Domanda:
Perché il 4 ° e il 7 ° grado della scala vengono rimossi dalla scala maggiore per creare la scala pentatonica?
David Kethel
2019-12-16 05:31:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La scala pentatonica è spesso descritta come la scala maggiore con le note 4a e 7a rimosse. Ad esempio, la scala di Do maggiore è C D E F G A B C, quindi la scala C Major Pentatonic è C D E G A C.

Perché il 4 ° e il 7 ° grado della scala sono rimossi perché non dire il 2 ° e il 6 °? sarebbe ancora una scala pentatonica (5 note).

Cosa c'è di tanto brutto nel 4 ° e 7 ° grado?

Intendi chiedere, perché questa particolare scala a cinque note è usata più comunemente di tutte le altre possibili scale a cinque note?
Questi gradi vengono rimossi per creare * A * scala pentatonica, non * LA * scala pentatonica!
@Kaz È abbastanza comune da giustificare chiamarlo _THE_ scala pentatonica. Se dici "una scala pentatonica", allora è chiaro che intendi qualcosa di diverso.
@piiperiReinstateMonica, Sì, probabilmente è quello che volevo chiedere.
@piiperiReinstateMonica. Soprattutto quando si impara la chitarra, la scala pentatonica viene spesso introdotta prima della scala maggiore.
@Kaz - ci sono due scale pentatoniche - qui A * minor * pent. E C * major * pent.
@Tim Ci sono molto più di due scale pentatoniche.
@Kaz - vero - intendevo quelli contenenti note C D E G A. Come nell'esempio dell'OP. Ovviamente altri 11 in altre chiavi! A parte altre scale con 5 note diverse ...
Otto risposte:
#1
+36
Old Brixtonian
2019-12-16 11:41:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ciò che chiamiamo LA scala pentatonica in realtà non è stata creata rimuovendo la quarta e la settima nota da una scala maggiore! Precede la scala maggiore. Le persone hanno cantato su scale pentatoniche da quando hanno perso interesse per quelle tetratoniche! "Il sistema a cinque note era già considerato arcaico dai greci nel 350 a.C. e [era] utilizzato molto prima dai cinesi". [ Pentatonicismo nella musica popolare ungherese, Zoltán Kodály, 1917. ]

Le scale a cinque note che Kodály si trovava nella musica popolare ungherese erano anemitoniche (senza semitoni ), ma le scale pentatoniche esistono in innumerevoli culture e spesso includono semitoni o intervalli più o meno simili ai semitoni di temperamento equabile. Le orchestre Gamelan giavanesi, ad esempio, utilizzano generalmente scale a cinque note (Slendro) o sottoinsiemi di cinque note della scala a sette note (Pelog). Queste accordature includono certamente piccoli intervalli, a volte fino a tre.

Penso che ci possa essere del vero nell'idea che gli intervalli di semitono sono più difficili da cantare di quelli più grandi. Ciò potrebbe spiegare il fascino del tipo di scala "note tutte nere".

Non so se le scale gamelan siano un buon esempio, visto che non sono sintonizzate in 12EDO o sistemi come meanone, ecc., Anche se contengono intervalli di dimensioni "più piccole". Penso che un altro esempio potrebbe essere la scala pentatonica giapponese come la scala Hirajōshi https://en.wikipedia.org/wiki/Hiraj%C5%8Dshi_scale.
Grazie, @awe lotta. Giusto. L'ho modificato.
#2
+21
ggcg
2019-12-16 08:51:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il quarto e il settimo sono gli unici toni che distinguono i diversi modi maggiore e minore (escluso il locriano). I pentatonici rappresentano i toni comuni in tutti questi modi.

