Domanda:
Cosa costituisce la teoria?
Tim
2018-10-25 13:06:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono molte domande qui riguardo alla teoria. Non sorprende dato il titolo del sito!

Quello che sto cercando di stabilire è dove la teoria inizia e possibilmente finisce. Ad esempio, è solo conoscere una parte importante della teoria; un inizio di teoria?

La storia degli artisti dello spettacolo entra in teoria: una commissione d'esame nel Regno Unito la pensa così e include domande al riguardo negli esami.

Esiste una formulazione semplice e carina di ciò che costituisce la teoria musicale?

Non credo che "pensare che sia teoria" sia la ragione per cui la commissione d'esame ha incluso date e nomi nel documento teorico; probabilmente è solo per una marcatura più facile o per qualche altra meta ragione e non perché sia ​​considerata teoria musicale.
Ce l'hai al contrario. Il vero significato di una parola di categoria non prescrive mai i confini di una categoria, poiché l'appartenenza a categorie linguistiche è graduale. Puoi certamente trovare definizioni in cui un gruppo di umani ha accettato di erigere un confine artificiale attorno a una categoria, ma questo non rifletterà mai l'uso effettivo della parola di categoria al di fuori dei documenti e dei processi formali creati dal gruppo di definizione. La tua "simpatica e semplice formulazione" di "dove finisce" non esiste. La parte da rispondere è "da dove inizia" se con questo intendi gli elementi centrali della categoria.
@rumtscho - sembri pedante quasi quanto me! Deve avere una sorta di punto iniziale, ma ovviamente nessun punto finale, tranne dove si trova ora, che è tangibile. Ho cercato di essere il più aperto possibile, per incoraggiare le persone a rispondere.
Ora sono confuso da "tranne dove si trova ora, che è tangibile", potresti spiegare cosa intendi prima che inizi a fare supposizioni selvagge?
@rumtscho - alla ricerca dei margini della teoria - le ultime pepite, i confini che spingono le parti. Dove è andato così lontano. Se lo sapessi, non lo chiederei! Supponendo che non sia buono come alcuni pensano ...
Sei risposte:
#1
+5
user45266
2018-10-25 23:48:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La teoria musicale , in contrapposizione alla pratica musicale nel suo insieme, è un'astrazione . La teoria musicale viene applicata per praticare la musica.

La teoria musicale, come termine, è simile a "matematica". Si applica la matematica per portare a termine i compiti, mentre i concetti alla base non sono correlati al problema.

Allora, dove inizia la teoria e dove si ferma?

La teoria inizia con la teoria dell'acustica e della fisica, secondo me. Inizia con vibrazioni, definizioni di frequenza, rapporti e simili in relazione alla produzione fisica del suono. Nel corso della storia, le civiltà hanno preso questi concetti e li hanno trasformati in arte, creando alcune delle nostre unità più basilari di teoria musicale, vale a dire. scale principali, intervalli, polifonia e ritmi e, infine, progredire nel tempo.

La teoria, definita, finisce quando entra nell'esecuzione fisica di ciò che descrive. I limiti della teoria sono anche limitati dagli ultimi sviluppi della teoria stessa, ma in generale la teoria è definita contro la pratica e si estende alle concettualizzazioni della percezione sonora.

C'è poco sull'acustica e la fisica nella maggior parte dei libri di teoria generale che ho letto.
#2
+4
supercat
2018-10-25 21:58:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Suggerirei che la "teoria" della musica si riferisca all'identificazione di come è probabile che le varie combinazioni di suoni vengano percepite da un tipico ascoltatore e in base a come si potrebbero organizzare i suoni in modo che gli ascoltatori li percepiscano in qualche modo desiderato (piacevole o spiacevole, felice o triste, teso o rilassato, ecc.) Lo studio di come i vari compositori hanno arrangiato i suoni e di come le loro opere sono percepite è una parte fondamentale della teoria musicale, poiché aiuta a identificare quali caratteristiche influenzano le percezioni di un ascoltatore in vari modi. Ciò che è più importante da tenere a mente della teoria, tuttavia, è che non classifica realmente le cose come "giuste" o "sbagliate". Invece, quando la teoria suggerisce che un compositore "dovrebbe" fare qualcosa, ciò significa che la violazione di tale consiglio rischia di portare un brano musicale a essere percepito come sgradevole. Tuttavia, tale consiglio non è infallibile. A volte un lavoro sarà percepito come piacevole anche quando la teoria musicale predirebbe il contrario.

