10 02:49:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Proprio di recente ho iniziato a imparare la tuba. Per una band in cui faccio parte, devo memorizzare 5 pezzi. Ogni pezzo ha una lunghezza di circa 1/2 a 1 pagina intera. Tuttavia, ho solo 20 giorni per memorizzarli tutti e 5. Dato che non ho mai dovuto memorizzare musica prima, come mi suggerisci di farlo? Dovrei concentrarmi su un pezzo finché non lo decido e poi passare a quello successivo, o rimbalzare tra le canzoni ogni giorno?

Grazie!

Una tecnica che può aiutare è cercare strutture nella musica. Non solo imparare le note, sii consapevole di quali scale vengono utilizzate, le armonie, le sequenze, i modelli, le sezioni ripetute. Puoi fare molto di questo lavoro nei momenti in cui non puoi suonare, semplicemente guardando la musica.
Sei risposte:
#1
+18
Todd Wilcox
2019-07-10 05:08:55 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho dovuto memorizzare diversi brani in breve tempo prima e ho provato cose diverse.

Sicuramente non aspettare di iniziare il secondo uno fino a quando non hai finito il primo. Se lo fai, devi memorizzare ogni pezzo in soli quattro giorni. Se lavori su tutti i brani ogni giorno, hai 20 giorni per ogni pezzo.

Inizia suonandoli tutti almeno una volta al giorno. Se puoi avere due sessioni di pratica separate al giorno in cui giochi tutte e cinque in ciascuna sessione, è meglio. Quindi, se vuoi davvero farlo il prima possibile, alzati prima e gioca tutti e cinque per prima cosa al mattino, due volte se hai tempo, poi gioca anche tutti e cinque una o due volte prima di andare a letto.

Dopo alcuni giorni, dovresti iniziare a memorizzare parti di ogni pezzo e anche altre parti che non si attaccano. Continua a suonare ogni pezzo fino in fondo, quindi torna indietro e ripeti le parti che non si attaccano ancora un paio di volte.

Prendi appunti a matita sulle pagine su cose che continui a dimenticare o su quel viaggio alzati. Scrivi effettivamente quelle note: il processo di scrittura ti aiuta a ricordare perché deve essere elaborato dal tuo cervello in modo diverso.

Se devi suonare al 100% senza gli spartiti dopo 20 giorni, almeno cinque giorni prima o non appena pensi di poterlo fare, inizia a suonare tutti e cinque senza la musica. Quando rimani bloccato, guarda la musica, quindi chiudila di nuovo e suona ciò su cui sei rimasto bloccato. Se hai tempo, torna indietro una seconda volta e cerca di superare la parte che ti sei dimenticato.

Assolutamente da non perdere un giorno di pratica e suona assolutamente ogni pezzo almeno una volta al giorno. Se non puoi esercitarti mattina e sera tutti i giorni, va bene, assicurati solo di fare almeno una prova di tutto ogni giorno.

Bella risposta. Voglio solo aggiungere che non basta avere il foglio davanti e non guardarlo. Devi girarlo o mettere via il lenzuolo in modo da dover muovere più dei tuoi occhi. Dopo averlo guardato rimettilo via. Tutto il resto ti darà la falsa sensazione di conoscere il foglio.
I poveri vicini, con la tuba si esercitano per prima cosa al mattino!
#2
+10
Ivan Ferrer Villa
2019-07-10 03:55:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono anche quasi un principiante sax tenore, un cantante di coro amatoriale e un nuovo arrivato in questo forum.
Penso che un buon modo per memorizzare le canzoni sia (esportarle e) suonarle con un'app mobile poi ascoltali tutto il giorno cercando di cantare sopra. In questo modo puoi personalizzare le tue canzoni.
Ci sono alcune buone app mobili che ti consentono di importare file MusicXml standard (che puoi esportare / convertire da programmi desktop). Personalmente uso PhonicScore di Android per le canzoni del coro (nessuna pubblicità, non ho niente con loro). Oppure usa il lettore MuseScore.

Quando canti ogni canzone è facile per te trovare le parti che canti in modo sbagliato o quelle in cui hai dei dubbi. Da quel punto puoi leggere lo spartito o ascoltare quella misura nell'app. NON corrompere la canzone nella tua mente, ascolta sempre quella vera quando affronti il ​​minimo dubbio!
Di solito, le parti meno intuitive di una canzone sono proprio quelle che la rendono speciale. Ma sono anche le parti che si usano per reinventare BAD. Le strane note su cui avrai dei dubbi quando canti o suoni, sicuramente saranno le più rilevanti nella canzone.