Ionio, Lidio e Mixolidia hanno tutti (1, 2, 3, 5, 6) in comune. Solo il 4 ° e il 7 ° vengono modificati. Allo stesso modo per le modalità minori. Eolico, dorico e figi hanno tutti (1, b3, 4, 5, b7) in comune, il secondo e il sesto sono rimossi nel caso minore ma questi sono il settimo e il quarto nei modi maggiori relativi. Ciò consente di spostarsi liberamente tra i tasti che sono spenti di un quarto. Questa è una modulazione molto comune e le chiavi distanziate di un quarto sono spesso chiamate chiavi compatibili nella teoria della musica classica. Salire o scendere di una quarta implica un solo cambio di nota. In qualsiasi tonalità la quarta sopra (Fa) è una chiave compatibile e ha la modalità Lidia che si verifica su di essa rispetto alla tonalità originale. Per cambiare la tonalità di una quarta basta rilasciare la settima della tonalità originale. Ad esempio, modulare da Sol maggiore a Do maggiore implica lo spostamento da Fa # a Fa (settima bemolle). Per scendere di una quarta sulla tonalità di Re (che è anche la quinta di Sol) si alza la quarta della tonalità originale. Quindi vedi che la I, IV e V in qualsiasi tonalità sono "compatibili" e differiscono solo per la settima e la quarta. Questo è un significato di questi due toni. Non è raro che le canzoni siano armonizzate con gli accordi I, IV e V (e / o V7). Inoltre è comune che le canzoni modulino su queste chiavi. Vale a dire che non usiamo questi quattro accordi solo per armonizzare nella tonalità originale, ma spesso cambiamo tonalità in una canzone spostandoci attraverso il cerchio delle quarte (o quinte). La rimozione di questi toni dalla scala diatonica rivela i toni comuni. per un chitarrista rivela schemi comuni che possono essere facilmente spostati.

Tieni presente che la descrizione che hai fornito potrebbe essere un po 'falsa e in qualche modo etnocentrica. In molte culture vengono utilizzate 5 e 6 scale di tono che non derivano dalla musica occidentale rimuovendo le note. La descrizione potrebbe essere un tentativo di spiegare le scale di altre culture da un punto di vista occidentale, per fornire un semplice algoritmo agli occidentali per comprendere altre scale. Questo non sempre aiuta.

Questa è la risposta di più vasta portata per me. Altri sulla storia sono euristici (ma mi piace anche comprare in, in particolare flauti, cinque dita, motivo per pentatonico e la scala maggiore è una scala naturale per le persone). La cosa più importante qui è il cerchio delle quinte, che mette in relazione tutte le scale maggiori (minori relativi). E la scala pentatonica non vincola una chiave. E poi le modalità. Molto interessante. Com'è tutto correlato? Qualche relazione più profonda?
#3
+14
Michael Curtis
2019-12-16 22:16:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una scala pentatonica non è una scala maggiore con la 4a e la 7a rimosse non più di quanto non sia una scala minore con la 6a e la 2a rimosse o una scala maggiore è una scala cromatica con C #, D #, F #, G # , A # rimosso, ecc. Ecc.

Una scala pentatonica è una scala di cinque note. Niente è mancante o rimosso.

Un modo per generare una scala pentatonica con un processo additivo è costruire la scala da quinte perfette ascendenti: C G D A E . Può essere riorganizzato come C D E G A o A C D E G per pentatoniche maggiori o minori. Con questo metodo non ci sono toni rimossi.

L'ascesa delle quinte perfette non è necessariamente il modo in cui si è evoluta la scala, ma è un modo per descriverla. Nessuno può spiegare l'origine. È preistorico, quindi qualsiasi spiegazione è speculazione. Personalmente mi piace pensarlo come due toni una quinta perfetta (molto risonante) con toni ausiliari una seconda maggiore sopra e una terza minore sotto quei due toni iniziali ...

 ______ (P5) _____ | | A (m3) C (M2) D E (m3) G (M2) A | | | | ----- (P4) ---- ----- (P4) ---- 

... che ci dà anche due quarti perfetti simili a tetracordi che sono un tipo di universale musicale.

