Domanda:
Come colmare il divario tra idee e capacità quando si improvvisa?
hitstuff
2012-01-29 04:59:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono un suonatore di batteria. Ho appena finito un B.A. in Percussion Performance, ha marciato per 4 anni nel DCI drum & bugle corps, e ora sto lavorando a una laurea in studi jazz. Quando ho iniziato a suonare sempre più jazz (non suonavo molto al college), mi rendo conto di avere idee sempre più fantastiche per quello che mi piacerebbe suonare su un dato brano. È quasi come se potessi "sentire" me stesso suonare nella mia testa insieme alla musica che stanno suonando i miei colleghi musicisti. Spesso canto queste idee nel mio telefono e in seguito sono ancora sorpreso di quanto mi piaccia quello che mi viene in mente.

Tuttavia, mi sento come se non appena raccolgo i bastoncini per eseguire qualsiasi idea , evaporano. Ci sono molti schemi che sono così radicati nelle mie mani, finisco per combinarli in modi poco interessanti - è come se fossi costretto ad esplorare le idee nella mia testa perché le mie mani vogliono solo giocare con le cose che hanno fatto un milione di volte.

Ovviamente ho acquisito abilità preziose sviluppando il mio vocabolario attuale, ma qualcuno ha qualche suggerimento per andare oltre le cifre che conosco e diventare capace di eseguire prontamente le idee che ho? nella mia testa?

Sei risposte:
#1
+5
Josh Fields
2012-01-29 18:12:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono un suonatore di set piuttosto terribile, quindi lo attaccherò dal punto di vista di un trombonista. Anche noi (almeno io) soffriamo del problema dei modelli radicati.

Inizierei allontanandomi completamente da questi schemi radicati. Fallo praticando l'improvvisazione su una registrazione e semplicemente costringendoti a suonare qualcosa di diverso. Non lasciare che i modelli entrino di soppiatto; se devi fermarti e fai solo una sezione. Se necessario, utilizza un software per computer per eseguire il loop di un'area e costringiti a fare qualcosa di completamente diverso ogni volta. Anche se suona assolutamente orrendo, secondo me ti sta aiutando a uscire dalla scatola in cui si trovano le tue mani. Per la migliore pratica, usa un software in grado di riprodurre in loop aree e registrare "take" di te mentre ti eserciti. Non deve essere necessariamente di grande qualità; un microfono per webcam andrà bene se lo metti dall'altra parte della stanza. Qualcun altro può consigliare un programma Windows economico in grado di farlo, ma Garageband gratuito con Mac può farlo facilmente e semplicemente.

Successivamente vuoi in qualche modo dare alla tua mente una connessione più diretta con i tuoi arti. Inizia davvero pensando a quello che stai facendo. Non giocare facilmente; torna a quando eri agli inizi e dovevi pensare consapevolmente: "Kick, charleston, kick, snare, swing on the ride, ecc." Ciò impedirà ai tuoi arti di fare ciò a cui sono abituati e passerà a fare ciò che vuoi che facciano. Al trombone penserei ogni nota. Gioca molto lentamente e pensa letteralmente a tutto. Questo ti farà suonare fuori dagli schemi.

A seconda di quanto a fondo le tue idee musicali vengono generate nella tua testa, potresti già sapere quale batteria / piatto suona quale ruolo nel "lick", in caso contrario , dovrai pensarlo consapevolmente anche tu.

Quindi i miei suggerimenti sono di rallentare fino al tuo livello di abilità effettivo, quindi ripetere in loop / registrarti mentre pensi a tutto. Come i tuoi rudimenti e tutte le cose che hai imparato al college, ci vorrà del tempo, forse di più da quando stai cercando di superare tutto questo, ma alla fine raccoglierai grandi ricompense. (Come già sapete.)

Si spera che questo ottenga anche altre risposte; Sarò interessato a vedere altre interpretazioni su questo (soprattutto dal punto di vista dei percussionisti reali).

Questa è una buona risposta, anche se va notato (in modo non intuitivo per i musicisti non percussivi) che suonare più lentamente può effettivamente essere PIÙ difficile che suonare a una velocità a cui sei più abituato. Non ho ancora capito il motivo, ma penso che probabilmente abbia molto a che fare con la memoria muscolare, il che probabilmente significa che è una buona idea anche per questo motivo.
Questo è completamente vero anche per il trombone ... di nuovo, almeno per me, ma se faccio fatica a renderlo solido come una roccia a velocità inferiori, diventa molto più pulito e nitido alle velocità più alte.
#2
+1
eteich
2013-03-06 03:50:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prima di tutto assicurati che tutto ciò che fai sia intenzionale ... non lo sottolineerò mai abbastanza, perché il solo fatto di gettare le mani intorno al kit non ti porterà lontano, soprattutto se vuoi raggiungere un livello altamente competente.

Vengo dal jazz con un background di corps e penso che uno dei problemi principali sia rimanere bloccato nella mentalità rudimentale.

