Domanda:
Quando è una nota si5 e quando # 11?
Shevliaskovic
2014-08-05 00:36:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

(su un esercizio di Jazzology) Devo identificare questo accordo:

Quello che pensavo fosse: G7 b5 b9 b13 .

Ma quando ho esaminato la soluzione, era SOL7 b9 # 11 b13 .

Ho detto che l'accordo aveva b5 a causa del Db; poiché D è la 5a dell'accordo di G, ho supposto che Db sarebbe b5.

Si può considerare un b5 come # 11? Ad esempio, in questo esempio dovrei considerare che Db è C #, che in realtà è # 11.

Potrebbe essere che il Re è sul rigo più alto della nota fondamentale? Se fosse stato il personale basso, sarebbe stato considerato come b5?

IMO, se lo scrivono come d ♭ allora _deve_ essere un d ♭ e non c♯, quindi non può possibilmente ♯11. Ma poi di nuovo, i ragazzi del jazz tendono a trattare le enarmoniche in un modo con cui spesso non sono d'accordo, quindi ...
@leftaroundabout dovresti aggiungerlo come risposta
Sei risposte:
#1
+5
Eichhörnchen
2014-08-05 04:44:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Direi che la tua risposta è effettivamente corretta e il libro è sbagliato in questo caso, e lascia che ti dica perché. Sembra probabile che questo sia un libro molto moderno e che se dicessero che è un # 11, non ti penalizzerebbero per aver scritto il b5 corretto tecnico.

Gli accordi sono basati su scale. In una tipica scala di 7 note, scriverai gli intervalli in questo modo:

1 2 3 4 5 6 7

Con questo intendo che si tiene conto di ogni intervallo: il primo, il secondo e così via. Ricorda che il 2 è anche il 9, il 4 è anche l'11 e il 6 è anche il 13. Ma li tengo come 2, 4 e 6 per il mio esempio.

Prendi questo esempio di scala myxolydian:

1 2 3 4 5 6 b7

Scrivilo in questo modo perché ogni nota della scala è considerata. Tecnicamente è lo stesso:

1 2 3 4 5 6 # 6

Questo non è corretto perché tecnicamente ci manca il settimo grado della scala.

Quindi pensiamo al tuo accordo come un esempio. Una tipica scala G Myxolydian è: G A B C D E F G che corrisponde sempre a 1 2 3 4 5 6 (b) 7. Le note che hai nell'accordo sono GFB Db Eb e Ab (in ordine scalare, G Ab B Db Eb F) Il G corrisponde al 1 ° grado, l'Ab al b2 (o b9), il B al 3, il Re in si5, Mi in si6 (o si13) e Fa in si7.

Non importa se il Re è Db, D, D #, D ##, Dbb, sarà sempre il 5 ° grado della scala: quindi aumentato, diminuito, ecc. avevano scritto C #, SAREBBE stato un # 11, ma poiché a) stiamo usando un D quando ci riferiamo a un accordo con radice di G eb) NON abbiamo anche un 5 naturale (perfetto) nell'accordo, possiamo concludere che in realtà è un b5 e non un # 11.

Il fatto che il tuo libro abbia scritto SOL7 (b9, # 11, b13) anche se non abbiamo un 5 naturale, crea confusione. I musicisti lo tratterebbero come se ci fosse un Re naturale e un Re (C #). Dovrebbero includere che l'accordo ometta il Re (ometti il ​​5) o scrivi l'accordo come hai fatto tu.

#2
+1
Tim
2014-08-05 00:50:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se è un # 11, deve essere scritto come tale. Come b12 non ha senso, quindi i punti non possono essere precisi, altrimenti abbiamo l'anarchia. (Di nuovo) Se riesci a fare qualcosa con questo esercizio, forse hai superato questo livello !!

#3
+1
ninemileskid
2014-08-06 09:08:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono d'accordo con i poster precedenti in quanto penso che ci siano molti buoni argomenti con conclusioni opposte.

Un modo per vederlo è che il nome di una nota dovrebbe dipendere da come è scritto. In questo esempio, un Db è b5 (o b12) e un C # è # 11, punto. Questa è la pratica standard nel mondo della teoria classica.

Un altro modo di vederla (su cui @Deannakov accenna) è che nel contesto di un passaggio, può avere più senso considerare quale scala è implicito. In questo esempio, se questo accordo appare prima di un accordo di Do maggiore nel contesto di una cadenza V-I, la scala implicita è probabilmente G maggiore (o G mixolydian; in entrambi i casi un D-naturale è fortemente implicito). Quindi il Db è davvero una scala ornamentale di grado 4 (C #) e dovrebbe essere considerato # 11. Tuttavia, se questo accordo appare in un ambiente più cromatico, diciamo tra due accordi in Ab minore, la sua funzione armonica sarebbe un accordo "vicino" viiø7 / I, e sarebbe sempre scritta come una triade, quindi si5. (Qui, probabilmente scriverei anche il SI come Cb, indicando una quarta sospesa.)

Un terzo modo per vederlo è che è semplicemente più facile leggere a prima vista le note nel pentagramma superiore quando sono tutte piatte, invece di avere alterazioni miste. In tal caso, ci sono poche speranze di risolvere la questione per deduzione, e si dovrebbe semplicemente tornare a qualunque scuola di pensiero generale sia più appropriata: nella maggior parte dei contesti jazz, b5 è leggermente più "standard" del # 11.

Data la soluzione del tuo libro, suggerisco agli autori di aver invocato la mia situazione n. 2 sopra, ovvero considerano l'accordo di settima dominante di G sufficientemente forte da implicare un D-naturale (quindi ciò che viene aggiunto è # 11) e non abbastanza dissonante da implicare # 1 (quindi b9) o # 12 (quindi b13).

Se questi sono i casi, allora dovrebbe essere scritto come dici tu, # 11, non b12, che, a pressione, potrebbe essere interpretato come b5, da includere nell'accordo con un 5 perfetto.
#4
+1
Cessation
2015-08-10 19:47:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La tua risposta va bene.

La risposta dei libri va bene.

Jazz. Dominanti alterate.

Potresti anche chiamare b13 un # 5.

evitare la quinta nomenclatura alterata potrebbe indicare che la quinta è inclusa

Ad es. # 11 potrebbe indicare l'inclusione del quinto Mentre b5 non ha una quinta inalterata, lo stesso vale per b13 vs # 5

b9 e # 9 sono usati anche su alcune dominanti alterate - Questi indicano di non usare il nono inalterato

Indipendentemente dai punti di vista opposti, questa convenzione di denominazione è una pratica standard.

#5
  0
dwoz
2015-08-10 21:55:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta del libro non è corretta. Per convenzione, un SI7 (b9 # 11 b13) ha una quinta inalterata e anche una 4a aumentata (11a).

La risposta tecnicamente corretta per l'accordo scritto è B7 (b5 b9 b13), perché la scritta l'accordo non ha sia il # 11 che il b5.

La regola generale è che le tensioni alterate disponibili notate non sostituiscono o alterano i toni degli accordi.

#6
  0
Michael Martinez
2015-08-12 23:48:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ignorando tutte le discussioni e rispondendo solo alla domanda del titolo:

un b5 significa che stai sostituendo il 5 e mantenendo intatte tutte le altre note (incluso il 4).

A # 11 significa che stai sostituendo la 4a e mantenendo intatte tutte le altre note (inclusa la 5).

Quindi la risposta è: qualunque sia corretta se usata nel contesto degli accordi circostanti e della melodia della canzone. Il 4 inalterato si adatta o il 5 inalterato si adatta al contesto circostante?



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...