Domanda:
Suonare dolcemente e delicatamente il violino
Everiana
2019-12-31 07:38:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sto imparando il violino come principiante (2,5 mesi) e uno dei primi pezzi di esercitazione contiene dolce e pianoforte . Quest'ultimo è più come suonare in modo silenzioso e delicato, quindi ha un senso intuitivo e penso di sapere come farlo. Tuttavia, non riesco a suonare "dolcemente", molto probabilmente perché non capisco bene cosa comporterebbe. Probabilmente non è solo questione di suonare più piano, e forse ho bisogno di prestare particolare attenzione a come cambiare le note e la posizione dell'arco tra la tastiera e il ponte.

Poiché questo è nei brani per principianti, Presumo che questo non sia uno di quei tipi "lo otterrai dopo pochi anni", anche se potrei sbagliarmi. Qualsiasi aiuto, concettualmente e praticamente, sarebbe molto apprezzato!

Due risposte:
leftaroundabout
2020-01-01 01:50:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che la metafora del gusto lo catturi abbastanza bene: mentre piano e dolce sono entrambi "morbidi" in un certo senso, lo sono in modi molto diversi. p è un tipo timido e fragile, come è morbida una foglia di menta balsamica. Ma il dolce è un tipo morbido e avvolgente, più simile al modo in cui è morbida una torta alla crema. Oltre a come è dolce.

Allora, come lo suoni? È difficile da spiegare, questo è in effetti una delle cose che richiede molta pratica per avere davvero la sensazione . Un paio di elementi tecnici che possono contribuire a un suono dolce sono

  • inchinarsi sul tasto , cioè più lontano dal ponte e quasi sopra la tastiera. Questo tende a consentire la generazione di un suono più fluido e meno aspro, se si ottiene la giusta pressione e velocità.
  • Fraseggio legato. In particolare, evita di accentuare ritmicamente l'inizio delle note, ma non lasciare che le note si "assottigliano" alla fine. In effetti, puoi provare a ritardare apertamente gli inizi delle note: inizia molto dolcemente ma poi lascia che le note sboccino. Questo non è qualcosa che faresti in un semplice passaggio p , che dovrebbe mantenere il fraseggio così com'è.
  • vibrato. Qui mi sembra di non essere d'accordo con Old Brixtonian - IMO dolce può venire fuori molto bene con un forte vibrato, solo che non deve essere troppo frenetico. Non troppo veloce o troppo largo, ma denso e calmante. (Qualunque cosa questo dovrebbe significare ...)

Anche se sei ancora un principiante, non preoccuparti troppo di ottenere davvero un notevole dolce suono all'interno di un pezzo. La cosa più importante è che tu provi quanto diverso risponde lo strumento quando lo suoni in un certo modo, questo è ciò che alla fine ti darà il giusto senso, sensazione , per tali sfumature.

Questa è una buona risposta. Sono d'accordo con "quasi sulla tastiera", non sono sicuro di ritardare l'inizio delle note, e non sono d'accordo sul vibrato denso e rilassante. Sento che stai virando verso l '* espress. * Che il compositore non ha chiesto! * p *, non è "un tipo timido e fragile": le dinamiche ci dicono solo quanto forte o piano suonare. Non c'è più timidezza in * p * che socievolezza in * f *. * Dolce *, però, suggerisce un certo grado di fragilità: non, per me, un "tipo morbido e avvolgente": le torte alla crema? Esci da qui! - ma come ho detto: tale musica è tenera, semplice e talvolta infantile.
Old Brixtonian
2019-12-31 09:49:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

piano è semplicemente p : più silenziosamente di mp , ma non così silenziosamente come pp .

Dolce significa, come dici tu, "dolcemente", e penso che suggerisca spesso un certo grado di semplicità nel suonare. Il compositore potrebbe aver scritto espress. ma ha scelto di NON farlo. Penso che tali passaggi dovrebbero essere suonati con poco rubato e con poco vibrato. La musica contrassegnata con dolce è tenera, spesso semplice e talvolta infantile.

Non credo che "piccolo vibrato" sia comunemente accettato, piuttosto il contrario.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Continua a leggere su narkive:
Loading...