In questo modo, cantando le canzoni tutto il giorno, la prossima volta che le suonerai sul tuo strumento avrai già metà del lavoro già fatto: conosci la canzone! Conosci il suo ritmo, sai dove sono le parti più difficili, ecc. Puoi liberare la mente per concentrarsi quasi esclusivamente sulla diteggiatura.
Suonare la tuba il ritmo è molto importante, (imho) potresti perdere una nota ma mai il battito o cadenza! : D

Immagina quanto sarà facile per te (imparare a) suonare una canzone che conosci bene, dì "Tanti auguri a te" :)

cantare non ti aiuterà a conoscere le diteggiature
Sono d'accordo, ma se hai in mente la canzone sarai in grado di concentrarti esclusivamente sulla diteggiatura quando proverai a suonarla. Per me funziona. Non posso esercitarmi con lo strumento tutto il giorno, ma posso far progredire la mia conoscenza della canzone cantandola ovunque.
Molta musica non è cantabile
Forse. Potrebbe essere utile diminuire i BPM
Anche sassofonista tenore. Ricordare ed essere in grado di cantare il tema della Pantera Rosa non mi ha aiutato a riprodurlo a memoria :) Penso che la tua strategia funzioni solo per brani più semplici.
almeno per il jazz penso che l'obiettivo sia suonare quello che canti nella tua mente. Le dita dovrebbero saltare gli intervalli e trovare le note giuste senza che tu debba pensarci. Suono ad orecchio, quindi sapere prima come cantare una canzone mi aiuta davvero a suonarla. ;)
#3
+2
corsiKa
2019-07-11 04:37:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se hai poco tempo per esercitarti, dovresti concentrarti su come la tua pratica può renderti più utile per la band. Se ci sono parti in cui sei prominente (non ci possono essere assoli di tuba, ma ci sono un sacco di volte in cui calpesti il ​​basso con un grande vecchio "bum bum bum bum".) Assicurati di avere questi bassi.

Identifica gli schemi nella musica che lo rendono più facile. Se è di livello principiante o di banda musicale, molto spesso avrai semplici ritmi in stile hi-low-hi-low che puoi memorizzare piuttosto facilmente.

E, cosa più importante, non preoccuparti . Saresti stupito di quanto possa essere bravo il tuo cervello a ricordare una volta che inizi a suonare, anche senza la musica. Assicurati di provarlo senza la musica almeno un paio di volte prima del tuo grande spettacolo e dovresti stare bene.

"concentrati su come la tua pratica può renderti più utile per la band." Il miglior consiglio nell'intero thread, IMO.
#4
+1
leftaroundabout
2019-07-10 03:26:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sicuramente rimbalza tra i brani. La memorizzazione affidabile funziona ... un po 'come dipingere: metti uno strato, lascialo affondare / asciugare, ripeti. Se provi a sbavare su tutta la vernice in una volta in un punto, verrà spalmato in modo irregolare. Finirai per mescolare quel pezzo con gli altri. Mentre se ti eserciti dall'inizio a passare da una canzone all'altra, memorizzerai correttamente ciò che è diverso in ciascuna di esse.

(Per cose tecnicamente difficili , può essere una storia diversa, ma qui non sembra essere questo il problema.)

#5
+1
Pyromonk
2019-07-10 03:44:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa è una domanda molto ampia e potrei non essere la persona migliore per rispondere, poiché non memorizzo mai deliberatamente alcun pezzo e porto sempre i fogli con me (così fa il mio insegnante).

dipende da come funziona la tua memoria. La maggior parte delle persone è fortemente visiva e trova più facile memorizzare come appaiono le note sulla carta come immagine invece di ricordare come suonano o quali progressioni seguono. Se sei una di quelle persone, cerca di memorizzare ciò che vedi sulla carta. Per me personalmente quel metodo non funzionerebbe. Sono uditivo / cinestetico quando si tratta di memoria. La maggior parte delle fonti online afferma che non esiste la memoria muscolare, ma conosco la differenza e mi attengo agli strumenti con tasti e tasti, perché la sensazione di toccare lo strumento influisce sul modo in cui posso suonarlo. Quindi dovresti prima identificare quale tecnica di memorizzazione funziona meglio per te.

Il resto dipende dalla ripetizione e dall'atomizzazione. Dovresti studiare i brani, identificare le tecniche usate dal compositore (e perché lo ha fatto), trovare sezioni ripetute e cercare di richiamare a memoria ogni sezione identificata dopo averla suonata una volta. Funziona anche per esercitarsi con la musica, non solo per memorizzarla: suddividerla in parti logiche facilita l'apprendimento.

Suonare tutti i pezzi insieme (nell'ordine in cui li suonerai con l'orchestra) sembra molto utile pure. Trovo più facile ricordare le scale se le suono nella successione in cui le ho imparate, per esempio. Lo so, perché fondamentalmente ho dovuto impararli da zero dopo aver iniziato a suonarli cromaticamente invece di seguire il cerchio delle quinte.