Sono d'accordo. Non esiste una "teoria" al ritmo. C'è teoria nell'armonia perché è l'estensione degli intervalli - come vengono interpretati gli intervalli simultanei. Diatonico è un esempio di una specifica teoria musicale ... un insieme specifico di toni che ti danno un numero limitato di combinazioni con cui 'dipingere musica' . La teoria del colore riguarda i diversi modi di modellare, esprimere, il colore che ti dà le opzioni per portare a termine il lavoro che è necessario fare.Quindi la nomenclatura non è una teoria più di quanto un dizionario inglese sia `` Teoria inglese ''.
@RandyZeitman: Esiste una teoria su quando gli ascoltatori si aspetteranno che certe cose accadano in base a schemi ritmici precedenti. Il fatto che una misura di 6/8 o 3/4 venga riempita con precisione da una mezza nota puntata, o da un quarto e quattro ottavi, o note con varie altre combinazioni di durata, è una questione di definizione piuttosto che di teoria, ma molto di ciò che rende il ritmo interessante è come lo percepiranno gli ascoltatori. La percezione dell'ascoltatore di una figura ritmica ripetuta come (un quarto puntato ottavo quarto dritto) sarà molto diversa se ci sono battiti di batteria ...
... segnando quarti dritti 3/4 tempi o quarti punteggiati 6/8 tempi. Si deve definire la nomenclatura per eseguire musica così come per comprendere la teoria, ma la ragione per cui la nomenclatura * esiste * per indicare che gli artisti dovrebbero produrre determinate combinazioni di suoni è che tali combinazioni sono state trovate per ottenere effetti percettivi desiderabili.
@RandyZeitman c'è la teoria al ritmo. Sei mai stato a capo di motivi ritmici, polimeri e modulazione metrica? Anche il concetto di metro e sincronizzazione mostra lo studio teorico e l'applicazione o il ritmo.
Cosa c'è di teorico su questi? Il blues è una teoria o uno stile? In che modo i concetti di metro e sincpazione mostrano lo studio teorico e l'applicazione o il ritmo? Perché varie combinazioni di battiti dovrebbero essere "teoria"? (Da quale studio teorico provengono? ... qual è la teoria che spiega perché alcune combinazioni suonano meglio di altre?)
@RandyZeitman una domanda migliore è come non sono teorici? La comprensione di una gerarchia di metriche mostra cosa è previsto e inaspettato e i modelli che lo accompagnano. La sincope è un'estensione di ciò derivando da questa gerarchia. Pattern e motivi ritmici mostrano la stessa cosa che può fare l'armonia e sono essenziali per comprendere la forma. Solo perché non se ne parla tanto quanto il lato armonico della teoria non significa che non sia teoria.
Non sono teorici perché non sono né derivati. Ti ho solo chiesto di sostenere questa affermazione e invece vuoi giocare "solo perché nessuno ne parla come una teoria non significa che non lo sia". Mostra che è una teoria.
@RandyZeitman hai letto qualcosa oltre la prima frase? Non mi ripeterò. I tempi in chiave sono modelli teorici di ericeria rimica e con aria di sfida sono uno studio derivato. Per vederlo, togli le stanghette da qualsiasi pezzo di musica e guarda gli schemi.
