Domanda:
Gli esercizi Hanon sono un ottimo modo per sviluppare la forza e la destrezza delle dita?
iddober
2011-04-27 14:07:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono molte opinioni diverse su "Il virtuoso pianista in 60 esercizi" di Charles-Louis Hanon. Alcuni dicono che non è musicale e può persino causare danni al polso, mentre altri pensano che siano i migliori esercizi in circolazione. Sono un pianista principiante, come dovrei considerare questi esercizi?

Non possono essere sia una ripetizione insensata non musicale che un ottimo modo per sviluppare la forza e la destrezza delle dita?
Hmm, è questa [buona soggettiva] (http://blog.stackoverflow.com/2010/09/good-subjective-bad-subjective/) ed è una [vera domanda] (http://blog.stackoverflow.com / 2011/01 / vere-domande-risposte /)?
@Alex Basson: La risposta è assolutamente sì ad entrambi!
Alcuni degli esercizi Hanon possono essere trovati qui: http://www.hanon-online.com/ -
Cinque risposte:
#1
+18
ogerard
2011-04-27 21:53:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Esistono diverse scuole di insegnamento del pianoforte. Sono stato cresciuto nell'idea che quasi tutta la formazione tecnica dovrebbe essere fatta con uno specifico brano di musica composta come obiettivo, non in isolamento, e dovrebbe essere definita dall'insegnante dopo l'osservazione dell'esecuzione di uno studente. Non ci vuole molto per scrivere un piccolo esercizio su un foglio di carta. L'arte dell'insegnamento consiste nel proporre brani gradualmente impegnativi dal repertorio coprendo il terreno tecnico più importante.

Chopin e Liszt furono i primi studi di pianoforte che erano anche opere d'arte di per sé e avevano una visione più ampia di lo stile del loro tempo.

Clementi, Hanon, Kunz e consorti sono nella mia piccola esperienza di insegnamento un ottimo modo per scoraggiare gli studenti e non ottenere nulla di utile, ma altre scuole di pianoforte possono avere un tradizione efficiente di usarli per il bene dello studente. Non so come farlo. So come farlo con Bach, Schumann, Debussy, Scarlatti, Bartok, Chopin.

Czerny è un'altra cosa, consiglierei alcuni dei suoi studi dalle sue opere pedagogiche, ma ancora una volta secondo ciò che desideri saper giocare e con le pinze.

Studiare troppo (e troppo presto) senza pause, regolarità e progressività, negando il dolore, credendo che forzare e colpire con forza ti darà dita migliori, è la fonte più comune e reale di danni al polso, infiammazioni alle mani e traumatismi, non una serie specifica di esercizi per pianoforte.

+1 Ho sempre visto un notevole miglioramento nell'affrontare pezzi difficili. cioè: Studio rivoluzionario, Concerto di Varsavia, ecc. Hanon non ha mai fatto molto per me. Fingerpower (http://www.amazon.com/Fingerpower-Progressive-Technical-Exercises-PRIMER/dp/B000BWO2ZG/ref=sr_1_5?s=books&ie=UTF8&qid=1303967837&sr=1-5) è stato utile per costruire una fondazione all'inizio , ma oltre a quell'intenso allenamento con le dita non mi ha mai fatto molto senza un pezzo che lo accompagni. Inoltre, il controllo del gomito è spesso più importante della forza delle dita.
+1 Praticare gli esercizi di Hanon senza un obiettivo musicale ti renderà solo molto bravo a suonare gli esercizi di Hanon.
#2
+11
Dasaru
2011-04-28 01:33:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei rispondere a questa domanda citando un musicista che ho conosciuto online. Ho dimenticato chi fosse, quindi me ne scuso. Ma quella persona ha sviluppato il tunnel carpale dopo aver martellato usando esercizi simili. Tuttavia, ciò che ha detto in seguito rimarrà con me per sempre. Ha detto: "Questi esercizi funzionano davvero per aiutarti a sviluppare migliori capacità di gioco. Usa cautela e consideralo come un sollevamento pesi. Molto utile, ma puoi farti male".

Credo che quella citazione si evidenzi esattamente a cosa servono questi esercizi. Per usare un'analogia simile: immagina un pugile che solleva pesi. Questo di per sé non li rende direttamente un pugile migliore. Ma consentirà al pugile più forza, potenza e resistenza nell'arena della boxe. Per un pianista, questi esercizi sono progettati per dare al musicista più forza delle dita, migliore flessibilità e maggiore precisione. Tuttavia, dovresti pensarlo come uno strumento e nient'altro.

Proprio come il pugile professionista, non vuoi dedicare tutto il tuo tempo alla pratica a sollevare pesi. Un pugile che fa solo questo verrà ucciso sul ring. Il pugile avrà molta forza, ma nessuna forma di boxe. Al contrario, come pianista, devi sviluppare un forte senso musicale. Questi esercizi non ti insegneranno come interpretare la musica o suonare "magnificamente".

Un po 'fuori tema: sono gli stessi problemi con le persone che dipendono interamente dal metronomo. È uno strumento eccellente per mantenere il tempo, ma devi comunque sviluppare il tuo "tick interno".

Ricorda solo che c'è stato un tempo in cui questi strumenti non esistevano.

#3
+5
Babu
2011-04-28 00:50:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vorrei anticipare la mia risposta completa dicendo che detesto quegli esercizi. Sono noiosi, ripetitivi e, verso la fine della serie, sono davvero incredibili. D'altra parte, fanno un lavoro ragionevolmente buono isolando specifici "riff" e creando fiducia nel suonarli.

Il loro posto nel mio sviluppo musicale è uno strumento che mi aiuta ad allenare le mie dita nel suonare passaggi tecnicamente difficili all'interno della musica "reale" (per mancanza di un termine migliore). Ad esempio, quando ho problemi a suonare ottave parallele, rompo gli esercizi di ottava che sono simili alla sezione che mi dà problemi. Quando suono gli esercizi Hanon, li traspongo anche nella tonalità del pezzo di destinazione, invece di restare in do maggiore.

Il punto è che mi piacciono perché mi aiutano a suonare passaggi specifici. Riproduzione dell'intero libro in una maratona non è utile per me. Detto questo, farlo probabilmente non è intrinsecamente dannoso per il tuo modo di suonare.

#4
+1
bmargulies
2011-04-27 16:59:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Integrando ciò che ho letto (e non sono un professionista ), sarei cauto a meno che tu non abbia un insegnante che ti prenda se sei a rischio di farti del male. Tuttavia, sospetto anche che sia difficile farti del male a meno che non passi ore di seguito con una cattiva posizione delle mani.

Un libro davvero meraviglioso ("Suonare il pianoforte per piacere") li consiglia.

#5
  0
Gramnation
2017-01-09 01:14:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I think it's important for beginners to notice that each bar in a hanon exercise is often not the same melody. It cannot be good for a student's ear to play multiple subtly different melodies per octave while assuming they're the same.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...