Domanda:
In un brano per pianoforte e voce, quando sposto la parte vocale verso il basso di un'ottava, devo anche spostare la parte per pianoforte verso il basso di un'ottava?
Almighty Bob
2019-12-15 05:48:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono un ragazzo (non così esperto) e vorrei provare e imparare un pezzo che abbia sia una parte vocale che una parte di pianoforte. Dato che sono un maschio, penso di aver bisogno di cantare il pezzo dall'immagine che ho allegato (e altri pezzi con una gamma simile) di un'ottava. È una pratica standard per i maschi?

Se lo faccio, significa che dovrei suonare anche il piano di un'ottava inferiore? Su entrambe le mani? Te lo chiedo perché ho sentito che la melodia dovrebbe generalmente essere la parte più alta (per farla risaltare). Ma nel pezzo che ho allegato e in altri che ho visto, abbassare la parte vocale di un'ottava la renderebbe più bassa delle note più alte dell'accompagnamento del pianoforte. E poi ho anche visto pezzi in cui abbassare di un'ottava la mano sinistra della parte di pianoforte la porterebbe fuori da un pianoforte a 88 tasti.

Quindi, se canto la linea melodica un'ottava più bassa, dovrebbe cambiare anche l'accompagnamento del pianoforte?

enter image description here

In risposta alla tua domanda sulla trasposizione di una parte femminile giù di un'ottava: funzionerà a volte ma non sempre. È più probabile che funzioni se stai trasponendo il soprano al tenore o il contralto al baritono.
Tre risposte:
#1
+9
user65100
2019-12-15 07:00:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Fondamentalmente no. Il problema è che un pianoforte ha disarmonicità e sfumature particolari. Trasporre una parte di pianoforte di un'ottava in su la rende metallica e fa sì che le note di basso non registrino bene come elemento costitutivo delle armonie. La trasposizione in giù di un'ottava rende i bassi confusi come qualsiasi cosa e gli accordi un pasticcio di forte impatto piuttosto che una struttura armonica.

È interessante che la chitarra (che viene suonata un'ottava più in basso di quanto è scritto) le sue note fondamentali e gli accordi funzioneranno meglio per l'accompagnamento alla loro altezza reale rispetto a un pianoforte.

C'è anche questa cosa con le formanti maschili / femminili che rende una voce maschile un'ottava più bassa di una voce femminile in realtà si fondono meglio con gli armonici della voce femminile.

Quindi, fondamentalmente, trasporre la parte di pianoforte verso il basso insieme al canto è una cattiva idea sia perché il piano suona male come accompagnamento in quella gamma sia a causa del diverso carattere di voce maschile e femminile.

Anche quando si assume una voce in duetto suonata al pianoforte, l'ottava del pianoforte per armonizzare è meno importante di quanto sarebbe per uno strumento a tono continuo come un organo ad ancia o violino perché non c'è parità di volume sostenuta, la pia non essere uno strumento a percussione.

Mi piacerebbe vedere prove / fonti per "una voce maschile un'ottava più bassa di una voce femminile in realtà si fonde meglio con le sfumature della voce femminile".
#2
+6
phoog
2019-12-15 06:41:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

No. Provalo e vedrai quanto suona orribile.

Potrebbero esserci delle eccezioni a questa regola generale, ma saranno rare. In effetti, è comune che le raccolte di brani siano disponibili in diverse tonalità per voce alta, media e bassa. Se fossero specifici per cantanti uomini o donne, ci sarebbero il doppio delle edizioni, etichettate per soprano, tenore, mezzosoprano, baritono, contralto e basso.

#3
+5
guest
2019-12-15 06:37:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suona la parte di pianoforte come scritto.

Nella maggior parte degli accompagnamenti di canzoni (tranne in situazioni speciali come le canzoni per bambini piccoli, o dove il musicista dovrebbe guidare il pubblico cantando, ecc.) l'accompagnamento fa non "raddoppia" la parte vocale, e funzionerà benissimo cantata in una gamma di voci maschili o femminili.

Ci possono essere alcune eccezioni a questo nelle canzoni scritte in passato, dove (1) il testo implicava fortemente che il cantante poteva essere solo maschio o femmina, e (2) LGBT non era ancora una cosa. Ma non esiste una "regola generale" che si applichi a queste rare situazioni: devi solo considerare ogni canzone in base ai suoi meriti.

Anche se il testo implica che la voce narrativa è di un genere particolare, un cantante dell'altro gene può spesso cantare la canzone. Sta recitando, dopotutto.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...