In realtà, possiamo spiegare l'origine. Non è preistorico. È greco. Tuttavia non sottovaluterò la tua risposta poiché altrimenti riecheggia la mia risposta di ieri. Come ho postato, la scala è stata costruita utilizzando intervalli perfetti 8va, 5a e 4a. Non so perché il mio post è stato cancellato e il tuo votato positivamente, ma le immagini aiutano. Forse la prossima volta invece di postare un collegamento a un aiuto visivo mi prenderò il tempo per ricrearlo nella mia risposta.
@NickGrooves, la scala pentatonica non è esclusivamente greca. Sostituisci "antico" con "preistorico", se preferisci. Il punto è che è molto, molto antico e si trova indipendentemente in culture diverse.
Le note sono universali ma la parola pentatonica, i nomi delle nostre scale modali diatoniche e gran parte dell'armonia funzionale occidentale possono essere ricondotte ai greci. Ovviamente i musicisti di tutto il mondo suonano da sempre i toni della scala pentatonica, ma questo non sminuisce le origini greche della scala scritta. Negheresti a Pitagora il suo teorema dell'ipotenusa perché la matematica è universale?
NickGroves La parola "pentatonica" potrebbe essere facilmente coniata oggi se non esistesse. Non riesco a trovare alcun riferimento in un modo o nell'altro sul fatto che si tratti di un recente neologismo occidentale o se sia effettivamente radicato nell'antico uso greco. ("Diatonico" è documentato dagli antichi greci, questo è chiaro.)
#4
+7
Will Orrick
2019-12-17 02:03:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta di Michael Curtis sottolinea che la scala pentatonica è ciò che si ottiene se si crea una scala a cinque note aggiungendo successive quinte perfette (e sottolinea anche che non è necessariamente così che si è evoluta la scala). Quello che vorrei aggiungere a questa risposta è che cinque note sono un punto di arresto naturale nel processo di aggiunta di quinte perfette.

Se inizi con una singola nota, F, e un singolo intervallo (l'ottava),

 2 ________________ | | FF 

quindi l'aggiunta della nota una quinta sopra F dà C e suddivide l'ottava in due intervalli disuguali di una quinta (rapporto di frequenza 3/2) e una quarta (rapporto di frequenza 4/3):

 3/2 4/3 ________________ ____________ | | | F C F 

Abbiamo già aggiunto il quinto sopra F; se ora aggiungiamo la quinta sopra C otteniamo G e la quinta tra F e C viene suddivisa in una seconda maggiore (9/8) e una quarta:

 9/8 4/3 4/3 ____ ____________ ____________ | | | | F G C F 

Aggiungendo la quinta sopra G si ottiene D, e si suddivide la quarta che separa C e F in una seconda maggiore (9/8) e una terza minore (32/27). Se, invece di fermarci lì, aggiungiamo la quinta successiva, A, entrambi i quarti vengono suddivisi allo stesso modo. Nella scala risultante ci sono due intervalli tra note consecutive: la seconda maggiore (9/8) e la terza minore (32/27):

 9/8 9/8 32/27 9/8 32 / 27 ____ ____ ________ ____ ________ | | | | | | FGACDF 

Se ci fermassimo solo a quattro note, ci sarebbero tre intervalli disuguali che separano le note consecutive della scala.

Possiamo fermarci qui, ma se continuiamo ad aggiungere quinte, il Il punto successivo in cui la nostra scala ha due intervalli disuguali anziché tre è la scala di sette note:

 256/243 256/243
9/8 9/8 9/8 | 9/8 9/8 | ____ ____ ____ ___ ____ ____ ___ | | | | | | | | F G A B C D E F 

Le terze minori della scala pentatonica sono state suddivise in una seconda maggiore (9/8) e una seconda minore (256/243). (I rapporti di frequenza dichiarati sono quelli dell'accordatura pitagorica, che, ovviamente, non è ciò che viene effettivamente utilizzato in questi giorni.)

Il prossimo punto di arresto di questo tipo sarebbe una scala di 12 note. Le cinque note aggiunte suddividono i secondi minori in due diversi tipi di semitono (rapporti 256/243 e 2187/2048 nell'accordatura pitagorica). Nota che le cinque note aggiunte formano esse stesse una scala pentatonica.

Questa risposta è una versione in qualche modo abbreviata della discussione correlata qui.

#5
+2
Kaz
2019-12-17 00:58:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il quarto e il settimo grado della scala maggiore sono la base per l'armonia dominante.

L'intervallo tra queste note è l'intervallo del tritono. Sono incorporati nell'accordo dominante; per esempio Sol7 nella tonalità di Do maggiore.

