Domanda:
Differenza tra chiavi e scale?
radiantshaw
2015-10-29 23:32:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono un suonatore di Tabla (uno strumento a percussione dell'India settentrionale) e sto cercando di imparare la teoria musicale occidentale. Il mio studio andava bene finché non sono incappato in chiavi e bilance. Ora però so cosa sono le scale. Sono solo un mucchio di note che il compositore ha deciso di usare nella sua musica. Ma il problema è che a volte la parola "scale" è usata in modo intercambiabile con "chiavi". Quindi ho cercato le chiavi e non ho trovato molto su di esse, tranne lo stesso fatto che le persone a volte usano "chiavi" invece di "scale". Anche se so cosa sono le "firme chiave". Inoltre ho sentito parlare di "suonare scale diverse ma rimanere nella stessa tonalità". Quindi da quella frase e da altre ricerche sono abbastanza sicuro che le chiavi e le scale siano diverse. Ma in cosa differiscono? La chiave significa la firma della chiave? O le firme delle chiavi fanno parte della chiave? E qual è la differenza tra chiavi e scale?

Recentemente ho imparato a conoscere le modalità sperando che avrebbe chiarito il mio dubbio, ma non è stato così. Voglio una risposta che abbia una base perfetta in modo da poter approfondire lo studio della teoria musicale senza mai più dubitare di chiavi e scale.

Quattro risposte:
#1
+14
Todd Wilcox
2015-10-30 00:37:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

[Una scala è] solo un mucchio di note che il compositore ha deciso di usare nella sua musica.

Questo è corretto, o almeno è un modo valido di guardare esso. Nella musica occidentale, la tonalità scelta per un brano implica sia una scala che un centro tonale, ma le scale alternative possono essere usate senza cambiare tonalità e, in alcuni modi e in alcune forme di musica, il centro tonale può cambia anche senza che sia considerato un cambio di chiave.

Se qualcuno ti dice che un brano è nella tonalità di La minore, puoi presumere che utilizzerai la scala La minore almeno per l'inizio , fine e una buona parte del pezzo. Non sarà sempre così, ma è la migliore ipotesi. Potrebbe esserci un uso della scala La minore armonica e / o della scala La minore naturale nella musica occidentale senza cambiare la tonalità del pezzo, che può essere ancora in La minore.

Per essere chiari, in Nella musica occidentale non è raro utilizzare più scale in un singolo brano, anche se quel brano rimane nella stessa tonalità per tutto il tempo. Nella musica classica occidentale, è molto comune che un brano abbia più di una tonalità, con una o più scale utilizzate in ciascuna tonalità. In generale, il numero di scale utilizzate in un brano è uguale o superiore al numero di chiavi utilizzate.

Quindi, ogni chiave viene fornita con una scala ad essa collegata, con altre scale che lo accompagnano la chiave è opzionale.

Una modalità è un tipo speciale di scala. Puoi pensare a una modalità semplicemente come a una scala e usiamo semplicemente la parola "modalità" per alcune scale e "scala" per altre. In modo confuso, alcuni modelli di note hanno due nomi diversi, un nome "scala" e un nome "modalità". Mentre lavori per capire scale e chiavi, è giusto considerare "modalità" come un'altra parola per "scala". Man mano che capisci di più, vedrai perché c'è una parola separata per questo, ma all'inizio considerali come la stessa cosa.

#2
+8
Rockin Cowboy
2015-10-30 01:19:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La determinazione che chiavi e scale non sono la stessa cosa è corretto. Non sono la stessa cosa ma in generale la maggior parte delle scale si basa su una chiave particolare. Vorrei provare a spiegare le chiavi e le scale in termini semplici senza entrare in una grande quantità di teoria musicale.

I tasti determinano il gruppo di note che il compositore deve scegliere quando compone la musica. Nella musica occidentale ci sono dodici note che esistono tra le ottave. Sono A (A # / Bb) B C (C # / Db) D (D # / Eb) E F (F # / Gb) G (G # / Ab) . Le lettere tra parentesi sono la stessa nota nell'applicazione pratica perché vengono suonate dallo stesso tasto al pianoforte o dalla stessa combinazione corda / tasto sulla chitarra e nello stesso posto su tutti gli strumenti che hanno un sistema di accordatura fisso. Quindi ci sono tasti del piano che suonerebbero una nota che sarebbe indicata come A diesis (A #) o B flat (Bb), a seconda della tonalità in cui ti trovi.

note, ne esistono solo sette in ogni chiave. Una tonalità può essere maggiore o minore. La tonalità indica quali note sul pentagramma musicale devono essere considerate (e suonate) diesis o bemolle. La tonalità di Do maggiore non ha diesis o bemolle, quindi la tonalità non mostra diesis o bemolle. Le sette note nella tonalità di Do maggiore sono C D E F G A e B .

Una scala è una serie ascendente di note (ciascuna più alta della nota precedente) che si estendono su un'ottava. Le scale sono generalmente basate su una tonalità. Quindi la scala di do maggiore sarebbe composta dalle note C D E F G LA e B . Quindi, per suonare una scala di Do maggiore su uno strumento, dovresti iniziare su C e suonare CDEFGA e B e terminare la scala suonando Do un'ottava più alta .

I seguenti tipi di scale contengono 7 note ciascuna: maggiore, minore naturale, minore armonica e minore melodica. Il pattern degli intervalli tra le note (intero o mezzo passo / semitono) è ciò che determina la scala del tipo. Queste scale a sette note sono chiamate scale diatoniche.

