Domanda:
"Overture" o "Ouverture" per designare la prima parte di un brano?
Klangen
2018-02-07 18:56:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho visto entrambi i termini "Overture" e "Ouverture" utilizzati per designare l'introduzione o la prima parte di una composizione in più parti. Ad esempio, abbiamo:

Qual è il termine corretto da utilizzare per designare la prima parte di un pezzo in più parti?

In realtà non sono d'accordo con l'affermazione secondo cui Bach ha omesso la "u", la copia di [Anna Magdalena] (http://imslp.org/wiki/File:PMLP02955-Bach_-_Ouverture_pour_le_Clavecin_a_2_Clav_-BWV_831a-.pdf) lo fa non supportarlo. Dal mio punto di vista, come si può vedere [qui] (https://de.wiktionary.org/wiki/Ouvert%C3%BCre) l'inglese è la minoranza che non fornisce un * u *. Quindi, per un tocco internazionale e rimanere all'originale, lo terrei anche io. Nota che i punteggi sono tipicamente piuttosto internazionali e non è facile stabilire un contesto nazionale qui. La parola tedesca di oggi sarebbe * Ouvertüre *.
Quattro risposte:
#1
+9
Richard
2018-02-07 20:29:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Oltre alle altre risposte, potresti anche scegliere un termine che ritieni adatto.

Questo è esattamente ciò che ha fatto Wagner: a volte ha scritto un'ouverture, altre volte un Vorspiel ("preludio"; vedere Das Rheingold ), e altre volte un Einleitung ("introduzione"; vedere Tristan und Isolde ).

Il punto è che non dovresti sentirti costretto a usare il termine "overture" se pensi che qualcos'altro sia più appropriato.

Se è breve e si basa sul motivo principale del pezzo, anche _Intonation_.
È la stessa cosa però, giusto? Solo termini e lingue diversi per la stessa idea?
Penso che Wagner intendesse che ci fossero vaghe differenze filosofiche, specialmente in termini di "preparazione del palco". Ma sì, sono tutti termini diversi per "la parte iniziale".
@Mast Possono esserci significati specifici per parole specifiche. Ad esempio, nella musica sacra, si differenzia "Preludio (a)" (di solito un brano separato destinato proprio all'inizio dell'evento), "Preludio (b)" (introduzione in una canzone che si basa sulla melodia della canzone; sfortunatamente molti le lingue usano la stessa parola per questi due) e "Intonation" (una breve introduzione in una canzone). Tuttavia, queste tre forme possono sovrapporsi, puoi suonare un preludio (b) al posto del preludio (a), ma raramente suoneresti un preludio (a) come preludio (b). Allo stesso tempo, il confine tra il preludio (b) e l'intonazione è vago.
Nella musica liturgica, sicuramente l'intonazione è quella che canta il sacerdote prima che subentri il coro, che è qualcosa di completamente diverso?
#2
+8
Tim
2018-02-07 21:12:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sorprende che Lully abbia scritto "ouverture", anche se è nato a Firenze, ha trascorso la sua vita lavorativa in Francia, dove l'apertura è scritta "ouverture".

L'ortografia di gran lunga più comune è "ouverture", ma come già affermato, entrambe sono buone e corrette. Forse, se non è francese, l'ouverture è leggermente più appropriato.

Apprezzo che parole come "appropriato" esistano per esprimere un'idea così concisa. Mi piace particolarmente quando incontro qualcuno che sceglie di usarli.
@maxathousand - mi è sembrato che appropriato fosse la parola più appropriata da usare ...
Ho quasi commentato quella cosa esatta, hahha.
#3
+6
yo'
2018-02-07 19:02:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Beh, sono fondamentalmente diverse ortografie della stessa parola, una francese e una non francese. Quindi userei qualsiasi lingua ti sembra più adatta.

Quindi non c'è consenso?
Pickle - sì, c'è. Hanno entrambi ragione.
-1
In realtà (vedi commento alla domanda) ci sono molte altre varianti, il francese ha il vantaggio unico di fornire l'originale. Non ci sono ragioni davvero convincenti per usare l'ortografia inglese per chi non parla inglese.
@guidot Vorrei discutere con questo. Per prima cosa, usi quello che ti piace. È il tuo pezzo e se decidi di chiamarlo in swahili, è una tua scelta :-) Per quanto riguarda le "tradizioni", la tradizione è che usi comunemente l'attuale lingua del "mondo" per molte cose. Quindi, anche nel mio spartito ceco, uso un misto di ceco, inglese e italiano per varie annotazioni.
#4
+2
David Richerby
2018-02-07 23:54:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sembra che si chieda: "Alcune persone si riferiscono alla cosa caduta sulla testa di Newton come" una mela "e altri come" une pomme ". Che è corretto?"

Beh, se tu " stai parlando inglese, è una mela; se parli francese, è une pomme. Allo stesso modo, se scrivi in ​​inglese, è un'ouverture e, se stai scrivendo in francese, è un'ouverture. A volte, però, le persone che scrivono in inglese potrebbero citare il titolo di un'opera in francese ea volte potrebbero tradurla. Quindi, rimanendo con Lully, si potrebbe fare riferimento all ' ouverture (in corsivo perché è una parola straniera) di Achille et Polyxène , contro l'ouverture di Achille e Polyxena .



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...