@RandyZeitman: Se un compositore desidera creare un ritmo di batteria originale che faccia sentire l'ascoltatore inizialmente rilassato, ma che gradualmente si senta sempre più a disagio, come dovrebbe essere realizzato? Una comprensione della teoria ritmica non fornirebbe solo un ricettario fisso di schemi ritmici, ma consentirebbe anche di prevedere come sarebbero percepiti i nuovi ritmi originali, e quindi costruire ritmi che otterrebbero il particolare effetto desiderato.
@Dom L'ho letto più volte. Ora stai facendo una richiesta senza supporto. Non ho idea del motivo per cui 3/4 è un "modello teorico di ericeria rimica" ... chi è l'autore di quella teoria?
@supercat Sembra che sarebbe stato ottenuto attingendo a ritmi noti che danno il risultato desiderato. Se effettivamente è necessario essere "originali", l'autore dovrà "testare sul mercato" le creazioni. Fai riferimento alla "teoria ritmica" ma qual è la teoria? ... qual è il parallelo ritmico alla teoria di Myers-Lipps per spiegare la dissonanza in funzione della matematica, per esempio.
@RandyZeitman guarda la definizione di un tempo in chiave. Dire che qualcosa è in 3/4 porta tante informazioni quanto dire che un pezzo è in sol maggiore. Dà cosa aspettarsi ritmicamente, dove sono gli accenti e raggruppamenti tipici del ritmo. Una chiave ti dirà la tonica e se aspettarti un'armonia maggiore o minore. Entrambi hanno informazioni e comprensioni importanti da trasmettere su un brano musicale nel contesto della musica nel suo insieme (quindi perché è teoria).
@Dom Non sono sicuro del tuo punto. (Cosa c'entra l'informazione con la comprensione della differenza tra teoria e convenzione?) Cosa pensate che significhi "teoria"?
@RandyZeitman ha a che fare con il motivo per cui è teoria. Se pensi che parlare di una chiave sia un concetto teorico, allora non capisco perché metteresti in dubbio che l'indicazione del tempo non lo sia. L'unica differenza è che si parla di struttura armonica e si parla di struttura ritmica. Prendiamo la definizione di questa risposta _musica "teoria" si riferisce all'identificazione di come le varie combinazioni di suoni sono probabilmente percepite da un tipico ascoltatore_, l'indicazione del tempo è un fattore _enorme_ in quanto la struttura ritmica è uno dei fondamenti di una composizione.
Ho spiegato in modo molto specifico perché ... perché le note di una scala diatonica sono derivate. Una chiave non è derivata ... Non ho mai detto nulla sul fatto che sia un concetto teorico, ma Wikipedia dice "La teoria musicale è lo studio delle pratiche e delle possibilità della musica". quindi secondo loro la teoria musicale non è una teoria allo stesso modo delle altre teorie "scientifiche", quindi credo che tu abbia ragione, dopotutto.
#3
+3
Shevliaskovic
2018-10-25 13:27:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quello che sto cercando di stabilire è dove la teoria inizia e possibilmente finisce.