Ultimo ma non meno importante, è importante che tu dorma bene, riposi e fai non "esercitare eccessivamente". Secondo la ricerca moderna, non c'è alcun vantaggio nell'esercitarsi per più di 25 minuti consecutivi: è solo una perdita di tempo che può danneggiare anche te fisicamente.

Faccio fatica a credere a quella cifra di 25 minuti. So dalla mia vita che posso imparare più velocemente facendo sessioni di pratica più lunghe. Tom Morello ha praticato 8 ore ogni giorno quando era al college e ha detto che in un anno è passato dall'essere un principiante all'essere migliore di tutti i suoi amici. Ho avuto studenti che suonano i loro strumenti per ore ogni giorno e progrediscono molto più velocemente degli altri miei studenti.
@ToddWilcox, quella cifra viene dal mio insegnante, non ho letto alcuna ricerca per supportarla. Quello che so è che nel mio primo anno di sassofono sono passato dall'essere un principiante all'essere migliore dei diplomati delle scuole superiori facendo solo 2 sessioni di 25 minuti al giorno. Forse dipende dalla persona in questione.
Mi chiedo se un * musicista * che non ricorda come suonano le cose abbia davvero scelto l'hobby giusto!
@ToddWilcox Se vuoi essere davvero bravo non c'è niente di sbagliato nel praticare 8 ore al giorno. Ma la ricerca mostra che puoi imparare ancora di più in quelle 8 ore se fai una pausa di 5 minuti ogni mezz'ora.
@PiedPiper, è quello a cui mi riferivo. Potresti modificare il mio post per riflettere questa idea? Con tempi di pratica più lunghi, sorgono molte preoccupazioni però ... Anche con il mio piccolo investimento di tempo, ho ancora un mignolo sinistro insensibile 6 mesi dopo aver iniziato a giocare. Per fortuna, il problema non è stato presente da anni, ma ho dovuto visitare regolarmente un chiropratico quando era ancora lì.
@ToddWilcox Mi chiedo se non sia tanto lunga una sessione di pratica, ma invece quanto a lungo si pratica una cosa. Per me, un'ora di pratica sulla stessa scala è 40 minuti di tempo perso. Ma 20 minuti di lavoro su una scala seguiti da 20 minuti di esercitazione su un pezzo seguiti da 20 minuti di esercitazione sugli accordi (ad esempio) funzionano alla grande. Ma le persone non sono tutte uguali; ci sono probabilmente alcuni che possono concentrarsi e migliorare quando trascorrono ore sulla stessa cosa.
@topomorto, Suppongo che ti stia rivolgendo a me, ma non sono sicuro di doverti onorare con una risposta. La musica non è mai stata un "hobby" per me. E se leggi la mia risposta, vedrai che accenno alla memoria uditiva e cinestetica. Memorizzo facilmente il suono e le progressioni delle dita per un brano (anche perché ho familiarità con le tecniche compositive per una varietà di generi e conosco le mie scale a memoria), ma non sarei mai in grado di richiamare un foglio di appunti (le immagini) dalla memoria come fanno alcuni miei colleghi musicisti, perché non ho una memoria _fotografica_.
Hai detto "La maggior parte delle persone è fortemente visiva". Mi chiedo solo che sarebbe necessariamente vero per i musicisti. Mi aspetto che i musicisti abbiano una memoria migliore per i suoni rispetto alla popolazione generale.
@topomorto, oh, scusa, l'ho presa completamente nel modo sbagliato. Mi scuso. Molti musicisti, soprattutto quelli di successo, fanno molto affidamento sulla memoria e sui riflessi fotografici. Poi c'è un gruppo abbastanza numeroso che "suona a orecchio" ma non sa nemmeno leggere gli spartiti. Sono rimasto sorpreso anche io, più sono entrato nel mondo musicale. Non "ascoltare" la musica a volte è utile nell'ambiente di una band, perché non ti distraggono dai suoni che le altre persone fanno così tanto. Personalmente mi ci è voluto molto tempo per abituarmi ad avere altri che suonavano con me, e di tanto in tanto mi scoraggia ancora.
Punto interessante che * non * pensare al suono potrebbe aiutare ... non l'avevo considerato!
#6
+1
Mike Ellis
2019-07-12 01:57:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un'altra cosa: ottenere un ritmo solido come una roccia è la tua priorità assoluta. Quando gli viene chiesto, ogni musicista esperto che conosco dirà qualcosa del tipo "Preferisco di gran lunga suonare una nota sbagliata al momento giusto che suonare la nota giusta al momento sbagliato".

È particolarmente vero per gli strumenti bassi .



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...