Guardare i para-diddle come i para-diddle non lo fanno portarti lontano dal compartimentalizzare qualcosa che ha una relazione molto più ampia con il ritmo: sono un modo per suonare quattro note. Puoi anche suonare due doppi, un doppio invertito, 3 su una mano seguito da 1, 4 su una mano o 4 note mano a mano.

Essere in grado di guardare a quello che stai facendo veramente dal punto di vista del ritmo come apposto al colpo saggio è il primo passo, ed essere in grado di capire il ritmo macro è la chiave.

In questo modo le tue idee possono essere percepite come frasi in cui puoi quindi decidere come attaccare / calciare all'interno di quel determinato frase che ti dà la possibilità di omettere o aggiungere suddivisioni a tuo piacimento, senza impantanare il processore con la necessità di assemblare stickings in ritmi più ampi.

Credo che questo approccio dall'alto verso il basso sia anche vantaggioso mentre si divide il tempo, dove aderire alle denominazioni più grandi all'interno della frase è meglio che pensare a tutto nella più piccola suddivisione.

#3
+1
Anne Barwick
2013-03-12 15:42:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suono le percussioni e faccio una jam di batteria leggermente anarchica. Ho lo stesso problema, è nella mia testa ma non riesco a tirarlo fuori dalle mani. Guardando i bravi musicisti, vedo un sacco di "remix" che prenderanno uno schema che sentono e come, lo copieranno, poi lo cambieranno . Fanno lo stesso anche con i propri schemi. Quindi ti suggerirei di non provare a cambiare tutto in una volta, soprattutto non sotto pressione sul palco. Evolvere; aggiungi un'idea brillante alla volta al mix che già fai bene.

#4
+1
Anne Barwick
2013-03-12 15:57:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una prospettiva diversa dal mio insegnante di assoli di djembe dell'Africa occidentale: pratica della camminata, i tuoi piedi tengono il ritmo, le tue mani suonano, usando le percussioni del corpo. Attualmente lo sto usando per capire una parte difficile da 3 dundun che, come molte percussioni dell'Africa occidentale, è 3X4 da una parte e 4x3 dall'altra. Potresti avere strani sguardi mentre lo fai su una strada trafficata!

#5
  0
Timo Häkkinen
2012-10-25 00:00:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prova a concentrarti veramente su ciò che "senti" e chiudi gli occhi. Prova a visualizzare te stesso mentre lo suoni dietro un kit. Vedi se riesci a rallentarlo e / o romperlo in pezzi. Cosa fa la tua mano principale? E la grancassa e l'altra mano?

Puoi già sentire queste idee nella tua testa. Ora devi solo estrarli.

Questo non risponde esattamente alla domanda.
Se ho capito bene, stiamo parlando di come trasformare le idee dalla tua testa nel tuo modo di suonare. Stiamo parlando di essere vincolati dalle tue capacità di GIOCO, incapace di eseguire idee che puoi ASCOLTARE. Non esiste una soluzione. Uno è quello di praticare, praticare, praticare e quindi ampliare il tuo set di abilità, ma non sottovalutare il potere della tua mente. Visualizzare ciò che si sente, organizzare queste idee in battiti / composizioni reali. Non sto sottovalutando l'importanza della pratica, ma a volte è anche tutto nella tua testa. ;)
#6
  0
jj5939
2013-03-16 02:30:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nella domanda originale, hai detto che puoi cantare le tue idee nel telefono abbastanza bene da capirle in seguito. Penso che potresti scrivere o visualizzare e mettere in pratica le tue nuove idee e iniziare a darti una nuova serie di modelli originali tra cui scegliere.

Sono stato un violinista classico più a lungo, mi ricordo, ma ho appena iniziato imparare l'improvvisazione circa 10 anni fa. All'inizio del processo si trattava di rompere vecchi schemi e uscire dalla mia zona di comfort in modo da poter avere un'idea originale. Nel corso del tempo, sono arrivato a capire che anche i grandi musicisti jazz spesso non fanno le loro cose fantasiose improvvisate completamente a mano libera - praticano anche lick, scale e pattern in vari stili e ritmi per espandere la loro tavolozza di memoria muscolare opzioni. C'è una sovrapposizione (spesso trascurata) tra improvvisazione e composizione. Se hai sentito lo stesso artista suonare la stessa melodia in performance diverse, il loro assolo potrebbe suonare molto lo stesso in notti diverse. Non deve essere completamente nuovo e diverso ogni volta per essere interessante e molto interessante, e buttare via una grande idea solo per fare qualcosa di diverso non ha alcun senso.
Ci vuole tempo e pratica per affinare le tue capacità anche con l'improvvisazione.

Altre cose che mi aiutano: cantare insieme alle registrazioni che mi piacciono mentre guido, riprodurre in loop una serie di cambi di accordi sul computer e sfidare me stesso a non fare mai la stessa cosa due volte a meno che io lo adoro davvero, trascorro 10 minuti con il mio violino a suonare qualunque cosa venga fuori solo per ascoltare come penso, visualizzando ESATTAMENTE come mi piacerebbe suonare le cose interessanti che mi vengono in mente. Alcuni dei miei amici jazz trascorrono molto tempo a trascrivere fantastici assoli dei loro artisti preferiti.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...