Direi che la teoria musicale inizia con Rhythm , Melody e Harmony , che sono i tre componenti di base per ogni brano composto. Quando una persona inizia a imparare la teoria musicale, è lì che inizia. Anche se qualcuno inizia a suonare uno strumento (senza imparare la teoria), è qui che inizia anche lui! Imparano la teoria in pratica senza nemmeno saperlo.

Finisce .... da nessuna parte. Fondamentalmente le persone "inventano nuova musica" ogni giorno, soprattutto oggigiorno con tutta la tecnologia che possono usare. Quindi, può esserci una teoria che spiega quella musica.

Quindi, imparare il Do maggiore è una scala che direi è parte della teoria musicale; una delle nozioni di base che dovresti conoscere, ma ne fa ancora parte.

La storia degli artisti dello spettacolo entra in teoria

Io dì sì e no. Trovo importante conoscere la storia della musica, in modo da poter capire da dove provengono i compositori / interpreti. Perché Bach ha composto il modo in cui ha composto? Perché Stravinsky era così com'era? ecc.

Il background storico di questi compositori ha giocato un ruolo importante nel modo in cui hanno composto ed eseguito.

Esiste una formulazione semplice e carina di ciò che costituisce la teoria musicale?

Semplicemente, la teoria musicale è il modo di spiegare la musica; il modo per capire la musica; le possibilità, le pratiche e in generale cosa sta succedendo in una canzone. Fondamentalmente le regole grammaticali della lingua scritta della musica. Spiega cosa succede quando ascoltiamo la musica.

Wikipedia fornisce una bella spiegazione dal The Oxford Companion to Music

Il primo è quello che altrimenti viene chiamato " rudimenti ", attualmente insegnato come gli elementi di notazione, di tonalità di chiave, di tempo in chiave, di notazione ritmica e così via sopra. [...] Il secondo è lo studio degli scritti sulla musica dai tempi antichi in poi. [...] La terza è una area di studio musicologico corrente che cerca di definire processi e principi generali nella musica - una sfera di ricerca che può essere distinta dall'analisi in che non prende come punto di partenza il lavoro o la performance individuale, ma i materiali fondamentali da cui è costruito.

The Oxford Companion to Music

Arbitrario non è sinonimo di teoria, diatonico, ad esempio, è una teoria sulla struttura di una scala. Ci sono un sacco di altre teorie là fuori, ma quali sono le teorie per il ritmo e l'armonia? Qual è la "spiegazione" che offrono?
@phoog Non c'è niente nella domanda su tre elementi di una canzone.
@RandyZeitman questo è precisamente il mio punto.
? Chi sta menzionando tre elementi? La domanda non ... e poi dici che è questo il tuo punto.
@phoog - potresti aver svalutato la * risposta * - e ben fatto per il motivo - ma devi ancora votare la * domanda *.
@Tim È corretto. Ho digitato la parola sbagliata nel commento precedente, che avrebbe dovuto dire "Ho svalutato questa risposta". Grazie per segnalarlo.
Ho svalutato questa risposta perché l'idea stessa che ci siano tre elementi di base in una canzone è essa stessa teoria. Se dici che la teoria inizia con quegli elementi, hai saltato qualche analisi a un livello più fondamentale.
@RandyZeitman Ho pubblicato una versione corretta del mio commento precedente.
#4
+3
Laurence Payne
2018-10-25 16:22:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

OK, sappiamo che la "teoria" è usata per descrivere tutto, dai rudimenti di base all'analisi schenkeriana. Quindi questa è la risposta alla domanda.

Cosa DOVREBBE significare "teoria"?

Penso che possiamo utilmente separarla dai rudimenti, una conoscenza del linguaggio della musica. È difficile iniziare con la teoria finché non conosci la lingua ...

Mi piace la definizione scientifica di "teoria". Osserviamo, codifichiamo, facciamo previsioni e quando le previsioni funzionano in modo coerente abbiamo una teoria utile. Ma un principio scientifico di base è che non ti innamori di una teoria. Quando c'è la possibilità di guardare qualcosa da una prospettiva diversa - Einstein piuttosto che Newton - ci rallegriamo! Se vogliamo un navigatore satellitare nella nostra macchina, ci vuole Einstein. Ma Newton è ancora bravo sul campo di calcio. Possiamo mescolare i due? Sicuro. A volte. Ove opportuno. Ed è qui che "l'arte" prende il posto della "teoria" nella musica.

Grazie per l'ascolto. Nessuno pensava davvero che ci sarebbe stata "... una formulazione semplice e carina di ciò che costituisce la teoria musicale?" era utile, vero?

