Domanda:
In che modo gli organi del tonewheel suonano coerenti?
JohnnyApplesauce
2020-06-11 21:28:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Chart explaining harmonic bars

Quindi ci sono note che nominalmente la chiave non suona in una nota di organo se i drawbar sono tirati fuori. Tuttavia, se tiro fuori tutti i drawbar e suono un accordo, suona come un accordo coerente. Si suppone che un accordo di Do minore abbia presenti, oltre le ottave, due G, un MI e un FA; due sol diesis, un fa e un fa diesis; e due Re, un Si e un C. Tuttavia non sento il Bdim implicito o qualsiasi altro accordo implicito in quella combinazione; solo un do minore. Perché è così?

Due risposte:
Judy N.
2020-06-12 00:20:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In primo luogo, non sono in grado di commentare, ma devi aver commesso un errore nello scrivere tutte le note che pensi di ricevere. Prendendo una triade di Do minore C Mib G, avrai: Le note corrispondenti un'ottava sotto e una, due e tre ottave sopra; La quinta perfetta sopra ogni nota, più altre due ottave. Questo dà G Bb RE La nota due ottave e la terza maggiore sopra ogni nota. Questo dà E G B. Quindi tutte le note che abbiamo sono C D Eb E G Bb B (anche se - cosa importante - non in quest'ordine!)

Il motivo per cui suona come un accordo coerente è esattamente lo stesso motivo per cui se suoni un singolo tasto suona come una nota coerente. E la ragione di ciò è la serie armonica: è qualcosa che conosci? Non voglio entrare in una quantità enorme di dettagli perché sono sicuro che ci sono molte fonti autorevoli che potresti consultare. Ma in breve, quando suoniamo uno strumento fisico tradizionale, ciò che stiamo facendo è fornire una fonte di energia a qualcosa che, a causa delle sue proprietà fisiche, è incline a risuonare a una particolare frequenza. Ad esempio, soffiare aria attraverso un tubo di una certa lunghezza fa sì che il tubo vibri a una velocità determinata dalla lunghezza del tubo e dalla velocità del suono: le leggi naturali della fisica trovano la frequenza che è 'più facile' per la vibrazione del tubo a. Ma se un tubo trova facile vibrare a una particolare frequenza, troverà anche facile vibrare a qualsiasi multiplo intero di quella frequenza - questo è come dividere il tubo in parti uguali e ciascuna di quelle parti vibra alla frequenza che 'funziona' per la lunghezza della parte. Se dividiamo in 2 parti, il tubo vibrerà al doppio della frequenza. 5 parti, vibrerà a cinque volte la frequenza. Questi sono chiamati armonici . Hai notato qualcosa qui sui segni sui drawbar? Corrispondono infatti a dividere a metà la lunghezza "fondamentale" (cioè la più lunga) del "tubo", in un terzo, un quarto, un quinto e così via. Quindi i drawbar imitano ciò che accade in natura quando facciamo vibrare un tubo di (nominalmente) 16 piedi: otteniamo vibrazioni aggiuntive corrispondenti alla divisione della lunghezza del tubo in un numero intero di parti uguali. In quanto tale, il suono che produciamo appare in modo molto naturale all'orecchio umano come il suono di una cosa che risuona, e quindi lo sperimentiamo come una singola nota. E infatti, il rilievo relativo di ciascuno di questi armonici forma effettivamente ciò che sperimentiamo come il "tono" o il "suono" di uno strumento: è il modo in cui l'orecchio umano distingue tra il suono di una pipa che risuona e una chitarra, o un arpa, ed è il modo in cui i musicisti di ottoni e fiati possono creare suoni diversi dal loro strumento, cambiando il modo in cui applicano energia di risonanza al loro strumento, per rendere "più facile" la visualizzazione di alcuni armonici.

Quindi, quando otteniamo che tutte queste note vengano prodotte tutte insieme, il nostro cervello lo semplifica sentendo le parti più alte come un semplice effetto fisico delle parti inferiori, cioè il Mi due ottave e la -la terza maggiore sopra il Do si sente come un armonico del Do inferiore ed è per questo che diversi drawbar producono toni diversi dall'organo!

phoog
2020-06-12 20:20:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per aggiungere all'eccellente risposta di Judy N, direi alcune parole sulla teoria alla base di questo approccio alla sintesi del tono.

Nel diciannovesimo secolo, la ricerca sull'acustica (in particolare da Hermann von Helmholtz) ha dimostrato che qualsiasi onda sonora può essere scomposta in una serie di onde sinusoidali di diverse frequenze. In generale, le frequenze sono tutti multipli interi di una frequenza "fondamentale" (una notevole eccezione è il suono delle campane e di altri oggetti rigidi che vibrano). La qualità del tono del suono composito è direttamente correlata alla forza relativa delle varie onde sinusoidali.

In termini pratici, ciò significa che un oboe, un flauto e un clarinetto che suonano un'altezza di 440 Hz hanno tutti armonici a 880 Hz, 1320 Hz, 1760 Hz, 2200 Hz, ecc., ma l'ampiezza di un dato armonico sarà diversa per ogni strumento. (Ad esempio, gli armonici pari, 880 Hz, 1760 Hz e così via, saranno assenti o quasi saranno assenti nel clarinetto. Puoi simularlo sull'organo a barra di traino schematizzato sopra disegnando solo la fondamentale, il dodicesimo e il diciassettesimo.)

L'organo drawbar è uno dei primi sintetizzatori additivi. L'idea è che puoi generare diverse onde sinusoidali pure con frequenze che sono multipli interi l'una dell'altra e combinarle per produrre un'onda complessa. A seconda della forza relativa delle onde sinusoidali componenti, l'onda complessa risultante ha un tono simile a un flauto e oboe, un clarinetto o altro.

Questo è stato fatto anche con organi acustici a canne , che potrebbe avere interruzioni chiamate interruzioni di mutazione. Esistevano molto prima del diciannovesimo secolo, quindi la pratica qui ha preceduto la teoria. Le interruzioni di mutazione possono essere incluse nelle miscele, che funzionano piuttosto come un preset del sintetizzatore. Questa tradizione è la fonte delle etichette numeriche sui drawbar.

Potresti anche essere interessato all ' articolo sui sintetizzatori di Wikipedia.

Quella tecnica di sintesi del clarinetto ha reso permanentemente più divertenti i toni che posso produrre. Grazie mille.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...