In una scala diatonica maggiore (7 note) lo schema degli intervalli è intero intero metà intero intero intero metà. L'intero è due semitoni e metà è uno.

Quindi c'è un passo completo (intero) tra le prime due note di una scala diatonica maggiore e un passo completo tra la 2a e la 3a nota ma solo un mezzo passo tra la 3a e la 4a nota. In una scala minore naturale gli intervalli sono interi metà interi metà interi interi.

Le scale possono anche essere costituite da 5 note. Le scale a 5 note sono conosciute come scale pentatoniche e si estendono anche su un'ottava. Ma per estendere un'ottava con solo 5 note, sono necessari passaggi più grandi o spazi tra le note. Proprio come con le scale diatoniche, ci sono diversi tipi di scale pentatoniche (cioè maggiore e minore) e ancora una volta lo schema degli intervalli tra le note è determinato dalla scala del tipo (o potresti dire che il modello è ciò che determina il tipo di scala).

Altre variazioni di scale possono essere inventate dal musicista per aggiungere un sapore particolare alla loro musica.

In sintesi, le scale vengono suonate in ordine crescente di note e di solito si basano su una particolare tonalità (ad eccezione della scala cromatica che è costituita da tutte le dodici note possibili suonate in ordine crescente). La tonalità determina le note disponibili tra cui scegliere per una particolare scala. In generale, le scale conterranno note derivate dalla tonalità su cui si basa. Quindi una scala diatonica maggiore conterrà le stesse note della tonalità da cui è derivata. La scala di Do maggiore mostrata sopra contiene tutte le note nella tonalità di Do maggiore, suonate in ordine crescente.

Una scala pentatonica maggiore utilizzerebbe anche note all'interno della chiave da cui deriva, ma verrebbero utilizzate solo 5 delle sette note.

Pensa a una scala come salire o salire su una scala. La chiave e il tipo di scala determinano la distanza tra i gradini della scala. Pentatonico o diatonico determinava quanti gradini sulla scala. Ogni scala ha la stessa altezza (un'ottava) ma la distanza per una scala a 5 gradini sarà diversa da quella per una scala a 7 gradini.

Spero che questo aiuti.

Se non sbaglio, il minore melodico è eptatonico, ma non diatonico.
#3
+2
amalgamate
2016-02-17 00:05:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un modo molto semplicistico di vederlo è questo:

Una scala è un insieme definito di altezze ordinate.

Una chiave è l'uso di una scala nella musica reale.

Affermare che un pezzo è nella tonalità di LA, significherebbe che di solito la maggior parte delle note del pezzo seguirà le regole tonali della scala di LA maggiore.

In indiano musica ci sono due stili di cui sono a conoscenza, Carnatic e Hindustani. Ho dimenticato quale sia, ma in uno di essi la scala è impostata in modi unici per ogni pezzo in cui una scala unica è associata a un singolo raga. Questo è un approccio diverso rispetto alla tradizione "occidentale" dove (in confronto) c'è un insieme limitato di scale predefinite che vengono utilizzate in quasi ogni pezzo.

#4
+1
argiepiano
2015-10-29 23:58:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una chiave di solito si riferisce a una raccolta di 7 note che hanno un ordine gerarchico e funzioni specifiche; per esempio, la nota più importante in qualsiasi tonalità è la "tonica", che è la nota in cui finisce la maggior parte dei brani e dà all'ascoltatore la sensazione di riposo. Altre note importanti in qualsiasi tonalità sono la dominante e la sottodominante. I tasti hanno anche una struttura armonica implicita: consentono di costruire accordi (fondamentalmente 2, 3 o più note, suonate insieme). Gli accordi sono anche chiamati "tonici" o "dominanti" ecc. A seconda della nota "fondamentale" utilizzata per costruire l'accordo; così hai l'accordo tonico e l'accordo dominante, che sono i più importanti di qualsiasi tonalità.

Un altro concetto importante è "modalità", che modifica efficacemente alcune delle note nella tonalità alzandole o abbassandole. Ad esempio, una tonalità di Do maggiore contiene note CDEFGAB, mentre una tonalità di Do minore CDEbFGAbBb

Una scala è fondamentalmente un ordine di note per passi, che iniziano e finiscono con la tonica, andando su o giù. Pertanto, nella tonalità di Sol maggiore (che contiene un Fa #), la scala Sol maggiore è GABCDEF # G.

Le scale sono solitamente esercizi tecnici destinati ad essere suonati o cantati. Una chiave è più un concetto astratto (è la "materia prima" per scrivere una melodia o per costruire una scala).

Puoi suonare scale diverse con la stessa tonalità. Ma questa è una domanda diversa a cui sarebbe troppo lungo rispondere qui.

Quindi cosa succede se voglio fare la mia musica? Come userei entrambe le cose?
I compositori di solito scelgono una chiave per scrivere una canzone e usano gli accordi comunemente presenti in quella chiave. Le scale sono più un esercizio tecnico: vengono utilizzate per sviluppare precisione e fluidità quando si suona uno strumento o si canta. Poiché le scale sono fondamentalmente un arrangiamento di tutte le note di una tonalità, suonare le scale anche "educa" l'orecchio dello studente ad ascoltare e riconoscere la tonalità e ad improvvisare melodie usando le note corrette della tonalità.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...