In realtà mi piace questo post (essendo un fisico) per quanto riguarda la nozione di teoria scientifica. Perché tuttavia non sono d'accordo con questa risposta: ** la musica non è una disciplina scientifica **. Quello di cui parli non sono teorie musicali ma teorie _musicologiche_. La musicologia è davvero una scienza che studia la musica esistente che le persone hanno fatto in passato. Ma la musica non è una scienza ma un'arte, e nella misura in cui la teoria musicale dovrebbe essere più qualcosa di simile alla teoria matematica, cioè costruzioni assiomatiche che vengono prima dei risultati effettivi (teoremi / composizioni, rispettivamente).
Quando le previsioni funzionano costantemente, quella teoria diventa nota come legge. Sono d'accordo sul fatto che la teoria musicale venga dopo l'evento piuttosto che prima di esso - è una riflessione. Ma poiché il sito ha * teoria * nel titolo, sarebbe giusto che siamo d'accordo su cosa significhi effettivamente ..?
#5
+3
topo Reinstate Monica
2018-10-25 18:51:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Immagino che quando le persone parlano di teoria musicale in genere si riferiscano a queste tre cose:

Schemi e pratiche - linee guida specifiche per lo stile sulla falsariga di "se vuoi per suonare così, segui queste regole ". (Questo potrebbe essere il punto in cui la storia degli artisti dello spettacolo, come menzionato nella tua domanda, ha una certa rilevanza).

Notazione e terminologia che ci aiutano a comunicare con gli altri (almeno, altri che conoscono la stessa notazione e terminologia!). L'esempio nella tua domanda - sapere che una scala maggiore è chiamata "scala maggiore" - ne è un esempio.

"Aspetti scientifici" - le aree dell'acustica e della psicologia che ci aiutano a capire perché percepiamo il suono in certi modi.

A parte il terzo elemento, ho sempre pensato che la teoria musicale non sia davvero molto "teorica" ​​se paragonata a ciò che in altri campi passa per "teoria"! L'insegnamento della teoria musicale inizia spesso con aree di conoscenza che sono molto strettamente correlate al suonare uno strumento; spesso devi persistere con il tuo studio per un po 'prima di passare alle cose più fondamentali. Un altro effetto collaterale di questo è che molto di ciò che le persone imparano all'inizio della loro formazione teorica è in qualche modo specifico per la musica di una particolare cultura; spesso quando le persone parlano di "teoria musicale" hanno la teoria musicale occidentale soprattutto nei loro pensieri.