Queste note creano una tensione che spinge verso la risoluzione della tonica: in termini di Do, il Si "vuole" spostarsi in Do, mentre il Fa vuole anche passare a C. Questa risoluzione da dominante a tonica crea molto il senso di movimento in avanti nella musica occidentale.

Se rimuoviamo queste note, rimuoviamo la fonte di tensione e il movimento in avanti, che crea sono più rilassati , stato d'animo ambiguo, che a sua volta aiuta nell'improvvisazione.

Nota che la stessa scala pentatonica principale a cui stai pensando non è l'unica scala pentatonica in alcun modo. E anche quella pentatonica si verifica all'interno della scala maggiore in diverse posizioni. Nella tonalità di Do maggiore, ce n'è uno che inizia in C, uno che inizia in F e uno che inizia in G. Queste pentatoniche maggiori hanno la loro relativa pentatonica minore. Quindi, anche se vogliamo specificamente una scala pentatonica maggiore nella tonalità di C, rimuovere F e B non è l'unico modo per ottenerla; questo ci porta specificatamente quello che inizia in C.

Penso che questa risposta cerchi di affrontare la domanda che l'OP ha davvero cercato di porre. :) Puoi aggiungere alcuni esempi del tipo di conflitto tra melodia e accordi di accompagnamento che possono verificarsi con l'intera scala maggiore, ma che vengono prevenuti rimuovendo le note "non sicure" 4 e 7? E viceversa - se costruisci una melodia solo dalla scala pentatonica ipoallergenica, puoi randomizzare liberamente gli accordi di accompagnamento ... (anche se usi ancora solo gli accordi pop ufficiali approvati dalla casa discografica I - vi - IV - V)
#6
+1
TechnicGoblin5R
2019-12-16 05:47:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La scala pentatonica maggiore è la scala diatonica maggiore senza mezzi passi, consentendo quindi transizioni più semplici tra i toni della scala.

E perché non dovresti rimuovere E o C? Presumo che non puoi rimuovere la nota fondamentale e non puoi sbarazzarti della terza maggiore.
Come può esserci una transizione più semplice tra i semitoni se non ci sono affatto semitoni?
Sono d'accordo con il commento di cui sopra. Questa risposta non ha senso.
Ci sono anche molte scale pentatoniche, come il giapponese in sen (C, D ♭, F, G, B ♭), scala cromatica, scala dell'Asia sud-orientale (C, D ♭, F, G ♭, B ♭), eccetera.
perché un mezzo passo è più difficile?
#7
+1
NickGrooves
2019-12-18 10:02:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando il matematico Pitagora pizzicò la corda e scoprì la naturale serie di armoniche armoniche, usò quei primi tre intervalli perfetti di ottava, quinta e quarta per creare la scala pentatonica:

[radice] + P8va + P5th + P4th

Questo link ha una grafica utile: http://hyperphysics.phy-astr.gsu.edu/hbase/Music/just.html#c3

No, non sto dicendo che la scala pentatonica contiene solo tre note ... Sto dicendo che la scala a cinque toni è stata composta usando tre intervalli (molto simile al cerchio delle quinte [o delle quarte se vai l'altra direzione] è fatta usando il quinto intervallo perfetto).

No, P4 non è "in fondo" nell'elenco delle armoniche. Il primo armonico è l'ottava. Poi la 5a, e poi la 4a che dà la seconda ottava.

Sì, l'intervallo della quarta perfetta è nella scala pentatonica. Il quarto è complementare al quinto, quindi ogni volta che hai un quinto perfetto hai anche un quarto che va nella direzione opposta.

Infine, al moderatore Dom, per favore non cancellare le mie risposte. Se non li capisci lascia un commento e sarò lieto di spiegarti.

#8
  0
Albrecht Hügli
2019-12-18 15:05:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il 4 ° e il 7 ° non sono stati rimossi per ottenere una scala pentatonica. Al contrario sono stati aggiunti piuttosto alla scala pentatonica per avere un eptatonico costruendo 2 tetracordi ("scale" di 4 corde (toni). Il 7 °, (tono solista al tono fondamentale) era uno degli ultimi toni solo sei gradi (esacordi) prima (ma il greco 2000 anni fa aveva molti più toni tra gli interi gradini che usiamo oggi!).



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...