Farei attenzione se dicessi che la notazione fa parte della teoria musicale. Sebbene ci siano molte notazioni esclusive della teoria musicale, la notazione del pentagramma di base ei nomi delle note e dei ritmi non sono concetti teorici. In genere è un prerequisito per la teoria ma non una parte di essa.
@Dom perché dici che non sono concetti teorici?
Perché non lo è, sono solo notazioni usate per trasmettere idee musicali. Potresti sapere come leggere la notazione musicale senza un minimo di conoscenza teorica. Guardare una nota da un quarto di G sul pentagramma non ha solo concetti teorici. La teoria studia i modelli più approfonditi tipicamente conversati attraverso la notazione standard. L'unico motivo per cui la notazione di base è trattata in teoria è che viene utilizzata come veicolo per molte idee di teoria musicale. Sarebbe quasi impossibile insegnare concetti con le voci. È come dire che la registrazione di una canzone è teoria musicale. C'è una teoria lì dentro, ma da sola non lo è.
@Dom Ma la notazione stessa è basata su alcuni concetti astratti, come il modo in cui lo spazio e il tempo dell'altezza dovrebbero essere divisi quando si modella un brano musicale. Questi sono concetti rudimentali, ma direi ancora che sono rudimenti * di * teoria - che è incidentalmente anche la posizione che * The Oxford Companion to Music * sembra assumere (vedi la risposta di Shevliaskovic.) La differenza tra notazione e registrazione è che la registrazione non suggerisce o implica alcun modo particolare di modellare o analizzare il suono - non è basata sull'idea che un pezzo abbia "note", per esempio.
come continuo a dire, questo è intricato con la teoria musicale a causa dell'uso che la notazione musicale è fondamentale nel trasmettere esempi. La notazione in sé non è un concetto astratto. È molto meccanico. La mappatura delle altezze è astratta, ma solo per il fatto che strumenti diversi possono mappare le altezze in modo diverso, ma la confronterei con le differenze di basi nel nostro tipico sistema di numerazione. 10 può essere 2 se stai guardando base2.
@Dom Sia che tu veda la notazione musicale come una rappresentazione del suono, o una rappresentazione dei movimenti meccanici necessari per produrre il suono, è una rappresentazione astratta, non letterale. Anche i numeri sono astratti: le cifre "10" rappresentano l'idea che ci siano dieci di qualcosa (o, come dici tu, due di qualcosa :) senza che sia effettivamente necessario rappresentare dieci (o due) oggetti. Si potrebbe dire che questo è molto semplice e la comprensione della notazione di posizione è un aspetto della matematica, piuttosto che (diciamo) della matematica. Quindi ... la matematica sta alla matematica come la teoria musicale sta a __________?
I numeri arabi non sono matematici sebbene siano usati in esso e sono i simboli predefiniti. I simboli sono importanti nello studio, ma i simboli stessi non sono lo studio. Potresti fare tutta la matematica in numeri romani se lo desideri, anche se sarebbe inefficiente. La musica ha un sistema di annotazione estremamente ricco e profondo che le persone non si preoccupano di imparare. Imparano le basi e si muovono, motivo per cui considero la notazione separata dalla teoria. Sono entrambi campi molto grandi che devono essere indipendenti, altrimenti le persone non li studiano. C'è un motivo per cui la maggior parte delle domande sul sito sono legate alla notazione.
@Dom "I numeri arabi non sono matematici sebbene siano usati" - sì, è qualcosa che * ho * appena detto nel mio ultimo commento. E porta alla domanda: dato che, dato che noi (almeno qui nel Regno Unito) tendiamo a chiamare l'apprendimento dei concetti di base dei numeri "matematica" piuttosto che "matematica", pensi che ci sia un termine equivalente per concetti di base della musica ? Per quanto ho visto, anche le cose di base vengono ancora chiamate "teoria musicale". Pensi che ci sia un termine migliore per questo?
È una notazione musicale come ho detto nel mio ultimo commento e c'è molta profondità in essa. Potresti insegnare un intero semestre di collage su di esso e sfiorare la superficie poiché ci sono molti dettagli che lo rendono denso come il fraseggio, l'articolazione e la dinamica. Sebbene questi siano usati nei concetti di teoria musicale come forma e motivi, si distinguono da soli come indipendenti se guardati isolatamente.
@Dom abbastanza giusto! Come ho sottolineato, tuttavia, la comprensione della notazione si basa sulla comprensione di concetti teorici che non sono di per sé specifici della notazione e, come hai sottolineato, l'apprendimento della notazione è visto come un prerequisito per l'apprendimento di una teoria più avanzata. Quindi, per lo meno, la notazione è (per usare la tua parola) molto `` intricata '' con la teoria musicale - e puoi capire perché * The Oxford Companion to Music *, io e (penso) altri tendiamo a pensare alla notazione come essere parte della teoria musicale.
@Dom - Come mai questa lunga conversazione non è mai stata consegnata "alla chat"? La maggior parte dei libri di teoria e degli esami considera la notazione come una parte importante della teoria, (e anche i rudimenti devono appartenere a lì, sicuramente, altrimenti non c'è molto linguaggio utile?) A giudicare dallo spazio che occupa! Potrebbe non essere * teorico * ma appartiene al titolo * teoria *. Questi sono i pensieri che aspettavo con ansia quando la domanda è stata posta.
#6
+3
Kristoffer Brinch Kjeldby
2018-10-26 22:01:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dovresti notare la distinzione fatta da Guido Adler tra teoria musicale sistematica e storica: la teoria musicale sistematica si occupa delle leggi che governano la musica per tutte le persone in ogni momento. La teoria musicale storica si occupa delle leggi che governano la musica per un dato periodo storico e all'interno di un dato contesto storico.

Fatto. Uno è indipendente (scientifico) e l'altro dipendente (soggettivo). Upvote da me. Le persone sono degli idioti per aver votato negativamente una risposta perfettamente utile così com'è.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...